Maternità ed effetti economici e giuridici del contratto

Docente – Buongiorno, sono una docente iscritta in III fascia delle graduatorie d’istituto.  A inizio settembre ho accettato un contratto a tempo determinato di 12 ore fino al 30/06.  Sono incinta e la data prevista del parto è fine gennaio. Volevo chiedere come vengono  considerati ai fini retributivi, ai fini del punteggio ed ai fini del concorso  per l’abilitazione previsto nel 2018 rispettivamente i seguenti periodi: 1. il periodo di gravidanza obbligatoria (5 mesi, 2 antecedenti il parto ed i 3 successivi); 2. l’eventuale periodo di astensione anticipata per gravidanza a rischio; 3. l’eventuale periodo di maternità facoltativa successiva alla maternità obbligatoria. Visto che il mio contratto scade il 30/06, successivamente a tale data non avrò più diritto a percepire la maternità facoltativa fino al compimento dell’anno del bambino? Ringrazio anticipatamente dell’attenzione.  Cordiali saluti.

Paolo Pizzo – Gentilissima docente,

per il personale collocato in maternità gli effetti economici e giuridici del contratto sono validi a tutti gli effetti, come se la docente fosse in effettivo servizio.

Pertanto, una volta accettata la nomina, e fino quindi alla durata della stessa, qualsiasi tipo di congedo per maternità, compreso quello parentale, è considerato a tutti gli effetti.

Scaduto il 30 giugno non avrai diritto a nulla dal momento che la maternità obbligatoria è già stata fruita.

Posted on by nella categoria Supplenze, Maternità e Paternità
Versione stampabile
ads ads