Congedo biennale. Punteggio di ruolo

Valerio – Gentilissimi, sono un insegnante di ruolo nella scuola secondaria e a Gennaio vorrei richiedere 2 mesi di congedo retribuito per assistere mia madre che dovrà operarsi. Mia madre è in situazione di gravità ed ha la 104 art.3 comma 3 ed io sono il suo unico figlio convivente (mia sorella risiede all’estero). Con quanto anticipo devo chiedere tale congedo retribuito? I due mesi incideranno sulla maturazione del punteggio di ruolo? Devo utilizzare un modulo particolare o basta la richiesta in carta semplice alla segreteria della mia scuola? Posso inviare una Pec?

Paolo Pizzo – Gentilissimo Valerio,

potrai legittimamente fruire del congedo solo nel caso in cui sia mancante tuo padre o abbia delle patologie invalidanti.

Infatti, la norma prevede che il primo beneficiario del congedo sia il il coniuge convivente / la parte dell’unione civile convivente della persona disabile in situazione di gravità.

Se quindi tuo padre è ancora in vita o non abbia delle patologie invalidanti non potrai fruire del congedo.

Detto questo, la norma prevede che il datore di lavoro abbia fino a 60 giorni di tempo per valutare la richiesta, mentre per ciò che riguarda il secondo quesito  il periodo di congedo è riconosciuto come servizio effettivamente prestato sia ai fini del punteggio di ruolo che delle continuità di servizio.

La richiesta può essere anche prodotta in carta semplice.

Posted on by nella categoria Permessi e aspettative
Versione stampabile
ads ads