Gli incontri di carattere collegiale devono essere calendarizzati e la convocazione è effettuata in forma scritta

Marina– mi confermi che tutti gli impegni di carattere collegiali  (plessi, interplessi, ecc) ,devono essere calendarizzati dal dirigente in modo formale quindi, con comunicazione scritta nei termini dei 5 giorni di anticipo? Qualora ciò non accadesse, ma ci fosse solo il “passaparola” tra le colleghe è  un obbligo partecipare agli incontri oppure l’assenza è giustificata? Grazie per l’attenzione.

Paolo Pizzo – Gentilissima Marina,

credo che l’art. 28 comma 4 del CCNL/2007 sia molto chiaro sull’argomento:

“Gli obblighi di lavoro del personale docente sono articolati in attività di insegnamento ed in attività funzionali alla prestazione di insegnamento.

Prima dell’inizio delle lezioni, il dirigente scolastico predispone, sulla base delle eventuali proposte degli organi collegiali, il piano annuale delle attività e i conseguenti impegni del personale docente, che sono conferiti in forma scritta e che possono prevedere attività aggiuntive. Il piano, comprensivo degli impegni di lavoro, è deliberato dal collegio dei docenti nel quadro della programmazione dell’azione didattico-educativa e con la stessa procedura è modificato, nel corso dell’anno scolastico, per far fronte a nuove esigenze.”

prima dell’inizio delle lezioni”…”forma scritta”… “con la stessa procedura è modificato”…

Per quanto poi riguarda il termine di preavviso delle riunioni, per prassi ormai consolidata la convocazione avviene con un preavviso minimo non inferiore ai 5 giorni.

Tale prassi è supportata dalla C.M. 105/1975, che all’art.1 prescrive:

“La convocazione degli organi collegiali deve essere disposta con congruo preavviso – di massima non inferiore ai 5 giorni – rispetto alla data delle riunioni.

La convocazione deve essere effettuata con lettera diretta ai singoli membri dell´organo collegiale e mediante affissione all´albo di apposito avviso; in ogni caso, l´affissione all´albo dell´avviso è adempimento sufficiente per la regolare convocazione dell´organo collegiale…”.

Pertanto, con l’autonomia ogni scuola può decidere, attraverso apposito regolamento, il termine di preavviso, solo se il regolamento non preveda in tal senso nessun preavviso questo dev’essere di almeno 5 giorni a meno di un incontro fissato al di fuori di quelli già previsti e calendarizzati per dei motivi che sono sopraggiunti o urgenti (es. riunione di un consiglio di classe per sanzionare un allievo).

Posted on by nella categoria Attività funzionali all'insegnamento
Versione stampabile
ads ads