Supplenza e maternità. Charimenti

Denise –  un’insegnante precaria della scuola primaria, ho preso un incarico al 17.01.2018 su una persona che è stata valutata come “inabile al lavoro” e pertanto spostata in segreteria. Mi è stato detto di far parte del potenziamento. Io sono in gravidanza e l’ospedale mi ha fatto il certificato in cui attesta che la data presunta del parto è il 15.01.2018. Vorrei capire fino a quando dovrò lavorare (14 15 o 16 novembre?) e quali passaggi e comunicazioni dovrò dare.  -È sufficiente consegnare il certificato in segreteria?  -Devo inviare qualcosa tramite caf o all’INPS?  In più vorrei capire quali passaggi fare a gennaio, sia nel caso in cui venga prorogato il mio contratto, che nel caso in cui io lo abbia a termine. La maternità mi verrà retribuita lo stesso, pure se il contratto scadrà a gennaio,mentre dovrei percepirla fino a metà aprile? Rimanendo in attesa di un vostro riscontro, porgo distinti saluti.

Paolo Pizzo – Gentilissima Denise,

il tuo ultimo giorno di lavoro è il 14 novembre in quanto dal 15 sei in congedo obbligatorio ante partum.

Se sei già in interdizione e quindi lo sarai fino a quella data non dovrai presentare nulla perché la scuola sa già la data presunta del parto e quindi il fatto che due mesi prima entrerai in congedo obbligatorio.

La retribuzione sarà al 100% fino a quando sarai sotto contratto, se lo stesso dovesse finire durante il periodo di congedo obbligatorio (quindi considerando anche i 3 mesi post partum) sarai retribuita all’80% fino ai 3 mesi dopo il parto.

In quanto in maternità, avrai diritto all’eventuale proroga della supplenza se la titolare si riassenterà.

Tutte le pratiche solo esclusivamente in capo alla scuola.

Posted on by nella categoria Supplenze, Maternità e Paternità
Versione stampabile
ads ads