Permessi 104/92 e ricovero del disabile. Chiarimenti

Vanessa   – Buongiorno sono una docente di scuola primaria. Mia suocera ha ottenuto la 104 ma è in una casa di riposo. Almeno 1 o 2 volte al mese deve recarsi all ausl per effettuare controlli psichiatrici e ha bisogno di essere accompagnata. Posso prendere in questo caso i permessi x la 104 e quale documentazione devo presentare alla segreteria? Grazie

Paolo Pizzo – Gentilissima Vanessa,

in via generale si ricorda che è possibile fruire dei permessi solo qualora il disabile assistito non sia ricoverato a tempo pieno.

Per ricovero a tempo pieno si intende  per le intere ventiquattro ore e presso strutture ospedaliere o simili, sia pubbliche che private, che assicurano assistenza sanitaria continuativa.

Questo il parere INPS con circolare n. 155 del 3 dicembre 2010 e della Funzione Pubblica con circolare n. 13 del 6 dicembre 2010.

A mio avviso, quindi, la casa di riposo non rientra tra tali strutture perché comunemente non fornisce assistenza sanitaria continuativa.

In ogni caso, sempre nella stessa circolare, al punto 5, la FP, anche quando il disabile è ricoverato presso le strutture di cui ho già detto ammette delle eccezioni e prevede che è possibile fruire dei permessi in questi casi:

  • interruzione del ricovero per necessità del disabile di recarsi fuori della struttura che lo ospita per effettuare visite o terapie;
  • ricovero a tempo pieno di un disabile in coma vigile e/o in situazione terminale;
  • ricovero a tempo pieno di un minore in situazione di handicap grave per il quale risulti documentato dai sanitari della struttura il bisogno di assistenza da parte di un genitore o di un famigliare.

La ricorrenza delle situazioni eccezionali di cui sopra dovrà naturalmente risultare da idonea documentazione medica che l’amministrazione è tenuta a valutare.

 

Posted on by nella categoria Permessi e aspettative
Versione stampabile
ads ads