Trasferimento e punteggio di ricongiungimento: spetta nel comune e nell’ambito di ricongiungimento a prescindere dalla sede di titolarità

Francesca – Ho intenzione di inoltrare la domanda di mobilità per l’A.S. 2018-2019 e sono entrata in ruolo quest’anno in una scuola secondaria di secondo grado a seguito del superamento del concorso 2016 con contratto triennale su ambito. Vorrei capire se posso usufruire anche del punteggio di ricongiungimento familiare. A quanto mi risulta spetta se la scuola di titolarità o di incarico triennale è ubicata nel comune di residenza del familiare, comune per il quale spettano i 6 punti di ricongiungimento. E’ possibile valutare questo punteggio anche in un comune diverso se questo è viciniore rispetto a quello di ricongiungimento e se in quest’ultimo non vi sono scuole richiedibili dal docente per il suo insegnamento.

Congedo parentale per il padre. Decorrenza.

Mayra – Buongiorno, e’ possibile  che un padre possa usufruire del congedo parentale in costanza della maternità obbligatoria della madre? La normativa non dice nulla al riguardo..anzi prevede che fin dalla nascita del bambino si possa usufruire del congedo parentale…invece ho notato che alcune scuole  ritengono che si debba aspettare prima che termini la maternità obbligatoria. E’  vero? Dove e’ previsto? Grazie

Docente titolare su ambito territoriale: non potrà chiedere trasferimento nella scuola in cui ha l’incarico triennale

Marco – Premesso che io sono titolare su ambito e sto prestando il secondo anno di servizio in una scuola dello stesso, mi chiedevo se potevo effettuare una domanda di mobilità per diventare titolare di scuola in virtù anche del fatto che una mia collega andrà in pensione a fine anno.
Nel caso non potessi farla allo scadere dei tre anni cosa succederà? Dovrò cambiare scuola o ci può essere una riconferma interna?
Grazie e cordiali saluti

Supplenza ATA: è possibile lasciare una supplenza breve per una al 30.06

ElisabettaBuona sera sono Elisabetta, sono stata convocata come CS supplenza breve terza  fascia per 20 giorni ovvero dall’11-01 al 31-01, la mia domanda è se in questo periodo ricevo una convocazione da un’altra scuola fino al 30 giugno ovvero termine dell’anno scolastico, posso rifiutare la supplenza di 20 giorni per accettare quella fino a fine anno??? Grazie per l’ascolto!!!!

Graduatorie III fascia ATA: nonostante la sentenza il MIUR non valuta il servizio presso le ASL

Nicola – Salve ho lavorato un anno in ospedale in qualità di Oss e 57 mesi in Adi (associazione domiciliare integrata) per la Asl di Bari; attualmente l’assistente amministrativa mi ha dimezzato il punteggio poiché in una nota si evince che il servizio ospedaliero e della Asl non costituisce punteggio poiché non è amministrazione pubblica…ma stiamo scherzando? Inoltre ho letto che una sentenza pare di un giudice di Monza ha decretato l’esatto opposto reinserendo la collaboratrice scolastica destituita dal ruolo come dovrei comportarmi? Grazie

Malattia per causa di servizio: si computano nel periodo di malattia ma la retribuzione è sempre al 100%

Gabriella – Buonasera, sono un’insegnante di  scuola primaria ,inidonea permanentemente, vorrei sapere qual è la normativa attuale circa il periodo massimo di malattia  da causa di servizio. Faccio presente  che negli ultimi due anni ho usufruito di 311 giorni di malattia comune ( di cui 180 giorni di malattia d’ufficio data dalla CMV e di questi 41giorni con stipendio al 90%)e nel triennio di 244 giorni di malattia da causa di servizio. In attesa di una cortese e possibilmente rapida risposta, ringrazio.

Trasferimento: precedenza per assistenza al genitore e 104/92 rivedibile

Marcello – Sono un insegnante delle scuole medie e purtroppo in seguito al peggioramento delle condizioni di mio padre e per nono aver problemi a scuola ho chiesto la visita domiciliare e mi hanno dato la 104 con art. 3 comma 3. La stessa comunque è stata data fino ad agosto 2018 dopo deve essere rifatta la visita per confermarla (premesso che nel frattempo le condizioni di mio padre non è affatto migliorato ma anzi è peggiorate) volevo chiedere se il fatto che la L.104 è stata data per validità annuale e poi deve essere rinnovata comporta qualcosa oppure no. Ti ringrazio e grazie per l’ottimo servizio che rendi a tutti noi.

Trasferimento e precedenza legge 104/92 per assistenza familiare disabile: è indispensabile l’art.3 comma 3 che certifica la gravità

Sono un docente con titolarità in un ambito a Roma che però ha necessità impellente di trasferirsi in Sicilia. Sono stato immesso in ruolo grazie alla legge 107/2015. La mia domanda è questa. Ai fini della mobilità 2018/19, di quali tipi di benefici si  può usufruire, essendo in possesso di una certificazione, legge 104 art. 3 comma 1 non personale? Grazie per la sua cortese risposta

Trasferimento e attribuzione dei punteggi. Entro quale data?

Armando  – Sono un docente di scuola superiore ed ho mia moglie al 5º mese di gravidanza (1º figlio). Il parto è previsto per fine Giugno. Vorrei fare domanda di trasferimento per avvicinarmi a casa. Attualmente impiego 90 minuti di treno per raggiungere la scuola. Visto che tra marzo ed aprile si presenterà la domanda di trasferimento, ed il bimbo non è ancora nato, sulla domanda dovrò mettere “numero figlio = 0” ? In estate, nella eventuale domanda di assegnazione provvisoria potrò inserire   “numero figlio = 1” ! Durante la gravidanza non ci sono agevolazioni in merito a quanto pare, o sbaglio?

Utilizzazione sul sostegno per docente titolare su posto comune: chiarimenti

Annamaria – Sono una maestra titolare su posto comune  primaria in un istituto comprensivo. Volevo sapere se è  possibile fare la domanda di utilizzazione sul sostegno nello stesso istituto comprensivo nel quale sono titolare. Specifico che sono in possesso del titolo riguardante il sostegno. Grazie e attendo delucidazioni

Domanda di trasferimento per chi non ha completato l’anno di prova. Chiarimenti

Giovanna – Gentile Redazione, Sono una docente che ha presentato domanda di mobilità per l’a. s.  2017/18 ed ha ottenuto il trasferimento su scuola. Lo scorso anno ho ottenuto il passaggio di ruolo, ma non ho potuto completare l’anno di prova per motivi di salute. Quest’anno devo fare l’anno di prova. Sono obbligata a presentare la domanda di trasferimento ? Grazie.

Assegnazione provvisoria in altra classe di concorso: come viene valutata la domanda?

Michele – So che che quest’anno le regole che riguarderanno la mobilità e, in particolare, le assegnazioni provvisorie devono ancora uscire; ma siccome è verosimile che non differiranno più di tanto da quelle dell’anno scorso, pongo ugualmente una domanda di chiarimento che interessa me, docente di ruolo che vorrebbe ottenere l’AP su una classe di concorso in cui sono abilitato, diversa da quella in cui insegno attualmente, ma all’interno dello stesso ordine e grado di scuola (secondaria di secondo grado).

Trasferimento e conseguenze sul punteggio: chiarimenti

Carmela – Sono un’insegnante nella scuola secondaria di secondo grado, di ruolo dal 1989, con sede titolarità da 12 anni nella stessa scuola in provincia di Roma. Vorrei chiedere trasferimento in alcune scuole individuate nella città di Roma, per la stessa classe di concorso di attuale insegnamento, nella stessa tipologia di scuola per ordine e grado. Vorrei sapere:

Cittadinanza e Costituzione nella scuola secondaria I grado: come si valutano le attività svolte?

Teresa – Sono una docente della secondaria di primo grado e ho un dubbio riguardo alla valutazione delle discipline di storia e geografia. Nella nota del MIUR del 10 ottobre che si riferisce al Decreto legislativo 62  si legge  che le competenze di Cittadinanza e Costituzione saranno valutate nel complessivo voto delle discipline dell’area storico geografica. Ciò vuol dire che storia e geografia avranno un unico voto in pagella per i nostri alunni o solo che il voto di Cittadinanza rientrerà insieme a quello di storia o geografia?  Grazie

Docente soprannumerario e punteggio di continuità: scaduto l’ottennio si perde tutto il punteggio maturato nella scuola di precedente titolarità

Maria – Sono una docente di ruolo dall’anno scolastico 1994-1995. Per due anni ho insegnato al serale dell’istituto tecnico della città in cui vivo e poi per 11 anni nello stesso istituto ma al mattino. Dall’anno scolastico 2009-2010 sono stata trasferita d’ufficio in un Istituto a 18 km dalla mia città di residenza. Ogni anno, nell’ottennio ho richiesto con domanda di trasferimento di ritornare nell’istituto della mia città di residenza, ma questa possibilità non si è creata. Durante questi 8 anni mi hanno sempre riconosciuto la continuità del vecchio istituto e del comune (per il serale).

Mobilità e preferenze territoriali in diverse province: avrà priorità il movimento provinciale o interprovinciale?

Patrizia – Sono un’insegnante di scuola primaria e anche per quest’anno mi ritroverò a fare domanda di trasferimento. Volevo porre le seguenti due domande:

1- Se chiedo contemporaneamente trasferimento provinciale e interprovinciale quale dei due ha priorità se li ottengo entrambi?

2- Posso richiedere passaggio di ruolo in una provincia e naturalmente non usufruire del punteggio per il ricongiungimento ai figli (sono divorziata) e trasferimento interprovinciale nella provincia in cui risiedono i miei figli?

Trasferimento e ricongiungimento familiare: in quale comune e con quali requisiti?

Chiara – Gentilissima, avrei bisogno di avere qualche informazione circa la mobilità della prossima primavera. Attualmente lavoro e risiedo a Genova ma ho appena comprato casa nel comune di Roma. Se cambio subito la residenza, questa mi può valere come punteggio ai fini del trasferimento? Anche mio marito si trova nella stessa situazione, lavora a Genova e la residenza non ce l’ha nel comune di Roma. La hanno però i suoi genitori, possono valere anche per me come vincolo parentale ai fini di un maggiore punteggio? La ringrazio, cordiali saluti

Insegnamento lingua Inglese scuola primaria: chiarimenti sui titoli necessari

Cristina – Sto facendo l’anno di prova alla scuola primaria, grazie al superamento del concorso del 2016. Ho il diploma magistrale e la laurea in psicologia. Durante il mio corso di studi all’università ho sostenuto anche un esame di inglese. Questo esame, mi abilita all’insegnamento della lingua inglese alla scuola primaria? Grazie.

Mobilità e ricongiungimento al coniuge: non si può chiedere se il docente contrae matrimonio oltre i termini di presentazione della domanda

Davide  – Insegno nella scuola secondaria di secondo grado, sono entrato di ruolo dal 01/09/2017 come anno di prova in quanto vincitore del concorso docenti 2016. Sono entrato in una scuola di Imperia ma sono di Genova. Il prossimo giugno mi sposerò e con la mia futura sposa avremo residenza a Genova. In casi come questi nella domanda di trasferimento che farò ad Aprile, potrò mettere il ricongiungimento familiare? Grazie e cordiali saluti

Riposi orari per il padre di due gemelli

Roberto – sono un docente di sostegno a t.i scuola secondaria I grado, tra 2 mesi diventerò padre di due gemelli, essendo mia moglie titolare di farmacia, desideravo sapere in che modo posso usufruire dei permessi per allattamento e da quando? desideravo, inoltre, sapere in che posizione lavorativa deve trovarsi  mia moglie per poter io, usufruire di permessi e congedi. Saluti

Malattia del bambino non retribuita e punteggio. Chiarimenti

Alessandra – Salve. Ho letto che se vengono superati i 30 giorni di malattia del bambino nei primi tre anni,  in qualita’ di personale ata terza fascia, gli eccedenti non vengono retribuiti ma vengono conteggiati come anzianità di servizio. Cosa vuol dire che si acquisisce lo stesso il punteggio? Grazie mille.

Graduatoria interna di istituto e punteggio di ricongiungimento: spetta nel comune viciniore se in quello di ricongiungimento non vi sono scuole richiedibili

Paola – Sono un’insegnante della scuola secondaria di secondo grado entrata di ruolo nella classe A051 con la “Buona scuola”. Sono stata assegnata ad un ambito e per la mia classe di concorso potevo accede a due soli istituti, uno nel mio comune di residenza e l’altro in un comune diverso, più lontano. Al momento dell’incarico triennale ho scoperto che nell’istituto sito nel mio comune non c’erano posti, così ho dovuto per forza fare richiesta nell’altro istituto, che comunque appartiene allo stesso ambito. Nel calcolare il punteggio delle graduatorie interne d’istituto, posso conteggiare i 6 punti spettanti a chi lavora nel comune dei familiari, essendo stata obbligata a fare la scelta che ho fatto? Grazie