I riposi per allattamento sono distribuiti giornalmente e non con riferimento all’orario settimanale

Ornella – Buon giorno,sono un collaboratore scolastico a t.i, il giorno 8 riprenderò il servizio dopo la nascita del mio bambino avvenuta il 28/06/2017. L’orario giornaliero è di 7h12′ per recuperare il sabato dato che applichiamo la settimana corta. Ora chiedo : quante ore di allattamento giornaliero ho? Sono due (come credo io),o una (come sostiene la segreteria dato che sarebbero 36 settimanali e quindi come 6 h al giorno?). La domanda di allattamento quanto tempo prima del rientro va fatto? Grazie mille per l’attenzione.

Paolo Pizzo – Gentilissima Ornella,

la normativa è abbastanza chiara.

L’art 39 del T.U. 151/01 dispone:

Il datore di lavoro deve consentire alle lavoratrici madri, durante il primo anno di vita del bambino, due periodi di riposo, anche cumulabili durante la giornata. Il riposo e’ uno solo quando l’orario giornaliero di lavoro e’ inferiore a sei ore.

I periodi di riposo di cui al comma 1 hanno la durata di un’ora ciascuno e sono considerati ore lavorative agli effetti della durata e della retribuzione del lavoro. Essi comportano il diritto della donna ad uscire dall’azienda.

Pertanto, il D. Lgs. n. 151/2001 fa riferimento esclusivamente all’orario giornaliero del lavoratore e non a quello settimanale. Il permesso è dunque subordinato esclusivamente all’orario di lavoro giornaliero e le ore di riposo devono essere così ripartite:

  • Se la giornata di lavoro è pari o superiore a 6 ore il riposo sarà di 2 ore (anche cumulabili);
  • Se la giornata di lavoro è inferiore a 6 ore il riposo è di 1 ora.

Se, quindi, il tuo orario giornaliero è di almeno 6 ore hai diritto a 2 ore di riposo, a nulla rilevando l’orario settimanale e se svolto su 5 o 6 giorni.

La scuola deve attenersi alla normativa.

Ricordiamo all’Amministrazione che l’art 46 del Testo unico dispone che l’inosservanza delle disposizioni sopra riportate è punita con la sanzione amministrativa da 500 a 2500 euro.

ads ads