Trasferimento ottenuto in una scuola richiesta: la titolarità del docente e su scuola e non su ambito

V.M. –  Sono una docente entrata di ruolo con la legge 107, come molti del sud sono entrata di ruolo a Milano e ho potuto effettuare il differimento della presa di servizio. Poi l’anno successivo ho ottenuto il trasferimento su ambito  a Palermo. A seguito di chiamata diretta ho stipulato contatto per tre anni con una scuola, dove ho lavorato per un anno, poi ho approfittato della deroga per richiedere mobilità e quindi dopo un anno ho chiesto e ottenuto il trasferimento in una scuola più vicina a casa. Preciso che quest’ultima scuola appartiene ad un ambito diverso dalla precedente e che nella domanda di trasferimento non avevo richiesto ambiti ma esclusivamente tale scuola. La domanda è: adesso sono titolare della nuova scuola? O sono titolare di un nuovo ambito? Grazie mille per la risposta

Giovanna Onnis – Gentilissima V.M.,

l’ultimo trasferimento ottenuto, essendo un movimento volontario, è stato disposto necessariamente su una delle preferenze da te espresse nella domanda e in assenza di disponibilità non avresti ottenuto il trasferimento richiesto.

Se, quindi, nella domanda hai espresso preferenza analitica nella scuola dove sei attualmente in servizio, non hai chiesto ambiti territoriali e non sei, quindi stata sottoposta alla chiamata diretta, la tua titolarità è nella scuola e non nell’ambito al quale la scuola appartiene

Posted on by nella categoria Mobilità
Versione stampabile
ads ads