Domanda di mobilità, codici scuola e codici di ambito. Qualche suggerimento

Patrizia Gentile dott.Pizzo, grazie per la preziosa consulenza offerta sulla mobilità 2018. Sono una docente di secondaria superiore nell’ambito di Teramo e avrei un paio di chiarimenti da chiedere: – quale documentazione sarà necessario allegare su istanze on line alla domanda di mobilità 2018? – conviene inserire primariamente gli ambiti rispetto alle 5, se l’obiettivo principale è ottenere trasferimento in un ambito? Come ragiona a riguardo il sistema informatico del Miur? Esempio: pur essendo interessata a 5 specifiche scuole in due diversi ambiti (2 dell’ambito di Chieti1 e 3 di Pescara1), non vorrei però giocarmi parte delle mie possibilità di rientrare in uno dei due suddetti ambiti indicando al sistema prima 5 scuole e poi i due ambiti d’interesse. Sarebbe forse opportuno fare il contrario (prima i due ambiti e poi le 5 scuole negli stessi) per avere più “chances d’ambito”? Cordialità.

Paolo Pizzo – Gentilissima Patrizia,

se il tuo obiettivo è avere più chances di ottenere uno dei due ambiti è ovvio che questi andranno indicati entrambi tra le preferenze (intendo come codice di ambito).

Visto però che hai a disposizione 5 preferenze di scuola, io me le giocherei tutte e 5.

Quindi la domanda andrà impostata in questo modo, a seconda di cosa mi interessa ottenere prioritariamente:

Mi interessa prima l’ambito di Chieti rispetto a quello di Pescara

  • Prima preferenza: scuola x ambito Chieti1
  • Seconda preferenza: scuola y ambito Chieti1;
  • Terza preferenza: ambito Chieti1
  • Quarta preferenza: scuola x ambito Pescara1;
  • Quinta preferenza: scuola y ambito Pescara1
  • Sesta preferenza: scuola z ambito Pescara1
  • Settima preferenza: ambito Pescara1

opzione 2: mi interessa prima l’ambito di Pescara rispetto a quello di Chieti

Farò viceversa, inserendo prima le preferenze, nell’ordine, di Pescara (scuole  – ambito) poi quelle di Chieti (scuole – ambito)

Potresti valutare una opzione 3: mi interessa prima ottenere la titolarità di scuola, che sia di Chieti o di Pescara, e solo in subordine quella di ambito.

  • Prima preferenza: scuola x ambito Chieti1
  • Seconda preferenza: scuola y ambito Chieti1;
  • Terza preferenza: scuola x ambito Pescara1;
  • Quarta preferenza: scuola y ambito Pescara1
  • Quinta preferenza: scuola z ambito Pescara1

(Ovviamente potresti anche alternarle a seconda della vicinanza o di altro motivo, una di Pescara, poi quella di Chieti ecc.)

  • Sesta preferenza: ambito Chieti1
  • Settima preferenza: ambito Pescara1

(o viceversa)

Ovviamente, anche in questo caso, a seconda se voglio prima Pescara inserirò prima le scuole di Pescara rispetto a Chieti così come i codici di ambito.

Nota bene: se intendi esprimere scuole di un determinato ambito e poi anche il codice dell’ambito, non puoi prima esprimere il codice ambito e poi una scuola facente parte dello stesso ambito. Questo perché esprimendo il codice dell’ambito la scuola è già  compresa perché quell’ambito la contiene. Pertanto, si dovrà esprimere prima la scuola e poi il codice dell’ambito che contiene quella scuola (es. 1) avendo anche la possibilità di ottenere titolarità di scuola.

Per la documentazione, contestualmente alla presentazione della domanda è necessario allegare le varie dichiarazioni redatte in conformità ai modelli reperibili nel sito MIUR attestanti l’anzianità di servizio (allegato D), la continuità didattica (allegato F), gli eventuali titoli culturali posseduti o le esigenze di famiglia, o ancora le precedenze, ecc.. Tali documentazioni si allegano direttamente attraverso il portale ISTANZE ON LINE del sito del MIUR nella sezione dedicata.

ads ads