Graduatoria interna di istituto e punteggio di ricongiungimento: spetta nel comune viciniore se in quello di ricongiungimento non vi sono scuole richiedibili

Paola – Sono un’insegnante della scuola secondaria di secondo grado entrata di ruolo nella classe A051 con la “Buona scuola”. Sono stata assegnata ad un ambito e per la mia classe di concorso potevo accede a due soli istituti, uno nel mio comune di residenza e l’altro in un comune diverso, più lontano. Al momento dell’incarico triennale ho scoperto che nell’istituto sito nel mio comune non c’erano posti, così ho dovuto per forza fare richiesta nell’altro istituto, che comunque appartiene allo stesso ambito. Nel calcolare il punteggio delle graduatorie interne d’istituto, posso conteggiare i 6 punti spettanti a chi lavora nel comune dei familiari, essendo stata obbligata a fare la scelta che ho fatto? Grazie

Giovanna Onnis – Gentilissima Paola,

la risposta al tuo quesito è negativa.

Il punteggio di ricongiungimento, nella graduatoria interna di istituto, spetta se la scuola di titolarità o di incarico triennale è ubicata nel comune di residenza del familiare, comune per il quale spettano i 6 punti di ricongiungimento.

E’ possibile valutare questo punteggio anche in un comune diverso se questo è viciniore rispetto a quello di ricongiungimento e se in quest’ultimo non vi sono scuole richiedibili dal docente per il suo insegnamento.

Non è questo, però, il tuo caso e il fatto che sei stata “obbligata” a chiedere la scuola dove hai ottenuto l’incarico triennale poiché in quella ubicata nel comune di ricongiungimento non vi erano posti disponibili, non ti consente di poter usufruire dei 6 punti nella graduatoria interna della attuale scuola di servizio in quanto ubicata in altro comune

ads ads