Cattedra orario esterna: si costituisce nell’organico in presenza di spezzone vacante da accorpare con spezzone disponibile in altra scuola

Giuseppina – Ho urgente bisogno di sapere se in un istituto composto da un unico plesso, in caso di presenza di ore sufficienti per cattedre interne, il dirigente scolastico possa decidere di esternalizzare una cattedra e mandare un docente su due scuole (con due dirigenze diverse). Se sì, devo chiedere in base a quale legge e a quali criteri. La ringrazio molto per l’attenzione e la disponibilità verso gli insegnanti.

Giovanna Onnis – Gentilissima Giuseppina,

la situazione che descrivi è del tutto anomala e non rientra nelle regole riguardanti le cattedre e gli organici.

In presenza di una cattedra interna non è possibile che il docente titolare nella scuola abbia una cattedra con completamento esterno, che viene costituta “spezzando” la cattedra interna.

Lo spezzone rimasto disponibile nella scuola di titolarità come viene utilizzato?

Il Dirigente scolastico non ha nessuna competenza in merito alla costituzione di una cattedra con completamento esterno (COE)  che, infatti, viene costituita dall’Ufficio Scolastico Provinciale nella fase di predisposizione dell’organico.

Ti informo che una COE viene costituita soltanto se nella scuola vi è solo uno spezzone disponibile che, per costituire cattedra, deve essere accorpato con altro spezzone vacante in altra scuola.

La COE non si forma se la disponibilità oraria è sufficiente per la costituzione di una cattedra interna.

Nel caso da te indicato, il Dirigente scolastico non ha alcun potere decisionale per quanto concerne la costituzione di una cattedra esterna per assegnarla ad un docente titolare nella scuola per il quale c’è disponibilità di una cattedra interna che viene “spezzata” senza alcuna motivazione plausibile in quanto tale possibilità non è prevista da alcuna disposizione ministeriale

 

ads ads