La contrattazione cambia una legge. Principio stabilito dagli ultimi CCNI sulla mobilità e confermato nel nuovo CCNL Scuola

Grazia Buonasera. In relazione alle modifiche sulla mobilità introdotte dal CCNL, desideravo avere alcuni chiarimenti: 1. Il vincolo triennale sarà operativo già dall’a.s. 2018/19? Se nella domanda di mobilità 2018, indicando 5 scuole, ottenessi una delle scuole indicate con mobilità volontaria, sarei costretta a restarci tre anni (2018/18 2019/20 2020/21)? Oppure le limitazioni e quindi il vincolo di cui parla il CCNL partono dalla prossima mobilità (2019/20 2020/21 e 2021/22)? – 2. Il testo del CCNL relativo alla mobilità sembra prevedere il blocco solo per chi, facendo domanda volontaria, ottiene una scuola tra quelle indicate. Chi invece ottiene titolarità su ambito non resterebbe vincolato e potrebbe produrre domanda annualmente. Ma tutto questo come si concilia con la questione dell’incarico triennale su scuola quando si è titolari di ambito, di cui parla la L. 107/15? Siamo sicuri che le limitazioni alla mobilità che riguardano i titolari su scuola non siano invece del tutto assimilabili a quelle già previste nella 107 per i docenti sottoposti a chiamata diretta e con incarico triennale? Come facciamo ad essere sicuri che il blocco riguardi solo chi ottiene trasferimento su scuola, visto che nella 107 non è chiara la questione dell’incarico triennale per i titolari su ambito?  RingraziandoLa anticipatamente per la cortese attenzione, porgo cordiali saluti.

Paolo Pizzo – Gentilissima Grazia,

per il primo quesito puoi leggere questa risposta.

In merito al secondo, invece, voglio ricordare che ormai è così palese come i sindacati firmatari degli ultimi contratti, vedi mobilità, assegnazioni e ora nuovo CCNL, abbiano ampiamente dimostrato come la forza di un contratto modifichi una legge.

Ricordo infatti che la 107 prevedeva mobilità solo su ambito, mentre con il CCNI si è permesso la mobilità anche su scuola; che i perdenti posto andassero solo su scuola, mentre la 107 prevedeva addirittura mobilità regionale, e altre modifiche che non sto qui ad elencare.

E’ utile ricordarle queste cose.

Chiarito questo, con il nuovo CCNL si è dimostrato ancora una volta come ci si muova in favore della contrattazione cercando di smussare le cose negative della legge 107.

Pertanto, è scritto chiaro, solo chi otterrà trasferimento su scuola (ciò quindi implicitamente impone la scelta delle scuole…) non potrà inoltrare nuova domanda prima di tre anni.

ads ads