Mobilità 2018/19: i movimenti provinciali precedono quelli interprovinciali

Maria – Gentilissimi, ho un quesito da porvi in vista delle domande di mobilità per l’anno scolastico 2018/19. Nella mobilità, tra due docenti entrambi residenti in un comune chi ha la precedenza: chi è titolare nella provincia di quel comune che chiede trasferimento provinciale oppure chi è titolare in altra provincia e chiede trasferimento interprovinciale, ma con una invalidità civile riconosciuta superiore ai 2/3 accompagnata da disabilità personale ai sensi dell’art 3 comma 1 della legge 104/92 ? Grazie e cordiali saluti.

Paolo Pizzo – Gentilissima Maria,

i trasferimenti interprovinciali avvengono dopo tutte le operazioni dei trasferimenti provinciali.

Pertanto, i primi a muoversi sono i docenti all’interno della provincia di titolarità, prima con precedenza, poi a domanda;

successivamente si muovono i docenti provenienti da altra provincia, prima con precedenza, poi a domanda.

In conclusione, per rispondere al quesito, si muove per primo il docente già titolare nella provincia, anche senza precedenza.

Si segnala che le uniche precedenze che riguardano una mobilità assoluta, indipendentemente quindi dalla provincia di provenienza, sono per i docenti non vedenti ed emodializzati.

ads