La supplenza deve essere disposta per l’intero orario del titolare sostituito

Docente – Sono stata convocata per una supplenza breve di 5 giorni, dal lunedì al venerdì presso un istituto comprensivo in provincia di Caserta.La collega assente ha un orario completo di 24 ore settimanali. Nella stipula del contratto mi hanno invece conteggiato 19 ore settimanali essendo non richiesta la mia presenza nell’orario di compresenza e non conteggiando l’ora “buca”. Inoltre mi hanno conteggiato un’unica ora di programmazione pomeridiana indipendentemente dal fatto che sono rimasta le 2 ore per compilare la stessa come tutte le altre colleghe. Sinceramente, è la prima volta che mi capita una cosa simile e sinceramente vorrei sapere come è orientata la normativa vigente in materia.Grazie mille per la certamente esauriente risposta.

Paolo Pizzo – gentilissima docente

la supplenza deve essere disposta per tutto l’orario di insegnamento della titolare assente, non può riguardare solo parte delle ore. Nessuna norma dispone un conferimento di supplenza solo per parte delle ore.

Oltretutto avendo completato così l’orario settimanale della docente titolare ti spetterebbe la retribuzione anche per le giornate di sabato e domenica

Inoltre, per quanto riguarda le ore di programmazione la nota del 29 agosto è chiarissima disponendo:

“Le ore da considerare per l’adeguamento devono riguardare le sole ore di insegnamento frontale pari a 22 settimanali. A tali ore si aggiungono rispettivamente, 1 ora di programmazione per ogni 11 ore e 2 ore di programmazione per ogni 22 ore. Ne consegue, pertanto, che da 1 a 11 ore si aggiunge un’ ora di programmazione, da 12 a 22 ore si aggiungono 2 ore

Pertanto, la scuola ha commesso due errori e devi farglieli notare.

ads ads