Assistenza al coniuge ed esclusione dalla graduatoria interna. Chiarimenti

Irene – Buongiorno, sono un’insegnante di ruolo nella scuola primaria. Volevo sapere se il fatto di usufruire della legge 104 per mio marito, che ha un’invalidita’ del 100% con inabilità lavorativa per grave patologia oncologica, mi da’ diritto a del punteggio in più nella graduatoria interna d’istituto. Grazie per la Vostra disponibilità. A presto.

Paolo Pizzo – Gentilissima Irene,

parli di legge 104/92 e poi di invalidità.

È utile quindi chiarire che la precedenza per assistenza al coniuge e la conseguente esclusione dalla graduatoria interna (non punteggio aggiuntivo) si applica solo se al coniuge è stato riconosciuto l’art 3 comma 3 della legge 104/92 ovvero la grave disabilità, a nulla rilevando un eventuale riconoscimento dell’invalidità.

Potrai quindi essere esclusa dalla graduatoria interna se presenterai in segreteria un verbale ASL in cui è riconosciuto l’handicap grave (anche rivedibile) con l’indicazione del comma 3 dell’art 3 della legge 104/92.

Altro requisito è che la residenza del coniuge sia nell’ambito in cui è ricompresa la tua scuola di titolarità. Se, invece, la scuola si trova in un ambito diverso dovrai necessariamente produrre domanda di trasferimento verso il comune di residenza del coniuge.

Con questi requisiti potrai non far parte della graduatoria ai fini dell’individuazione dei perdenti posto.

ads ads