Mobilità: Preferenze interprovinciali e provinciali. A quale dare priorità?

Ermanna – Sono una docente di scuola secondaria neoassunta in ruolo Ho una domanda sulla mobilità 2018/2019. Sono assunta in una provincia diversa da quella di residenza e vorrei quindi avvicinarmi a casa. Sto pensando di chiedere: Preferenza 1: provincia di residenza Preferenza 2, 3 e 4: mobilità su scuole che si trovano dentro il mio ambito territoriale di assunzione (e sono più vicine a casa mia). La prima quindi sarebbe una domanda di trasferimento interprovinciale e la seconda e le seguenti di trasferimento provinciale. Il mio dubbio riguarda il fatto che i movimenti di mobilità interprovinciale si svolgono dopo di quelli provinciali, se ho capito bene: io sono  quindi penalizzata se metto prima una preferenza interprovinciale? cioè, un collega che è assunto nel mio stesso ambito e chiede come prima preferenza la scuola che io ho messo come seconda, ha la priorità rispetto a me? Quindi se penso che nella mia provincia io abbia poche chances, conviene scegliere come prime preferenze i movimenti provinciali? Grazie mille del vostro lavoro e dell’aiuto.

Paolo Pizzo – gentilissima Ermanna,

il movimento è unico, i trasferimenti provinciali avvengono prima di quelli interprovinciali ma ciò è solo come ordine generale delle operazioni ovvero vuol dire che un docente che si muove all’interno della propria provincia non potrà  essere mai preceduto da un altro che si muove da un’altra provincia e richiede le stesse preferenze.

Mentre, molto importante è come il sistema valuterà le preferenze inserite nella domanda.

Nel tuo caso, quindi, se vorrai dare una priorità al movimento interprovinciale dovrai nelle prime caselle indicare tali preferenze, e solo successivamente eventualmente quelle provinciali.

Se non sarai accontentata nelle preferenze interprovinciali il sistema valuterà quelle provinciali.

Come formulerai la tua domanda è quindi corretto, fermo restando che quando il sistema ti muoverà nella tua provincia (se non sei accontentata fuori provincia) lo farà insieme a tutti gli altri che si muovono sempre in provincia, in ordine di punteggio e precedenze, quindi senza nessuna penalizzazione.

 

ads ads