Graduatoria interna di istituto: bonus 10 pp. e continuità nel comune. Chiarimenti

Francesco  –   docente incaricato dal Dirigente  all’aggiornamento delle graduatorie interne. Mi trovo davanti al seguente problema:una mia collega è stata trasferita da parma dove ha maturato il bonus dei 10 punti a catanzaro; mantiene il bonus dei 10 punti o no. Inoltre vorrei sapere gentilmente se la continuità nel comune ( 1 punto per ogni anno ) vale se si è insegnato con la  classe di concorso attualmente inserita in graduatoria.

Paolo Pizzo – Gentilissimo Francesco,

il punteggio una tantum, una volta acquisito, si perde esclusivamente nel caso in cui si ottenga, a seguito di domanda volontaria in ambito provinciale, il trasferimento, il passaggio o l’assegnazione provvisoria.

Pertanto, la docente, ha diritto al punteggio in quanto il suo è stato un trasferimento interprovinciale (a meno che non ha avuto un trasferimento all’interno della provincia di CZ una volta ottenuto l’interprovinciale).

Per il secondo quesito ti ricordo che la continuità del comune e quella dell’attuale scuola non possono coincidere per gli stessi anni, quindi la continuità del comune si può calcolare solo per gli anni precedenti rispetto a quelli di servizio nell’attuale scuola.

Esempio: scuola X comune Y 2014/15; 15/16, poi trasferimento scuola Z ma sempre comune Y.

Continuità nel comune 2 anni (14/15 e 15/16), continuità di scuola 1 anno (16/17). Non si calcola quella del comune per il 16/17.

Per il calcolo del punteggio (sia comune che di scuola) il servizio deve essere stato prestato nella stessa tipologia di posto (comune o sostegno) e per la scuola di istruzione secondaria di primo e secondo grado e artistica, il servizio deve essere altresì prestato nella stessa classe di concorso di attuale titolarità.

ads