Trasferimento e passaggio di ruolo interprovinciali: il docente non è obbligato a chiedere i due movimenti anche nella provincia di titolarità

Antonietta – Sono titolare su scuola primaria e voglio tentare sia in trasferimento interprovinciale su primaria ma anche passaggio di ruolo alla sec. II grado interprovinciale. Non so però l’ordine da effettuare, se farlo anche provinciale. Potreste illuminarmi? Grazie

Giovanna Onnis – Gentilissima Antonietta,

se hai i requisiti necessari per il passaggio di ruolo (anno di prova superato e abilitazione per la classe di concorso richiesta), potrai presentare contemporaneamente domanda di trasferimento e di passaggio di ruolo.

Potrai chiedere i due movimenti sia in ambito provinciale che interprovinciale in base alle tue esigenze, inserendo nella stessa domanda (una per il trasferimento e una per il passaggio di ruolo) 15 preferenze comprensive delle scelte provinciali e interprovinciali

Chiedere movimento interprovinciale non ti obbliga a fare richiesta anche per la provincia di titolarità.

Ti ricordo che per i trasferimenti interprovinciali e per la mobilità professionale, comprensiva dei passaggi di cattedra e dei passaggi di ruolo, sono previste precise aliquote che si calcolano dopo che sono stati disposti i trasferimenti provinciali che riguardano il 100% delle disponibilità.

Sui posti residui, che rimangono cioè vacanti e disponibili dopo la conclusione dei trasferimenti provinciali, viene riservato il 30% ai trasferimenti interprovinciali, il 10% alla mobilità professionale, sia provinciale che interprovinciale, e il 60% alle immissioni in ruolo.

ads ads