Passaggio di ruolo per insegnante di sostegno: il vincolo quinquennale ricomincia nel nuovo grado di titolarità

Rosalia – Sono un’insegnante di sostegno scuola primaria. Sono stata immessa in ruolo nell’anno 2011, nella provincia di Pordenone. Nel 2013 ho ottenuto il passaggio di ruolo sostegno scuola infanzia nella provincia di Salerno. Nel 2015 sono ritornata sul sostegno alla scuola primaria. Per cui:

2011/2012 e 2012/2013 (2 anni) sostegno primaria a Pordenone

2013/2014 e 2014/2015 (2 anni) sostegno infanzia a Salerno

2015/2016, 2016/2017 e 2017/2018 (3 anni) sostegno primaria a Salerno.

Le chiedo, posso partecipare alla mobilità su posto comune? Si ritiene concluso il vincolo quinquennale?

Giovanna Onnis – Gentilissima  Rosalia,

non hai ancora completato il quinquennio nella scuola Primaria, dove sei titolare in seguito a passaggio di ruolo, quindi sei ancora nel vincolo quinquennale e potrai partecipare alla mobilità solo per posti di sostegno.

Il passaggio di ruolo determina, infatti, un nuovo vincolo quinquennale e gli anni di servizio sul sostegno prestati in altro ordine di istruzione anche se continuativamente, non possono rientrare nel computo del quinquennio che deve essere svolto interamente e senza interruzioni nel nuovo ruolo di titolarità.

Nell’attuale vincolo quinquennale al quale sei sottoposta, non potrai conteggiare i due anni (2011/2012 e 2012/2013) svolti sul sostegno nella scuola Primaria precedentemente ai due passaggi di ruolo che hai ottenuto nel 2013/14 nella scuola dell’Infanzia e nel 2015/16 nella scuola Primaria

Il corrente anno scolastico è, quindi, il terzo e per completare il quinquennio dovrai svolgerne altri due.  Potrai, conseguentemente,  chiedere trasferimento su posto comune nell’a.s.2019/20 per il 2020/21

ads