Punteggio aggiuntivo una tantum di 10 punti: quando spetta e quando si perde?

Enza – Carissimi, l’USP della mia provincia di titolarità non mi riconosce il ponteggio aggiuntivo per la continuità.  Io ho insegnato nello stesso istituto senza fare domanda di trasferimento né di assegnazione provvisoria dal 2004 al 2016. Mi spettano i 10 punti del punteggio aggiuntivo? Grazie infinite

Giovanna Onnis – Gentilissima Enza,

il bonus di 10 punti (punteggio una tantum) spetta ai docenti che, per un triennio, a decorrere dalle operazioni di mobilità per l’a.s. 2000/2001 e fino all’a.s. 2007/2008, non hanno presentato domanda di trasferimento provinciale o di passaggio provinciale o, pur avendo presentato domanda, l’hanno revocata nei termini previsti.

La possibilità di maturare questo punteggio è, quindi,  cessata a decorrere dall’a.s. 2008/09.

Se, come dici, nel periodo dal 2004/05 al 2007/08 non hai presentato domanda di trasferimento hai maturato il punteggio aggiuntivo di 10 punti che hai mantenuto se sei rimasta nella scuola senza partecipare alla mobilità fino al corrente anno scolastico.

Questo punteggio, infatti, come indica la nota 5ter) della tabella di valutazione allegata al CCNI, una volta acquisito, si perde esclusivamente nel caso in cui si ottenga, a seguito di domanda volontaria in ambito provinciale, il trasferimento, il passaggio o l’assegnazione provvisoria.

Se, quindi, ti trovi in questa condizione, il punteggio ti spetta, ma, se hai presentato domanda di trasferimento, di passaggio o di assegnazione provvisoria nell’a.s.2016/17 ottenendo il movimento richiesto, questo ti ha fatto perdere i l bonus di 10 punti e, in questo caso ha ragione l’USP della tua provincia

ads ads