Il punteggio di continuità si calcola fino al 2016/17. Chiarimenti per il dirigente

Dirigente scolastico – stiamo procedendo alla compilazione della graduatoria definitiva d’Istituto del personale ATA e vorremmo chiederLe un parere relativo alla seguente situazione: – una nostra collaboratrice scolastica  ha accettato un incarico ex art. 59 CCNL 29/11/2007 in qualità di Assistente Amministrativo dal 23/11/2017 al 30 giugno 2018 per cui nella graduatoria provvisoria non le abbiamo riconosciuto il punteggio per 19 anni di continuità. L’interessata ha presentato reclamo dichiarando di aver diritto al suddetto punteggio in quanto, ai sensi del comma 11  della tabella di valutazione dei titoli del CCNI del 11/4/2017 sulla mobilità, alla data del 14 maggio 2018, termine ultimo per la presentazione delle domande di trasferimento, non aveva ancora prestato servizio per più di 180 giorni. Considerato che l’organico di diritto del personale ATA per l’a.s. 2018/19 potrebbe presentare una riduzione di posti e la collaboratrice scolastica potrebbe essere individuata quale soprannumeraria, si chiede, cortesemente, di voler esprimere il Suo parere in merito. Nel segnalare l’urgenza di tale parere, si ringrazia e si porgono cordiali saluti.

Ferie personale con art. 59. Chiarimenti per il dirigente

Dirigente scolastico   – Buongiorno, chiedo consulenza per la seguente questione. Numero di giorni di ferie per supplenti annuali ex art. 59 CCNL 2007. Abbiamo il caso di tre persone che hanno avuta assegnata una supplenza inbase all’art. 59, in profilo diverso da quello del ruolo d’appartenenza, per 36 ore settimanali. Una di loro è al terzo anno di supplenza in diverso profilo, mentre le altre due sono al primo anno di supplenza in diverso profilo Si chiede se i giorni di ferie di cui possono godere sono 30 (come previsto per i supplenti per i primi 3 anni di supplenza), oppure sono 32, in quanto il “servizio comunque prestato” è da riferirsi anche agli anni di ruolo in diverso profilo. Si ringrazia per l’attenzione.

Proroga al solo supplente in effettivo servizio. Chiarimenti per la scuola

Assistente Amministrativa – Buongiorno, sono un’A.A. e, non avendo trovato risposta nelle Faq al mio problema, scrivo per richiedere una consulenza in merito a  RDL da instaurare con  docenti di religione con supplenza breve e saltuaria per il periodo riferito a svolgimento di scrutini ed esami nella scuola secondaria di 1°. Descrizione della situazione: -Docente titolare assente dall’inizio dell’anno scolastico – la prima  supplente che è stata individuata  risulta assente anch’ella dall’inizio dell’anno scolastico e , al momento, sino al 12 giugno p.v.  (suppl. A) – il supplente individuato sulla supplente A è  in servizio  dall’inizio dell’anno scolastico ed è stato nominato come facente parte della commissione d’esame (suppl. B) DOMANDA: –  Il  contratto per gli   esami  spetta ad entrambi i supplenti? – Qualora il supplente A dovesse rientrare dopo il 12 giugno  chi è tenuto a fare parte della commissione d’esame e quindi ad ottenere l’instaurazione  RDL, il supplente A o il supplente B? Resto  in attesa di risposta e ringrazio anticipatamente.

Utilizzazione sul sostegno per docente specializzata titolare su materia: quali condizioni devono essere rispettate?

Francesca – Sono un’insegnante di Lettere a tempo indeterminato, in servizio in una Secondaria I Grado.  In possesso del Diploma Biennale di Specializzazione Polivalente per l’ordine di Scuola Elementare (DPR 970/75), chiedo se potrò inoltrare la domanda di  utilizzazione sul sostegno nella Scuola Primaria per il prossimo anno scolastico. Grazie

Presidente commissione esame I grado: il docente che sostituisce il DS non deve essere membro della commissione come docente di classe terza

Simone – A proposito di un articolo apparso oggi sul vostro sito con oggetto Presidente Esame di Stato terza media…la presidenza per il collaboratore del DS dice che deve appartenere all’ordine della secondaria ma non che non deve essere membro del consiglio di classe. Nelle fonti che avete citato non c’è nessun richiamo a questo, d’altra parte il vicepresidente della commissione e della sottocommissione (che assume in caso di impossibilità la presidenza) non è un membro del consiglio di classe? Cordiali saluti

Graduatoria interna di istituto: è indispensabile per l’individuazione dei docenti soprannumerari

Leonardo – Nella mia scuola non é stata predisposta né pubblicata alcuna graduatoria interna. I termini sono decorsi e quindi scaduti e temo che si possa andare in contrazione. I giorni passano ma noi docenti non abbiamo notizie. Che fare?
P.S. Quest’anno sono arrivati da noi parecchi colleghi trasferiti quindi ora più che mai sarebbe necessaria tale graduatoria.
Grazie per la risposta che vorrete pubblicare.

Ferie: diritto irrinunciabile, a quanti giorni ho diritto e fruizione all’anno successivo.

Rosalba – Buongiorno, sono una docente di sostegno a TI.  A causa di pareri discordanti di segreteria e sindacato ho bisogno di un chiarimento. l’anno scolastico 2016/17 non ho potuto usufruire delle ferie maturate poichè in maternità obbligatoria (ho partorito il 5 giugno). Quest’anno sono stata in congedo ma non ho usufruito delle ferie non godute durante le vacanze di Natale e Pasqua perchè, ahimè, mal consigliata dalla segreteria, la quale adesso però mi dice che ormai quelle le ho perse e che adesso devo fare domanda per godere delle ferie maturate quest’anno…e fin qui ok.  Ma davvero quelle le ho perse? o posso chiederle in aggiunta a queste? Perchè a me era sembrato di capire che si possono utilizzare entro l’anno scolastico successivo, e l’anno scolastico non finisce il 31 agosto? Altro quesito: come vanno contate le ferie? io ho oltre 3 anni di servizio. quindi sono 32 giorni + 4 di festività soppresse (tot.36)  oppure 28 + 4 (cioè 32 in totale)?   Perche la segreteria sostiene la seconda ipotesi, però dice di non contare i sabati perchè c’è la settimana corta, mentre altrove ho letto che i sabati vanno comunque contati, si escludono solo domeniche e festivi.  Facendo un veloce calcolo, sia che conto 28 giorni escludendo i sabati, sia che ne conto 32 comprendendoli alla fine sempre al 24 luglio arrivo (procedendo a ritroso dal 31 agosto), quindi poco cambia… ma nel modulo di richiesta ferie quanti giorni scrivo? 28 o 32? (nella mia scuola vogliono una richiesta separata per i 4 giorni di festività soppresse) spero di essere riuscita a spiegarmi… grazie mille.

I giorni di ferie del personale in part time orizzontale non subiscono variazioni rispetto al personale a tempo pieno

Assistente amministrativa – Buon giorno, sono un’assistente amministrarivo a tempo indeterminato con partime orizzontale di 30 ore settimali. presto servizio dal lunedi’ al venerdi (perche’ la nostra scuola uil sabato e’ chiusa), pertanto presto servizio per 6 ore giornaliere per un totoale settim anale di 30 ore. vorrei sapere  quanti giorni di ferie mi spettano. vi ringrazio anticipatamente.

Punteggio di continuità in un IIS: come si calcola? Chiarimenti

Maria – Io e una mia collega abbiamo spulciato tutte le risposte che avete fornito in relazione alla continuità didattica, ma manca un tassello che due colleghe vogliono far valere: dal 2013/14 siamo un Polo con ITC IPS IPSIA E ITI; la graduatoria unica l’abbiamo dall’anno 16/17. Prima di diventare polo unico ITC e IPS per alcuni anni sono stati un unico istituto, ma con codici meccanografici diversi e per trasferirci (siamo in tre in questa situazione) da una scuola all’altra abbiamo dovuto fare regolare domanda di trasferimento. Ora due colleghe pretendono la continuità all’interno di quel plesso, anche se si sono spostate dall’IPS all’ITC con due codici diversi, e quindi vogliono la continuità all’interno dell’intero Polo. Io riterrei di no. Chi ha ragione? Grazie se vorrete rispondere

Domanda di trasferimento cartacea per chi consegue titolo di specializzazione sul sostegno oltre i termini: entro quale data si deve presentare?

C.S. – Sono un docente appena specializzato in sostegno didattico. Ho partecipato alla domanda di mobilità a.s. 2018-19 per chiedere il trasferimento da lettere al sostegno, ma mi è stata respinta, in quanto non ero ancora in possesso del titolo, che ho conseguito pochi giorni fa. Non ho capito quando sarà riaperta la finestra per chi consegue il titolo con gli ultimi corsi di specializzazione e quali sono le modalità per poter accedere.
La normativa è vaga, per questo sono incorso nell’errore di fare la domanda in anticipo. Cordiali saluti

Strumento musicale nella secondaria I grado: si può insegnare solo nei corsi ad indirizzo musicale

Giuseppe – Sono  insegnante di chitarra presso un Istituto Comprensivo  comprendente diversi plessi ubicati in comuni differenti. Il corso di strumento musicale è effettuato presso il plesso A, scuola che alcuni anni fa è stata accorpata all’Istituto Comprensivo. La mia domanda è la seguente: è possibile insegnare strumento musicale anche negli altri plessi dell’ Istituto Comprensivo o possiamo farlo solo nel plesso dove è sempre stato presente? Grazie

Per essere esclusi dalla graduatoria interna la disabilità del genitore deve avere carattere permanente

Cristina – Buongiorno,  sono stata immessa in ruolo quest’anno ed  ed ho goduto dei benefici della legge 104/92 per assistere mia madre. La certificazione dell’INPS richiedeva revisione nel mese di luglio e l’appuntamento è già fissato per il 30/07/2018. Posso essere esclusa dalla graduatoria per l’individuazione dei perdenti posto  anche se la certificazione di mia madre non è ancora permanente? Aspettando una cortese risposta le porgo distinti saluti.

Anche il neo immesso in ruolo deve essere inserito nella graduatoria interna di istituto. Chiarimenti per la scuola

Dirigente scolastico – Abbiamo nel Ns. Istituto in servizio una docente di scuola secondaria di I grado che sta svolgendo il periodo di prova. La suddetta docente è stata immessa in ruolo il 01/09/2017, ha assegnazione incarico triennale presso il nostro istituto ed è titolare nell’ambito 013 della provincia di Roma. Deve essere inserito nelle graduatorie di Istituto ed eventualmente dichiarato perdente posto?

Notifica di convalida della domanda di mobilità: ufficializza la validità della domanda e il punteggio spettante

Licia – Gentilissima redazione, ho letto il vostro articolo sulla notifica della domanda di mobilità. Cosa significa ricevere la notifica della convalida della nostra domanda? Cioè se arriva la convalida e il punteggio è corretto e le voci del modulo da noi dichiarate sono state confermate significa che la nostra domanda è stata accettata in via definitiva? O che è stata accettata in prima battuta per essere sottoposta ad una successiva valutazione? Spero possiate chiarire la confusione che ho. Cordiali saluti

Graduatoria interna di istituto: viene aggiornata ogni anno e per i titoli (esclusi concorso ed esami) il punteggio massimo è di 10 punti

Erica – Sono una docente a tempo indeterminato di lingua inglese, nella scuola secondaria II grado.  La mia domanda riguarda la graduatoria interna d’istituto e chiedo:

-ogni quanti anni viene aggiornata?

-per la valutazione dei titoli, si possono raggiungere massimo dieci punti..ma questo per sempre oppure ogni volta che si aggiorna la graduatoria? per capirci, potrei accumulare altri punti in titoli da usare nel prossimo aggiornamento oltre a quelli che ho?

Ringrazio anticipatamente

Docente su COE con tre scuole: potrà chiedere miglioramento cattedra se previsto nella contrattazione integrativa regionale

Silvia – Sono titolare nella disciplina A245 nella città in cui abito di COE con titolarità nella  scuola principale con sole 6 ore e completo con altre due scuole di cui una(dove non ho titolarità) fuori città, più un’altra sempre nella mia città di residenza ma sempre 6 ore: totale 18 ore con tre sedi. Visto il disagio dell’avere tre sedi già per il terzo anno consecutivo e visto che dovranno assegnare( in utilizzazione o assegnazione provvisoria) un’intera cattedra  nella mia stessa città  nella mia disciplina(A245 scuola secondaria di primo grado), mi chiedo se io potrei fare domanda di utilizzazione o assegnazione provvisoria pur non avendo presentato quest’anno nessuna domanda di trasferimento. All’ USP dove mi hanno fatto la COE mi hanno detto che non posso, cosa mi dici? Mi sembra strano oltre che ingiusto. Rimango in attesa della tua sempre gentile risposta.

Docente trasferito d’ufficio su COE: il prossimo anno potrà essere assegnato su una COI se non sarà ultimo nella graduatoria interna di istituto

Gianluca – Sono un docente che quest’anno (a.s. 2017/18) è stato trasferito d’ufficio dalla mia ex scuola di titolarità ad un altra su una COE  in quanto perdente posto. Da precisare che io non avevo  prodotto domanda volontaria neanche dopo aver appreso la mia condizione di perdente posto. A partire dall’a.s 2018/19 nella scuola in cui sono stato trasferito  non sarò più ultimo in graduatoria. Volevo sapere se dovrò lo stesso rimanere su COE sebbene sono stato trasferito d’ufficio, ovvero non avessi prodotto l’anno precedente, domanda di trasferimento volontaria ne tantomeno scelto cattedre con orario esterno, o andrà all’ultimo in graduatoria interna di istituto. Grazie

Congedo biennale: il contatore non può superare 24 mesi nell’arco della vita lavorativa. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Gentile redazione, si chiede  un chiarimento in merito al congedo straordinario retribuito biennale. Un docente a tempo indeterminato in servizio presso questo Istituto presta assistenza in maniera esclusiva a n. 3 familiari portatori di handicap  in possesso di certificazione L. 104/1992  art. 33 comma 3. Nello specifico  per la madre convivente e per n. 2  figli.   Negli anni passati ha già usufruito del congedo biennale per il medesimo figlio per n. 284 gg. Il docente ha chiesto a questa segreteria se può usufruire del congedo biennale per tutti e 3  i suoi assistiti  per un totale di 6 anni (ovviamente decurtando quelli già presi per un figlio). Sarebbe inoltre sua intenzione chiedere nell’ambito dello stesso mese 20 gg. di congedo biennale e per i restanti gg. lavorativi 9 gg. di permessi di cui all’art. 33, comma 3, della L. 104/92. Si chiede se le richieste del docente possano essere accordate. Nell’attesa di un cortese cenno di riscontro, si porgono distinti saluti. La segreteria

Per fruire della precedenza basta indicare solo una preferenza di scuola o di ambito del comune di assistenza. Quando l’ATP non applica la norma

Pietro  – Buonasera, – Sono un docente di secondaria di secondo grado che ha presentato domanda di mobilità con precedenza ex art. 13 ccni per assistenza al figlio disabile con handicap in situazione di gravità. Il provveditorato non mi riconosce la precedenza perché, pur avendo indicato come prima preferenza una scuola sita nel comune di residenza del disabile, ho indicato come ultima scuola quella di un comune viciniore. La norma contrattuale sembra darmi ragione ma il provveditorato insiste nel negarmi la precedenza.  Chi ha ragione? Attendo fiducioso il Vostro responso.