Punteggio di continuità nel comune: si valuta per il comune di titolarità, ma non per quello di servizio in seguito ad AP

Teresa –  Il mio quesito riguarda la graduatoria interna, sono stata titolare per due anni in Calabria ma non ho mai preso servizio nella scuola calabrese in quanto nei due anni ho avuto assegnazione provvisoria senza soluzione di continuità (dal 1/9 al 31/8) nel comune di Roma. Il terzo anno ottengo trasferimento a Roma. La domanda è: nella graduatoria interna i due anni precedenti possono essere valutati come continuità nel comune di Roma? Grazie per la vostra presenza. Saluti

Giovanna Onnis – Gentilissima  Teresa,

la risposta al tuo quesito è negativa.

Gli anni di servizio prestati in assegnazione provvisoria nel comune di Roma non possono essere conteggiati per la continuità nel comune anche se attualmente risulti titolare nel comune di Roma.

Il punteggio di continuità, si valuta, infatti per gli anni di servizio continuativo prestati nella scuola di titolarità per la stessa classe di concorso o tipologia di posto.

Per la graduatoria interna si può valutare anche il punteggio di continuità per il servizio prestato nel comune di titolarità, ma non nel comune di servizio per assegnazione provvisoria.

Negli anni scolastici in cui hai prestato servizio in AP nel comune di Roma la tua titolarità era in altro comune e, conseguentemente, non potrai valutarli nella continuità

ads ads