Punteggio di continuità in un IIS: come si calcola? Chiarimenti

Maria – Io e una mia collega abbiamo spulciato tutte le risposte che avete fornito in relazione alla continuità didattica, ma manca un tassello che due colleghe vogliono far valere: dal 2013/14 siamo un Polo con ITC IPS IPSIA E ITI; la graduatoria unica l’abbiamo dall’anno 16/17. Prima di diventare polo unico ITC e IPS per alcuni anni sono stati un unico istituto, ma con codici meccanografici diversi e per trasferirci (siamo in tre in questa situazione) da una scuola all’altra abbiamo dovuto fare regolare domanda di trasferimento. Ora due colleghe pretendono la continuità all’interno di quel plesso, anche se si sono spostate dall’IPS all’ITC con due codici diversi, e quindi vogliono la continuità all’interno dell’intero Polo. Io riterrei di no. Chi ha ragione? Grazie se vorrete rispondere

Giovanna Onnis – Gentilissima Maria,

se le colleghe si sono spostate dall’ITC all’IPS quando gli organici erano ancora distinti, in seguito a trasferimento volontario, hai ragione tu.

Il trasferimento volontario ottenuto, infatti, ha determinato la perdita del punteggio di continuità maturato nel precedente istituto di titolarità, anche se ora le due scuole (quella di partenza e quella di arrivo) hanno stesso codice meccanografico e graduatoria unica.

Per loro la continuità nell’IIS potrà essere conteggiata, quindi, a decorrere dall’anno scolastico in cui hanno ottenuto, in seguito a domanda volontaria, il trasferimento

 

ads ads