Supplenza ATA: straordinario per esigenze di servizio

Claudia – Alla cortese attenzione del consulente Giovanni Calandrino, ho necessità di porle il seguente quesito: ho avuto una supplenza breve fino all’avente diritto trasformatasi in contratto a tempo determinato fino al 30/06/2018, con 3 giorni lavorativi su cinque e un totale di 12 ore settimanali

vorrei sapere se è consentito al dipendente richiedere di lavorare anche nei due giorni non lavorativi delle due settimane successive al termine delle lezioni fissato per giovedì 7 giugno e poi decurtare i giorni lavorati in più con i giorni miei da contratto delle ultime due settimane finali. Spero di essermi espressa correttamente rispetto alla mia esigenza. Nell’attesa di un chiaro e pronto riscontro le porgo i miei più cordiali saluti.

di Giovanni Calandrino – Gentilissima Claudia, il suo servizio lavorativo è stabilito come da contratto, pertanto il suo orario è di 12 ore settimanali ripartite in tre giornate. Se la scuola ha delle particolari esigenze di servizio dopo il 7 di giugno, le può proporre di svolgere lavoro straordinario retribuito per colmare tali necessità. È sua facoltà scegliere il compensativo alle ore di straordinario, che ricordo sono sempre retribuite come da CCNL/2018.

Inoltre ricordo alla sua scuola che, nel rapporto di lavoro a tempo parziale di tipo verticale è consentito lo svolgimento di prestazioni lavorative straordinarie in relazione alle giornate di attività lavorativa.

ads ads