Trasferimenti interprovinciali: sono disposti sul 30% dei posti residui, sia posto comune che sostegno, dopo i trasferimenti provinciali

Lidia – Sono una docente di scuola primaria di ruolo. Ho chiesto il trasferimento interprovinciale, ma non l’ho ottenuto. So che per i trasferimenti interprovinciali sono riservati il 30% dei posti disponibili. Mi chiedevo il 30% dei posti di sostegno più quelli della comune, oppure il 30% dei posti disponibili su sostegno e 30% dei posti disponibili sulla comune?

Giovanna Onnis – Gentilissima Lidia,

l’aliquota del 30% riservata ai trasferimenti interprovinciali, si calcola sulle disponibilità residue al termine dei trasferimenti provinciali, disponibilità che possono riguardare sia posto comune che sostegno.

In considerazione del fatto che il movimento da posto comune a sostegno (e viceversa) nello stesso ordine o grado di istruzione è a tutti gli effetti un trasferimento, all’interno della mobilità territoriale interprovinciale non è previsto, quindi, un conteggio separato tra le cattedre su materia e le cattedre sul sostegno e all’interno del 30% sono comprese ambedue le tipologie.

I movimenti saranno disposti secondo l’ordine stabilito nella sequenza operativa indicata nell’allegato 1 del CCNI sulla mobilità.

ads ads