Docente soprannumerario: la sua titolarità non può essere salvaguardata utilizzando le ore liberate da altro docente in part-time

Antonio –  Insegno Lettere in una Scuola Secondaria I Grado, oggi ho ricevuto la chiamata del DS che mi ha comunicato che sono perdente posto e che entro giovedì dovrò produrre domanda di trasferimento. Nella mia  scuola però quest’anno si è formata una classe in più per cui ci sono 10 h di lettere in organico di diritto + 8 ore in organico di fatto che derivano da un part-time. Data la situazione  è legittimo che l’ufficio Scolastico mi dichiari  perdente posto preferendo assegnare le ore ad un insegnante di ruolo di un’altra scuola che deve completare la cattedra? Ho chiamato l’Ufficio Scolastico regionale, ma mi hanno detto che loro si attengono a quanto risulta dal sistema informatico. Cosa posso fare per evitare il trasferimento? Chi decide le COE? Spero che qualcuno possa darmi una mano. Grazie infinite

Giovanna Onnis – Gentilissimo Antonio,

per non essere dichiarato soprannumerario,  nell’organico dell’autonomia della tua scuola di titolarità doveva risultare una cattedra  con completamento esterno 10+8, ma mi pare che questo non si sia verificato ed è rimasto solo uno spezzone orario residuo di 10 ore.

Con uno spezzone di 10 ore non può essere salvaguardata la titolarità del docente se non è previsto, da parte dell’Ufficio Scolastico Provinciale,  un completamento esterno con costituzione di una COE.

Non è possibile, inoltre, costituire una cattedra interna con le 10 ore residue più le 8 ore derivanti da un part-time, in quanto queste ultime non sono vacanti, ma sono occupate da docente titolare. Si tratta, infatti, di ore in organico di fatto che non possono contribuire a salvaguardare la titolarità di un docente

ads ads