Assegnazione provvisoria: posso valutare la precedenza per figlio di età inferiore a 12 anni?

A.P. – Sono un’insegnante di sostegno alle scuole secondarie di secondo grado. Cortesemente posso avere un chiarimento in merito alle precedenze per le assegnazioni? Sono madre di un ragazzino che è nato il 20/09/2005. Ho diritto a tale precedenza per l’assegnazione  provvisoria interprovinciale visto che alla data della presentazione della domanda mio figlio ha ancora 12 anni?

Giovanna Onnis – Gentilissima A.P.,

ipotizzando che le precedenze previste nel CCNI sulla mobilità annuale 2017/18 siano confermate anche per il prossimo anno scolastico, la risposta al tuo quesito è negativa.

La precedenza di cui parli, che riguarda esclusivamente le assegnazioni provvisorie interprovinciali, è quella indicata nell’art.8 parte IV) lettera m) del CCNI 2017/18, dove si precisano i seguenti requisiti necessari per usufruirne:

lavoratrici madri e lavoratori padri anche adottivi o affidatari con prole di età superiore a sei anni e inferiore a dodici anni limitatamente alle assegnazioni provvisorie interprovinciali. Sono presi in considerazione i figli che compiono i dodici anni tra il 1° gennaio e il 31 dicembre dell’anno in cui si effettua il movimento. In caso di adozioni e di affidi, i dodici anni si intendono dall’ingresso del minore in famiglia

Nel tuo caso, il compimento dei 12 anni  si è verificato l’anno scorso 2017, quindi tuo figlio non può essere considerato di età inferiore ai 12 anni, poiché compirà  13 anni nel corrente anno solare 2018 e, conseguentemente, la precedenza non ti spetta

ads ads