Diritto ai riposi per allattamento per il padre se la madre dipendente decide di non fruirne

Mara – sono un’insegnante di ruolo e vorrei porti questo quesito. Nostra figlia è nata il 6 Novembre 2017. Mio marito, che è dipendente presso una P.A., ha fatto richiesta per usufruire dei permessi di riposo per allattamento durante il prossimo mese di agosto, poichè io non me ne avvalgo. L’Ente vuole rigettare tale domanda perchè, essendo io un insegnante, ed a detta loro “non obbligata ad essere a scuola in un orario ben preciso durante la pausa estiva“, non rientrerei nelle specifiche disposizioni di legge. In base a ciò, neanche mio marito ne avrebbe diritto. Ti chiedo una cortese opinione e qualche riferimento legislativo in grado di chiarire la questione. Grazie mille.

Anno di prova e aspettativa per ricongiungimento al coniuge all’estero. Chiarimenti

Daniela – Scrivo per chiedere un chiarimento circa l’aspettativa per ricongiungimento coniuge all’estero.  Sono entrata in ruolo nella scuola secondaria superiore nell’as 2015/16. Per ragioni familiari, ho chiesto da subito questo tipo di aspettativa, rimandando lo svolgimento dell’anno di prova. Dovró chiederla ancora, e per l’ultima volta, il prossimo anno scolastico. La segreteria della mia scuola ha peró accennato al fatto che ‘forse’ non mi sará possibile rimandare ulteriormente l’anno di prova. Tutti i riferimenti normativi che sono riuscita a consultare indicano che questo tipo di aspettativa non è subordinata al superamento dell’anno di prova. Ti sarei enormemente grata se potessi confermarmi che effettivamente è ancora così, o se invece ci sono degli aggiornamenti normativi che hanno modificato questo aspetto della legge Signorello. Grazie anticipatamente per l’aiuto.

Trasferimento su ambito: il docente che chiede solo COI può essere assegnato in una scuola con COE?

Armando –  Ho ottenuto il trasferimento interprovinciale su ambito (posto comune) in una provincia vicino la mia, ieri mi hanno comunicato che la cattedra è costituita da 3 spezzoni orario su ben 3 comuni all’interno dell’ambito, così composta:

10 ore scuola di titolarità Comune X

5 ore scuola Comune Y

4 ore scuola Comune Z

La mia domanda è: possono assegnare una cattedra all’interno dell’ambito di trasferimento divisa  su 3 Comuni? Premetto inoltre che nella mia domanda di trasferimento avevo indicato espressamente la volontà di trasferimento solo su cattedre interne, per non incorrere nei problemi che le COE potrebbero presentare. Potrei fare ricorso per ottenere l’annullamento del trasferimento o chiedere all’ambito territoriale di competenza un miglioramento della cattedra?

Fiducioso in un Vostro positivo riscontro porgo cordiali saluti.

Anno di prova: per svolgerlo bisogna essere titolari nel grado di istruzione per il quale si effettua prova e formazione

Marco – Sono un insegnante entrato in ruolo lo scorso anno su secondaria II grado (ho ottenuto la conferma in ruolo). Nel caso in cui ottenga l’assegnazione provvisoria su secondaria di I grado (per la quale sono abilitato) per il prossimo A.S. , vorrei sapere se sia possibile svolgere contestualmente l’anno di prova, in modo da non doverlo svolgere in futuro nel caso volessi effettuare il passaggio. Grazie

Assegnazione provvisoria per docente titolare sul sostegno: può chiedere anche posto normale ma la richiesta è aggiuntiva rispetto a posto di sostegno

Licia – Non avendo ottenuto il trasferimento da sostegno a materia nella scuola secondaria di secondo grado ho deciso solo oggi di fare domanda di assegnazione provvisoria. Ho letto tra le tue risposte che devo mettere la spunta oltre che su posto normale anche su quello di sostegno. La mia domanda è la seguente: se non dovessi ottenere neppure l’AP su materia c è il rischio che mi diano AP sul sostegno in una scuola diversa da quella dove sono titolare? Perché se devo restare sul sostegno per me va benissimo restare nella scuola di mia titolarità. Pensavo che nella domanda ci fosse questa opzione. O forse non l’ho saputa trovare. Confidando nel tuo supporto porgo cordiali saluti

Utilizzazione dopo trasferimento interprovinciale: chiarimenti

Chiara – Ho ottenuto il trasferimento interprovinciale nel mio comune di residenza per la classe di concorso  A18, titolare su insegnamento curriculare. Volevo chiederle se posso fare domanda di utilizzazione su posto comune per la stessa classe di concorso (A18) presso una scuola secondaria di un altro comune, confinante con il mio comune di residenza? Oppure l’utilizzazione la posso chiedere solo su sostegno e solo se in possesso del titolo di specializzazione su sostegno? Cordiali saluti

Assegnazione provvisoria in altra classe di concorso: il soprannumerario nell’ottennio trasferito con domanda condizionata non perde il punteggio di continuità

Michele – Sono un docente titolare B015 che in quanto trasferito d’ufficio e avendo fatto richiesta di rientro nell’ottennio mantiene il diritto al rientro e la continuità di punteggio.
Se faccio domanda di AP anche per B003 che si trova nel comune di ricongiungimento, quindi cambio classe di titolarità, perdo i punti di continuità con la precedente scuola di titolarità? Vi chiedo una risposta urgente visto le scadenze imminenti. Grazie infinite

Assegnazione provvisoria: a parità di precedenze e punteggio prevale il docente più anziano

Alessandra – Gentile Personale di OS, io e una mia collega abbiamo fatto domanda di assegnazione provvisoria  (AP) provinciale, stessa classe di concorso di titolarità, stesso ordine di scuola, stessa indicazione di cattedre tra scuole dello stesso comune (opzione “A”). In riferimento alle preferenze abbiamo indicato entrambe, dopo la scuola del comune di ricongiungimento (due comuni diversi), la stessa scuola (in comune diverso, stessa provincia) in seconda posizione. Se ci fosse posto in questa scuola (indicata in seconda posizione), a chi spetterebbe tra me e lei?

Graduatorie III FASCIA ATA: il VFB non rientra fra l’Idoneità in concorso pubblico per esami o prova pratica

Daniela – Gentilissimi da tempo mi chiedevo se un concorso fatto in qualità di FVB ( volontario ferma breve) nell’esercito italiano ed avendo superato la prova scritta ( cultura generale) e non quella fisica ( mi mancavano 3 cm di altezza…all’epoca era mt 160..ora molto meno mt1.50) .Il concorso è valido lo stesso come punteggio in qualità di AA-AT? ..Visto che per queste figure non serve l’altezza? Altrimenti metà di loro dovrebbero essere licenziato? Distinti saluti

ATA: aspettativa per incarico annuale e rinvio del periodo di prova

Daniela – Gentilissimi, Vi vorrei porre un quesito e cioè : se un collaboratore scolastico passa di ruolo a breve….anzi a brevissimo visto che sono in buona posizione, e prima di superare il periodo di prova, dovessero chiamarmi per un incarico annuale in qualità di AA, posso fare il passaggio? perdo il ruolo di Coll.Scolastico? Si può accettare l’incarico??? Se cio’ e’ possibile, devo fare riferimento a qualche normativa specifica? Quale? Vi ringrazio

Istituto di Istruzione Superiore e assegnazione dei docenti ai diversi indirizzi: è competenza del Dirigente scolastico

Arturo – Insegno scienze motorie in un istituto superiore della provincia di Benevento che accorpa vari indirizzi come il liceo classico, il liceo scientifico, un istituto tecnico economico. Attualmente sono titolare al liceo classico. La mia domanda è può il dirigente assegnarmi ad un altro indirizzo, per esempio allo scientifico? Cordiali saluti

Utilizzazione provinciale e AP interprovinciale: in presenza dei requisiti si possono chiedere ambedue i movimenti

Elisa – Buongiorno, le scrivo dopo aver parlato con due dipendenti dell’ UST che mi hanno dato risposte contrastanti. Sono un’insegnante di sostegno di ruolo nella provincia di Vicenza perdente posto che è stata riassegnata d’ufficio a un istituto comprensivo della stessa provincia. Oltre alla domanda di utilizzazione provinciale posso presentare anche quella di assegnazione provvisoria interprovinciale? Mio marito è residente in provincia di Treviso ma non ho presentato domanda di trasferimento per la suddetta provincia.
Grazie

Assegnazione provvisoria: il docente coniugato può chiedere ricongiungimento al genitore non convivente

Francesca –  Allo scadere delle domande di assegnazione provvisoria abbiamo dei dubbi con mio marito sui requisiti. Sono coniugata da circa un anno, ma mio marito per gravi condizioni di salute della madre non ha cambiato la residenza e risiede nello stesso  comune ma in un indirizzo diverso. Non essendo convivente con lui ho letto che non posso richiedere il ricongiungimento. Posso chiedere il ricongiungimento con mio padre che ha più di 65 anni ?  Cioè sono libera di decidere a chi ricongiungermi ? L’obbligo di ricongiungimento al coniuge esiste solo in caso ci siano i requisiti di convivenza ? Cordiali saluti

Costituzione cattedre in Istituti con plessi in diversi comuni: sia tratta comunque di cattedre orario interne

Teresa – Ho ottenuto il passaggio di ruolo in un grande istituto professionale, situato a 10 km da casa mia (tra l’altro in provincia diversa). Questo istituto ha una sede principale e due sedi staccate, nello stesso comune, e due sedi associate, una in un comune a 25 Km, una in un comune a 20 (Km). Tra loro, le sedi associate distano tra i 23 e i 28 km, a seconda della strada che si percorre. Partendo dalla mia residenza, per giungere in ognuna delle sedi associate, dobbiamo aggiungere i 10 km, essendo in direzioni opposte.

L’aspettativa per motivi di ricerca è specifica e non rientra nel quinquennio di quella per motivi personali o familiari

Dirigente Scolastico –  buongiorno avrei bisogno di una consulenza , ho una docente che ha ususfruito di anno sabbatico dal 01/09/2015 al 31/08/2016 e aspettativa per assegno di ricerca dal 01/01/2018 al 30/06/2018. La docente mi chiede, visto la possibilità di ulteriore assegno di ricerca dal 01/10/2018 al 30/09/2019, se nel calcolo della durata massima dell’aspettativa nel quinquennio si deve considerare l’anno sabbatico. Se l’anno sabbatico non si considera, al 30/09/2019, se ho interpretato bene la normativa, ha maturato 21 mesi dunque se intende prendere un ulteriore aspettativa questa non deve andare oltre il 30/06.2020…giusto? Se invece l’anno sabbatico si conteggia lei non può andare oltre il 30/06/2019 a meno che non le vengano concessi gli ulteriori sei mesi per gravità….vero?  Cordiali saluti

Non è possibile richiedere assegnazione provvisoria se si è ottenuto un trasferimento interprovinciale nella provincia di ricongiungimento

Docente – Gent.ma redazione, vorrei chiedere se un docente che, nelle ultime operazioni di mobilità, abbia ottenuto trasferimento in una scuola del comune di ricongiungimento familiare,può comunque richiedere assegnazione provvisoria in altro comune (all’interno della stessa provincia), sia pure partecipando con zero punti. Grazie!

Per fruire della precedenza per assistenza bisogna esprimere come prima preferenza una scuola del comune di assistenza

Anna – vorrei avere delle info in merito alle scuole da inserire poiché quest’anno per la prima volta inserisco 104 di mia madre che risiede in un comune differente da quello per il quale dovrei fare il ricongiungimento con mio marito, pertanto volevo sapere le scuole di quale comune devo inserire?grazie.

Se si è l’unico convivente col genitore gli altri fratelli o sorelle non devono allegare nessuna autodichiarazione

Luigi – sono docente di ruolo titolare sul sostegno sc.sec. di I° grado.  Nell’assegnazione provvisoria devo inserire la precedenza come figlio unico referente di genitore disabile(padre) (art.33 com.5 e 7 legge 104) e unico figlio convivente (uguale residenza) con il genitore in quanto mia sorella non è nel nucleo familiare di mio padre, è single ma ha la residenza in comune diverso (nella stessa provincia del genitore) e domicilia in maniera continuativa, per motivi lavorativi, in un altro comune di un’altra provincia.  Volevo chiedere se devo allegare al modulo-domanda l’autodichiarazione di mia sorella attestante i motivi oggettivi a non assicurare assistenza su indicati, o non è necessario in quanto sono unico figlio convivente (quindi basta solo dichiarare di essere unico figlio convivente)? Vi prego rispondetemi, questo quesito l’avevo posto in una precedente email e non mi avete risposto. Grazie.

Utilizzazione e punteggio di continuità: si continua a maturare senza perdere i punti già acquisiti

Roberto – Sono un insegnante di scuola secondaria superiore e ho ottenuto il  trasferimento interprovinciale su materia, avendo il titolo di specializzazione sul sostegno intendo produrre domanda di utilizzazione sul sostegno. La domanda è la seguente: l’utilizzazione sul sostegno a domanda e non d’ufficio quindi non perché in esubero ma volontaria, determina la perdita del punteggio di continuità o comunque come nel mio caso specifico che ho ottenuto il trasferimento su materia, di non maturare il punteggio di continuità rispetto l’istituto presso il quale sono stato trasferito per la materia. Ringrazio per il servizio che ci offrite.