Assegnazione provvisoria sul sostegno senza specializzazione: l’anno di servizio, anche a tempo determinato, deve essere svolto su posto di sostegno

Rosalia – Sono insegnante di scuola primaria immessa in ruolo con fase C della legge 107/2015. A proposito delle nuove norme che regolano le assegnazioni provvisorie 2018/2019 (ricongiungimento al coniuge presso il comune di residenza) ho il seguente quesito da porvi: sono priva del titolo di sostegno ma in un trascorso anno scolastico ho lavorato per l’intero anno quale insegnante potenziamento con due bambini (redatto PDP) in corso di certificazione legge 104 ottenuta subito dopo la fine dell’anno scolastico. E’ sufficiente per usufruire delle novità contrattuali in merito alla deroga al sostegno? Grazie

Giovanna Onnis – Gentilissima Rosalia,

la risposta al tuo quesito è negativa.

Nelle disposizioni indicate nell’art.7 comma 16 del CCNI sulla mobilità annuale 2018/19 si parla chiaramente di  anno di servizio sul sostegno:

L’assegnazione provvisoria può essere infine richiesta per posti di sostegno anche dai docenti sforniti di titolo di specializzazione, purché stiano per concludere il percorso di specializzazione sul sostegno o, in subordine, abbiano prestato almeno un anno di servizio, anche a tempo determinato, su posto di sostegno

Il tuo servizio non è stato su cattedra di sostegno, ma su attività di potenziamento che ha interessato non alunni H, ma presumibilmente alunni BES non certificati o alunni DSA per i quali hai predisposto il PDP

Come insegnante di sostegno avresti dovuto, invece, lavorare con alunno H, con certificazione 104, per il quale avresti dovuto predisporre il PEI e solo in questo caso avresti avuto il requisito necessario per chiedere AP interprovinciale sul sostegno anche senza specializzazione

ads ads