Assegnazione provvisoria: sono coniugato, posso chiedere ricongiungimento a mia sorella convivente?

L.V. – Sono coniugato ma per motivi personali io e mia moglie non abbiamo la residenza nella stessa provincia, posso chiedere il ricongiungimento a mia sorella mia convivente e appartenente allo stesso stato di famiglia?

Giovanna Onnis – Gentilissimo L.V.,

per il prossimo anno scolastico è possibile scegliere liberamente  verso  quale familiare si intende chiedere il ricongiungimento e trai i familiari oltre al coniuge, ai figli e ai genitori, sono stati inseriti anche i parenti e gli affini purché conviventi.

Queste disposizioni sono chiaramente indicate nell’art.7 comma 1 del CCNI sulla mobilità annuale 2018/19 dove si stabilisce che  l’assegnazione provvisoria può essere richiesta dai docenti di ogni ordine e grado, purché ricorra uno dei seguenti motivi:

– ricongiungimento ai figli o agli affidati di minore età con provvedimento giudiziario;

– ricongiungimento al coniuge o alla parte dell’unione civile o al convivente, ivi compresi parenti o affini, purché la stabilità della convivenza risulti da certificazione anagrafica;

– gravi esigenze di salute del richiedente comprovate da idonea certificazione sanitaria;

– ricongiungimento al genitore.

Potrai, quindi chiedere, anche se sei coniugato, ricongiungimento a tua sorella convivente, purché la stabilità della convivenza risulti da regolare iscrizione anagrafica, che dovrai autocertificare e allegare alla domanda di assegnazione provvisoria

 

ads ads