Assegnazione provvisoria: i figli minori danno punteggio e possono dare precedenza per il movimento

C.S. – Sono un’insegnante in procinto di chiedere l’assegnazione provvisoria. Vorrei sapere se l’età massima dei figli, per avere il punteggio aggiuntivo, è 12 o 18 anni. Credo ci sia un errore nel modulo predisposto dal MIUR. Grazie

Giovanna Onnis – Gentilissima C.S.,

non chiarisci a quale parte del modulo domanda fai riferimento, se riguarda il punteggio o la precedenza per figli minori, sulle quali potresti fare confusione

Nella domanda di assegnazione provvisoria, infatti, i figli minori consentono di avere punteggio aggiuntivo e possono rappresentare una precedenza per il movimento richiesto.

Nei due casi l’età da considerare è diversa.

Per il punteggio si considerano i seguenti casi:

  • figli di età inferiore ai 6 anni , per ognuno dei quali si possono valutare 4 punti
  • figli di età compresa tra 6 anni e 18 anni, per ognuno dei quali si possono valutare 3 punti

Ai fini della valutazione del punteggio indicato si considerano i figli che compiono 6 anni o 18 anni  tra il 1 gennaio e il 31 dicembre dell’anno in cui si effettua l’assegnazione provvisoria.

Per la precedenza si considera quanto previsto nell’art.8 comma 1 parte IV) del CCNI sulla mobilità annuale 2018/19, alle lettere  l) ed m):

I) ai sensi dell’art. 42 bis del D.lgs 151/01 lavoratrici madri e lavoratori padri anche adottivi o affidatari con prole. Ai sensi del D.lgs80/15 sono presi in considerazione i figli che compiono i sei anni tra il 1°gennaio e il 31 dicembre dell’anno in cui si effettua il movimento. In caso di adozioni e di affidi, i sei anni si intendono dall’ingresso del minore in famiglia

m) lavoratrici madri e lavoratori padri anche adottivi o affidatari con prole di età superiore a sei anni e inferiore a dodici anni limitatamente alle assegnazioni provvisorie interprovinciali. Sono presi in considerazione i figli che compiono i dodici anni tra ilio gennaio e il 31 dicembre dell’anno in cui si effettua il movimento. In caso di adozioni e di affidi, i dodici anni si intendono dall’ingresso del minore in famiglia

I figli di età inferiore ai 6 anni danno precedenza , quindi, sia per AP provinciale che interprovinciale, mentre i figli di età compresa tra 6 e 12 anni danno precedenza solo per AP interprovinciale

ads ads