Assegnazione provvisoria interprovinciale: se la ottengo perdo la continuità e il punteggio una tantum di 10 punti?

Maria Rosaria – Trasferita d’ ufficio nell’ a.s. 2012/2013  e avendo, nella mobilità,chiesto sempre il rientro nella scuola di ex titolarità indicandola come prima preferenza,desidero,gentilmente,sapere se  facendo la domanda di assegnazione provvisoria interprovinciale 2018/2019 perdo tutto il punteggio accumulato compreso quello aggiuntivo di 10 punti.
Preciso che insegno in una provincia diversa da quella di residenza e con l’ assegnazione provvisoria interprovinciale vorrei ricongiungermi al mio nucleo familiare.
Grazie per le vostre certe indicazioni e risposte.

Giovanna Onnis –  Gentilissima Maria Rosaria,

come docente nell’ottennio trasferita d’ufficio e che ha presentato  ogni anno domanda condizionata per il rientro nella scuola di precedente titolarità,  se sarai soddisfatta nella domanda di  assegnazione provvisoria non perderai  il punteggio di continuità maturato.

In base alla nota 5 della tabella di valutazione allegata al CCNI, infatti, il punteggio di continuità si perde  in seguito ad assegnazione provvisoria “salvo che si tratti di docente trasferito nell’ottennio quale  soprannumerario che abbia chiesto, in ciascun anno dell’ottennio medesimo, il rientro nell’istituto di precedente titolarità”

Anche per quanto riguarda il punteggio una tantum di 10 punti che hai maturato per non aver presentato domanda di mobilità provinciale (trasferimento e/o passaggio) per un triennio, nel periodo 2000/2001 – 2007/08, se la tua domanda di assegnazione provvisoria è interprovinciale, non perderai tale punteggio.

Come chiarisce, infatti, la nota 5ter della stessa tabella di valutazione, “Tale punteggio, una volta acquisito, si perde esclusivamente nel caso in cui si ottenga, a seguito di domanda volontaria in ambito provinciale, il trasferimento, il passaggio o l’assegnazione provvisoria”

ads ads