I 5 giorni di formazione spettano anche ai docenti che partecipano ad attività come formatori, esperti o animatori

Giovanna – in data 14 settembre 2018 dovrò prendere parte ad un convegno in qualità di relatrice. Poiché la sede del convegno dista 400 km dalla mia residenza, dovrei chiedere almeno due giorni di permesso. Quale tipo di permesso dovrei chiedere alla DS? Mi spiego meglio. Sono un dottore di ricerca, una neo-immessa in ruolo con un solo anno di pre-ruolo  ( = più esperienza del contesto universitario che di quello scolastico). Lo scorso anno, per partecipare ad un convegno, ho chiesto uno dei tre giorni di permesso retribuito. Ma pochi giorni fa una collega mi ha detto che per la partecipazione ai convegni vi sono dei giorni di permesso appositi: è vero? Potreste indicarmi i riferimenti normativi? Mille grazie.

3 giorni al mese per assistenza alla madre disabile: nessun vincolo se c’è una distanza dalla residenza inferiore ai 150 km

Simona – Buongiorno, Il quesito che desidero porgere alla Vostra attenzione è il seguente: dal primo settembre assumerò ruolo presso una scuola primaria in una provincia diversa da quella della mia residenza, posta a circa 90 km di distanza. Durante l’assegnazione della sede non ho avuto agevolazioni perché la mia provincia non era più disponibile, potrò comunque richiedere di godere dei tre giorni di permesso L.104 per assistere mia madre, la quale risiede nella mia stessa città? Vi ringrazio per l’attenzione.  Cordiali saluti.

Congedo parentale dal 1 settembre. Nessun obbligo di presa di servizio per il personale già in ruolo

Carmen    – Gent.ma Redazione, sono titolare da tre anni a tempo indet. presso una scuola secondaria di 2° grado, nell’anno in corso ho avuto assegnazione nella città di residenza, pertanto fino al 31 Agosto sono in servizio nella scuola di assegnazione. Quest’anno vorrei chiedere congedo parentale (ho una bimba di età inferiore ai 12 anni di età ) a partire dal 1 settembre. Volevo sapere se ho l’obbligo di presentarmi nella scuola di titolarità per prendere servizio e poi chiedere il congedo,oppure posso solamente inoltrare richiesta anticipata. Vi ringrazio per l’attenzione. Cordiali saluti.

Il congedo parentale è retribuito al 30% fino al giorno del sesto compleanno

Claudia – avrei bisogno di una informazione sul congedo parentale. Mi trovo ora in maternità obbligatoria fino al 7/9/2018 e vorrei chiedere il congedo parentale a partire dal 8/9/2018 fino al 31/12/2018, usufruendo del congedo della mia prima figlia, nata il 10/9/2012 di cui non ho mai usufruito. Da quanto ho capito il primo mese mi verrà retribuito al 100%, ma i mesi successivi, fino al 31/12/2018, mi verranno retribuiti al 30%, oppure, dato che mia figlia compirà 6 anni il 10/9/2018 non avrò alcuna retribuzione? Grazie mille per l’attenzione e l’aiuto che fornite ogni giorno.

Alle immissioni in ruolo vanno il 60% delle disponibilità. Chiarimenti

Giorgio – sono un docente di Cagliari immesso in ruolo nel 2015 nella classe A021 di geografia, a Fiumicino, trasferito a Empoli, poi a Nuoro e quest’anno a Bosa. Nella mia classe di concorso vi erano due posti che sono stati assegnati uno alle GAE  e uno al concorso ordinario, mentre a me è stato negato il trasferimento nella mia provincia. E’ tutto corretto oppure vi possono essere gli estremi per un ricorso? Grazie infinite per la cortese disponibilità

Immissione in ruolo e aspettativa dopo aver assunto servizio

Giovanna – Buongiorno, sono stata assegnata all’ambito 22 Infanzia, Prato Nord, Toscana, per l’immissione in ruolo. Avendo assoluta necessità di chiedere l’aspettativa per questo anno scolastico,cioè di “congelare” la mia posizione, mi chiedo come fare e quali adempimenti ci sono. Inoltre, avendo l’immissione in ruolo anche per la primaria, vorrei sapere come fare per il passaggio da Infanzia a Primaria.

Punteggio di continuità: bastano 180 giorni nell’a.s. di riferimento

Ivana – Buongiorno Gentilissimi, vi scrivo per porvi un quesito in merito al punteggio di continuita’: il punteggio si accumula con almeno 180 giorni di servizio all’anno? Mi spiego meglio. Io sono docente di ruolo dal 2012/13. Dal 2013/14 lavoro  nella stessa scuola. Il prossimo anno vorrei chiedere trasferimento in una scuola piu’ vicina a casa mia, visto che una collega che insegna la mia stessa disciplina andra’ in pensione. In questi anni ho sempre svolto almeno 190 giorni di servizio, ma ho dovuto chiedere dei  brevi periodi di aspettativa non retribuita per motivi familiari. Questa aspettativa mi annulla la continuità? Oppure basta il fatto di aver lavorato 180 gg nell’anno scolastico per tenere il punteggio? Grazie mille.

Valutazione domanda di assegnazione provvisoria: i punteggi per esigenze di famiglia sono cumulabili tra loro

Graziella – Desidero sapere se nell’assegnazione provvisoria spettano per esigenze di famiglia oltre al punteggio di 6 punti per ricongiungimento al coniuge anche un punteggio aggiuntivo di punti 6 per cura e assistenza del coniuge soggetto a terapia salvavita (chemioterapia) che può essere assistito soltanto nel comune richiesto.
Nella graduatoria pubblicata mi sono stati riconosciuti solo 6 punti (per ricongiungimento) e non quelli per  ricongiungimento ai familiari (coniuge) bisognosi di cure, credi che sia opportuno fare reclamo? Avendo pochissimi giorni per fare eventuale reclamo Ti prego cortesemente di darmi la risposta nel più breve tempo possibile. Grazie

Mobilità 2018/19 per i docenti immessi in ruolo nell’a.s. 2017/18: regole uguali per titolari su scuola e titolari su ambito

Claudia – Vorrei un chiarimento riguardo alla mobilità, che mi tocca anche personalmente. Secondo la legge 107/2015 i docenti neo-immessi 2017-2018 avevano la facoltà di presentare domanda di trasferimento. Chi è neo-immesso su ambito, è stato anche vincolato a una scuola, e quindi ha potuto chiedere “trasferimento”? Per i neo-immessi che chiedono trasferimento NON vale la necessità del superamento dell’anno di prova?  Grazie.

Domanda cartacea per mobilità annuale: a quale ufficio deve essere inviata?

G.D. – A seguito di un provvedimento di rettifica della mobilità sono stata riammessa nei termini per produrre domanda di assegnazione provvisoria interprovinciale docenti scuola superiore.
Sarò costretta a produrre domanda  cartacea visto che è spirato ormai il termine per produrre quella online. A quale Ufficio devo inviarla? Ufficio regionale o provinciale?  Ufficio provinciale di titolarità o l’Ufficio provinciale richiesto nell’ assegnazione provvisoria interprovinciale, o  Ufficio di servizio in assegnazione provvisoria  in corso fino al 31/8/18? Grazie

Docente titolare sul sostegno che ha superato il vincolo quinquennale: può chiedere AP anche per posto comune senza alcuna conseguenza

Giovanna – Sono una docente di sostegno nella scuola primaria dal 2010 e per l’anno scolastico 2018 ho chiesto  l’assegnazione provvisoria sulla comune. L’anno prossimo posso chiedere trasferimento su cattedra comune scuola primaria? L’assegnazione provvisoria sulla comune, per l’anno scolastico 2018, mi obbliga a fare nuovamente i 5 anni su sostegno? Grazie anticipatamente

Mobilità sul sostegno per docente titolare su materia: diversi requisiti per utilizzazione, assegnazione provvisoria e trasferimento

Elisabetta – Volevo chiedere se, essendo in ruolo su materia non in possesso di specializzazione su sostegno ma avendo due anni pieni di servizio su sostegno, posso chiedere utilizzazione o assegnazione provvisoria annuale su sostegno nello stesso comune dove lavoro. Sono passata in ruolo nel settembre 2018. Se dovessi in futuro prendere la specializzazione di sostegno, qualora escano dei corsi abilitanti, potrei chiedere trasferimento da materia a sostegno? Grazie in anticipo per la risposta.

Graduatorie III fascia ATA: modifica graduatorie per errore valutazione certificazione informatica

Rosanna – Salve sono una assistente amministrativa, nella valutazione delle domande di 3^ fascia, per un errore materiale non ho dimezzato il punteggio informatico ad un candidato già inserito nel precedente triennio, al momento al SIDI non è possibile modificare nulla. Non avendo esperienza precedente, chiedo se prima delle definitive sarà possibile e come rettificare tale punteggio.

Docente titolare su ambito: ha un contratto a tempo indeterminato e un incarico triennale su una scuola dell’ambito

Mirella – Sono appena stata immessa in ruolo da GM Primaria. Il documento rilasciatomi dallo USR segnala che la mia posizione in GM è utile per la proposta di assunzione a tempo indeterminato e successivamente decreta che sono assunto secondo l’ordine di graduatoria ed assegnato ad un certo ambito territoriale.
Poi dice testualmente che ai sensi dell’art. 10 c. 2 del DDG 105/2016, i docenti assunti ricevono le proposte di incarico di durata triennale, di cui all’art. 1 commi 79, 80, 81, 82 della legge 107/2015.
Per cortesia mi spiega se il contratto che andrò a firmare sarà a tempo indeterminato? O se terminato l’incarico triennale e per qualsiasi motivo (contrazione posti, sovrannumero, ecc.) il contratto decade? Grazie

Assegnazione provvisoria 2018/19: non può essere chiesta da docente neo-immesso in ruolo con decorrenza giuridica 1 settembre 2018

Maddalena –  Ho ricevuto il ruolo in data 10/08/2018  presso un Istituto Comprensivo di Scuola primaria, che si trova a 60 Km dalla mia abitazione. Avendo due  bambini piccoli di 8 e 3 anni e per motivi organizzativi sarebbe molto complicato, posso richiedere l’assegnazione provvisoria presso un altro Istituto Comprensivo più idoneo alle mie esigenze? In attesa di comunicazioni, porgo i più cordiali saluti. Grazie

Trasferimento non ottenuto: chiarimenti sui criteri di valutazione delle domande

Michela – Sono docente di sostegno della scuola secondaria di II grado, trasferita in fase C in Veneto ma residente in Umbria. Da due anni chiedo trasferimento interprovinciale, senza successo. Quest’anno invece che per l’Umbria l’ho chiesto per la provincia di Arezzo dove c’erano più posti disponibili, ma non sono stata trasferita. Ho scoperto che un’altra docente con punteggio maggiore al mio, ha ottenuto il trasferimento su Arezzo pur avendola espressa come seconda opzione, mentre io che l’ho espressa come prima opzione non ho avuto il trasferimento. L’algoritmo dà precedenza al punteggio o alle preferenze espresse? Ti ringrazio per i chiarimenti che saprai darmi. Un cordiale saluto.

Se la mia pratica di riscatto non sarà ancora lavorata, potrò presentare domanda di pensione allegando anche quella di riscatto protocollata dall’INPS nel 2016? 

Patrizia – Buongiorno, sono un’insegnante della scuola primaria, nata il 01/11/1955, ho urgente necessità di avere dei chiarimenti: ad oggi ho maturato 40 anni di servizio.
Ho inoltrato all’INPS domanda di riscatto nel 2016 di 1anno non coperto da contribuzione(retrodatazione giuridica ed economica ) con onere a mio carico. L’INPS non può emanare il provvedimento fin quando il provveditorato non lavora la mia pratica di computo.  Considerando che lavorando anche questo futuro anno scolastico maturerei 41 anni e qualche mese + l’anno riscattato, avrei nel 2019 i requisiti di 42 anni e 4 mesi.  Quindi a gennaio 2019 dovrei presentare domanda di pensione.  La mia domanda è: se a questa data (gennaio 2019) la mia pratica di riscatto non sarà ancora lavorata, potrò presentare domanda di pensione allegando anche quella di riscatto protocollata dall’INPS nel 2016?  Ringrazio in anticipo.

Pensionato a far data dal 01/09/2014 , si chiede se il sottoscritto ha diritto o meno allo scatto stipendiale per il periodo dal 01/01/2014 al 31/08/2014

Epifanio – Pensionato a far data dal 01/09/2014 senza aver maturato l’ultimo scatto stipendiale (scatto 35) per il blocco al 31/12/2013, si chiede se il sottoscritto ha diritto o meno allo scatto stipendiale per il periodo dal 01/01/2014 al 31/08/2014 e quali azioni intraprendere per l’eventuale recupero degli arretrati.Ringrazio anticipatamente per l’attenzione riservata al problema. Distinti saluti

Concorso straordinario infanzia e primaria: valgono tutte le supplenze, purché in scuola statale

Ho appena letto le vostre precisazioni sui requisiti per partecipare al concorso straordinario per i DM e SFP ma chiedo di chiarire, se possibile, un ulteriore dubbio. Io ho capito che i due anni di servizio, come da voi ribadito più volte, consistono in due annualità da 180 giorni ciascuna, ma gira la notizia che le due annualità devono essere maturate esclusivamente con contratti al 31 agosto. Se questo fosse vero tantissimi sarebbero esclusi visto che come noto la maggior parte dei contratti sono al 30 giugno. Potete precisare? Grazie