Assegnazione Provvisoria: la mancata indicazione di almeno una preferenza territoriale determina l’annullamento della domanda

Raffaella –  Vorrei chiedere chiarimenti riguardo domanda di assegnazione provvisoria provinciale. Sono una docente di scuola secondaria di secondo grado, titolare su scuola di un paese in cui non ho residenza, ho presentato domanda di assegnazione provvisoria, nella sezione F – Esigenze di famiglia ho indicato il comune di ricongiungimento al coniuge, ho inserito tutti gli allegati richiesti, ma nella sezione N – Preferenze non ho indicato alcuna preferenza perché non ero interessata ad alcuna sede viciniore (in quanto già lavoro nella sede più vicina) ma soltanto al comune di residenza.

L’UST di mia competenza non ha preso in considerazione la mia domanda, non sono comparsa negli elenchi degli assegnatari ma neanche nell’elenco degli esclusi, ho presentato reclamo nei termini previsti ma lo hanno ignorato, ho fatto richiesta di chiarimenti tramite PEC e ancora non ricevo formale risposta. Oggi, primo giorno di riapertura la pubblico, dopo giorni di blindatura, recatami di persona presso l’ufficio di competenza. mi hanno detto che la mia domanda è nulla perché priva di preferenze.

Il CCNI del 28/06/2018 all’art. 7 comma 10 (ultimo periodo) regolamenta proprio queste problematiche: “La mancata indicazione di almeno una delle preferenze relative alle scuole del comune di ricongiungimento preclude la possibilità di accoglimento da parte dell’ufficio delle eventuali altre preferenze, o altre classi di concorso o posti di grado diverso, ma non comporta l’annullamento dell’intera istanza di assegnazione provvisoria. Pertanto, in tali casi l’ufficio si limiterà a prendere in considerazione soltanto le preferenze analitiche relative a specifiche scuole del comune di ricongiungimento e per la stessa classe di concorso o posto di titolarità.

Stamane, quando ho chiesto un riferimento legislativo di quanto stavano affermando mi hanno detto che non sono tenuti a rispondermi neanche per iscritto.

Secondo voi, alla luce di quanto scritto nell’art.7 del CCNI di cui sopra la mia domanda di AP è nulla oppure ho i requisiti per ottenerla?

Grazie per l’attenzione che vorrete dedicarmi.

Giovanna Onnis – Gentilissima Raffaella,

nella domanda di assegnazione provvisoria devi inserire almeno una preferenza, in caso contrario la domanda non può essere presa in considerazione.

L’Ufficio Scolastico Provinciale  non ha potuto valutare la tua domanda per l’assenza di indicazioni nella sezione “Preferenze” e questo ha determinato il suo annullamento.

L’USP non aveva, infatti, alcun elemento per poterti soddisfare nella richiesta di AP in quanto non hai indicato nessuna scuola dove ottenere il movimento che, ti ricordo, è esclusivamente volontario e può essere disposto, quindi, soltanto su una delle scuole richieste dal docente.

Nella domanda avresti dovuto inserire almeno una preferenza su scuola del comune di ricongiungimento e in presenza di cattedra disponibile avresti potuto ottenere AP in tale scuola

Purtroppo hai interpretato male l’art.7 comma 10 del CCNI sulla mobilità annuale che non prevede la possibilità di presentare domanda di AP senza indicare alcuna preferenza, ma stabilisce l’obbligo di indicare come prima preferenza una scuola ubicata nel comune di ricongiungimento, prima di chiedere scuole ubicate in altri comuni

ads ads