Il registro firme per la rilevazione della presenza dei docenti non ha valore se non opportunamente deliberato

Edoardo – Buongiorno, nella mia scuola è stato predisposto un registro per firmare  l’ora d’ingresso nella scuola dei docenti. Si può proporre in sede di  collegio docenti la votazione per la sua abolizione? Esiste una  giurisprudenza che analizza e valuta casi del genere? A me pare che tale  registro firme equivalga al cartellino.

Paolo Pizzo – Gentilissimo Edoardo,

Il CCNL comparto scuola prevede per il solo personale ATA l’obbligo di “adempiere alle formalità previste per la rilevazione delle presenze” (art.92, comma 3, lettera g).

Nulla è invece previsto per i docenti.

Pertanto, in assenza di un’apposita fonte normativa di tipo legale o di tipo contrattuale che preveda per i docenti  il controllo della presenza mediante orologi marcatempo o altri sistemi di registrazione, nessun sistema in tal senso potrà essere imposto o ritenuto valido compresa l’abitudine che esiste in molte scuole dell’utilizzo di un registro di presenza in aggiunta a quello di classe.

In tal senso abbiamo la sentenza del  Tribunale di Firenze del 09-02-2017, la Cass. Sez. L. sent. n. 11025/2006 e il tutto discende dalla circolare della FP 4797/1992 la quale aveva già sottolineato che  “Si ritiene opportuno ribadire la necessità che l’orario di lavoro deve essere documentato mediante controlli di tipo automatizzato ed obiettivo come disposto dalle vigenti normative in materia […] La presente direttiva non è altresì applicabile, per il momento, al comparto scuola limitatamente al settore educativo-formativo”.

Non è comunque da escludere che l’introduzione del cartellino/budge elettronico o altre forme per i docenti e il personale educativo possa essere definito in sede di contrattazione di istituto.

In questi casi le RSU dovranno preventivamente parlarne con i docenti e gli educatori, senza considerare che un’eventuale spesa da sostenere per l’acquisto delle apparecchiature deve essere approvata dal Consiglio di Istituto e riguardare tutti i plessi dell’istituto compresi quelli staccati (CTP, plesso infanzia ecc.).

In conclusione, ad esclusione del registro di classe l’utilizzo di altre forme di rilevazione presenze (registro firme, budget ecc.) non hanno alcun valore se non opportunamente deliberate o contrattate.

ads ads