Supplenza ATA: diritto al pagamento del sabato e domenica

Teresa – Gentile Orizzontescuola ho prestato servizio presso una scuola, quale CS, a seguito di supplenza breve avente durata dal 13.09.2018 al 04.10.2018.

In data venerdì 14.09.2018 ho comunicato via mail alla segreteria di aver accettato una supplenza presso altro Istituto avente durata da lunedì17.09.2018 al 30.06.2019 , evidenziando che la relativa presa di servizio fosse il successivo lunedì 17 settembre (come poi effettivamente avvenuto). Preciso che in tale mail NON ho comunicato alcuna dimissione o abbandono della supplenza in corso.

Successivamente, dal sito istanze online, ho rilevato che la scuola ha inserito, quale data di cessazione del rapporto, il giorno venerdì 14.09.2018, con conseguente perdita in mio favore del riconoscimento giuridico ed economico del sabato (15/09) e della domenica (16/09).

Per quanto sopra, chiedo se è corretta la data di cessazione contratto (14.09.2018) inserita dalla scuola ovvero se alla scrivente spetti il riconoscimento giuridico ed economico del sabato (15/09) e della domenica (16/09).

Grazie,

 

di Giovanni Calandrino – Gentilissima Teresa, la risposta al suo quesito è la nota ministeriale prot. n. 13650 del 18.12.2013, “Il dipendente che completi tutto l’orario settimanale ordinario ha diritto al pagamento della domenica ai sensi dell’art. 2109 comma 1 del Codice Civile. Inoltre, come precisato dall’ARAN, in risposta a specifico quesito, la previsione contrattuale si estende al pagamento del sabato qualora risulti giorno libero del dipendente.

Per orario ordinario deve intendersi 25 ore settimanali nella scuola dell’infanzia, 24 ore nella scuola primaria, 18 ore nella scuola secondaria, 30 ore nelle istituzioni educative, da svolgere in non meno di 5 giorni settimanali, e 36 ore per il personale ATA.

Ai fini dell’applicazione della disposizione in questione l’orario settimanale può essere stato effettuato anche in più scuole ma purché si riferisca al medesimo grado di scuole per il personale docente ed educativo e al profilo della medesima area per il personale ATA.

In caso di completamento dell’orario ordinario in più scuole il pagamento della domenica e dell’eventuale sabato libero sarà disposto dall’ultima scuola di servizio che vi darà luogo previe le necessarie notizie fornite dai dirigenti scolastici interessati e dal supplente interessato circa i precedenti servizi settimanali e le opportune verifiche della scuola medesima.

Pertanto se nella settimana da lunedì 10 a venerdì 14 settembre ha completato le canoniche 36 ore settimanali ha diritto al riconoscimento giuridico ed economico delle giornate 15 e 16 settembre 2018 [riferimento normativo art. 60 comma 2 CCNL/2007]

ads ads