Anno di prova: il docente che ottiene il passaggio di ruolo deve svolgerlo nella sua interezza

Alessandra –  Per molti anni ho insegnato lettere nella secondaria di I grado, dove ho rivestito anche il ruolo di vicario di un preside reggente. Da quest’anno ho deciso che mi sarebbe piaciuto cambiare e ho chiesto il trasferimento in un Istituto tecnico.  Cambiando la classe di concorso dovrò fare l’anno di prova?
Le scrivo per sapere quali saranno di preciso incombenze e scadenze, perché non trovo nulla di specifico a riguardo.
Grazie se potrà aiutarmi. Cordialmente

Giovanna Onnis – Gentilissima Antonella,

il movimento da te ottenuto ha determinato una modifica non soltanto nella classe di concorso di titolarità, ma anche del grado di istruzione, in quanto sei passata dalla Secondaria I grado alla Secondaria II grado.

Il tuo movimento non è stato, quindi, un trasferimento, ma un passaggio di ruolo che, come stabilisce il DM n.850/2015, ti obbliga a svolgere l’anno di prova e formazione nella sua interezza, come un neo-immesso in ruolo.

Per quanto riguarda gli adempimenti e le attività che sarai obbligata a svolgere come docente in anno di prova, troverai  tutte le risposte nella guida pubblicata da OrizzonteScuola, che ti invito a leggere

ads ads