Punteggio di continuità: come si calcola?

Romeo – Gentilissimi, sono un docente di scuola secondaria di 1° grado. dall’anno scolastico 2012/13 sono di ruolo presso la medesima scuola per l stessa classe di concorso. come calcolo la continuità? Devo non calcolare l’anno di prova e quello corrente e valutare tre anni. È giusto? Sono sufficienti per esseri inseriti nella continuità? Cordiali saluti.

Vincolo quinquennale: non si applica per il docente soprannumerario trasferito a domanda condizionata da posto comune a sostegno

Claudia – Per l’a.s. 2017/2018 sono stata trasferita, a seguito di domanda condizionata, da posto comune a posto di sostegno. Se partecipo alla mobilità 2018/2019 indicando la disponibilità sia per posto comune che per sostegno, e ottengo il posto sul sostegno, sarò soggetta al vincolo quinquennale? In tal caso è obbligatorio indicare la scuola di ex titolarità come prima preferenza? Cordialmente

Domanda di trasferimento: conseguenze diverse su titolarità e punteggio a seconda dell’esito del movimento

Lucia – Seguo il vostro sito con molto interesse e vi ringrazio per le informazioni puntuali che ci date. Vorrei sottoporre qualche domanda. Sono una docente di ruolo nella secondaria di secondo grado dal 2007 ( precedentemente due anni di ruolo nella secondaria di primo grado). Vorrei chiedere il trasferimento solo in una scuola della mia provincia, se non é possibile non mi interessa cambiare.

Mobilità sostegno/materia nello stesso grado di titolarità: il sostegno non è una classe di concorso, quindi il movimento è un trasferimento

Stefania – Sono titolare su una cattedra di sostegno nella Media I grado e ho assolto l’obbligo quinquennale. Vorrei  passare su Inglese AB25,  ma rimanere nella mia provincia. Indicherò 5 scuole limitrofe. Devo compilare la “domanda di trasferimento” oppure quella per il “passaggio di cattedra”? Non capisco se il sostegno è inteso come “cattedra”, nelle istruzioni non è chiarito. Vi ringrazio anticipatamente.

Trasferimento e preferenze: si possono chiedere complessivamente 5 scuole appartenenti anche a province diverse

Monica – Sono una docente assunta nel 2012 in seguito al concorso ordinario del ’99/2000. Ho una anzianità su scuola di 5 anni e vorrei rientrare nel comune di residenza oppure cambiare regione, ma vorrei fare domanda su scuola, non su ambito.

Questi i miei quesiti:

Per il trasferimento in provincia, ma in un Comune differente, posso fare domanda solo su 5 scuole e nel caso rimanere sulla mia scuola di titolarità?

Nella stessa domanda posso aggiungere 5 scuole di una Provincia/Regione differente, o devo obbligatoriamente inserire un ambito e poi la scuola che desidero, con il rischio di finire in un piccolo comune disagiato che però appartiene allo stesso ambito?

Nel caso non potessi inserire 5+5 scuole posso inserirne 4 (nella stessa provincia) + 1 (in regione differente)? Grazie!

Trasferimento e preferenze: la possibilità di escludere le COE è valida solo per le preferenze su scuola e non su ambito

Barbara – Gentile redazione, sono una docente di ruolo di scuola secondaria di II grado. Avrei bisogno gentilmente di un’informazione: nella domanda di trasferimento c’è la possibilità di richiedere anche cattedre orario esterne, ma si fa riferimento limitatamente alle massimo 5 scuole indicate dall’aspirante, che potranno così avere un completamento con altre scuole della provincia, o a tutte le scuole comprese anche negli ambiti indicati? Vi ringrazio anticipatamente

Continuità didattica e punteggio: non si perde se la cattedra di servizio nella scuola di titolarità diventa una COE

Antonella – Avrei un quesito sulla continuità di servizio. Da settembre 2013 ho ottenuto la sede di servizio definitiva e da quella sede non mi sono più spostata. Tuttavia lo scorso anno scolastico sono rimaste solo 12 ore della mia cattedra e ho dovuto completare l’orario in un altro istituto. Quindi ho lavorato su una COE: 12 ore in una scuola e 6 ore di completamento in un’altra scuola. Questo interrompe la continuità di servizio? Grazie

Mobilità 2018/19: confermato il CCNI 2017/18, anche per il prossimo anno non sarà possibile chiedere trasferimento nella scuola di incarico triennale

A.Z. – Sono docente di ruolo su potenziamento, titolare su ambito e con incarico triennale, sono in una scuola che vorrei diventasse la mia definitiva. Chiedo se è possibile fare domanda di mobilità per passare da titolare su ambito a titolare su scuola esprimendo la scuola dove sono come unica preferenza. Grazie

Trasferimento per docente in part-time: è disposto sempre su cattedra completa

Antonio – Gentile redazione, sono un docente di scuola superiore di secondo grado con contratto part-time 9h. Ho presentato domanda di trasferimento ma non ho trovato nessun riferimento al part-time nella domanda, allora mi chiedo se il mio orario ridotto rileva o meno ai fini della mobilità. Mi spiego meglio: se in una delle scuole che ho indicato nelle preferenze sono disponibili 9h (magari perché un collega in quella scuola ha optato anch’egli per il part-time), queste verranno prese in considerazione per il mio trasferimento? Oppure nonostante il part-time concordo soltanto per le cattedre intere salvo poi lasciare 9h? Grazie

Mobilità da sostegno a materia nello stesso grado di titolarità: non è un passaggio di cattedra, ma un trasferimento

Annamaria – Sono una docente di sostegno di scuola media entrata di ruolo sul sostegno dal 2009. Quest’anno vorrei chiedere il passaggio di cattedra nella mia classe di concorso (italiano) indicando solo le scuole del mio comune e quelle di un comune vicino. Devo per questo compilare anche la domanda di trasferimento o solo quella di passaggio di cattedra? Grazie

Trasferimento da sostegno DH a sostegno EH: si può chiedere anche nella scuola di incarico triennale

Luigi – Sono  insegnante di sostegno nella scuola primaria; ho letto una vs, nota con la quale si precisa che “non è consentito esprimere preferenza per la scuola in cui si ha l’incarico triennale nelle domande di trasferimento per la stessa tipologia di posto”. Vi chiedo se ciò vale anche nel caso in cui venga indicata prioritariamente nella domanda di trasferimento un’altra tipologia di sostegno (es. titolare su DH che indica per prima EH). Grazie per la vostra risposta.

Trasferimento e passaggio di cattedra: si può indicare nella domanda di passaggio a quale movimento si intende dare priorità

Pietro – Gent.ma redazione, sono un docente della classe di concorso A011( ex A051) e partecipo alla domanda di mobilità a livello provinciale. Avendo intenzione di chiedere trasferimento per la classe di appartenenza, ma anche passaggio di cattedra per la A012 (ex A050), classe per la quale sono in possesso di abilitazione, e intendendo dare precedenza al trasferimento rispetto al passaggio di cattedra, vorrei chiedere un chiarimento.

Trasferimento e passaggio di ruolo: due domande distinte che possono essere presentare contemporaneamente

Lucia – Desidero chiedere nella domanda di mobilità 2018/2019 il passaggio dalla scuola secondaria di I grado (disciplina A001) a quella di II grado (disciplina A017) e contestualmente il trasferimento da posto comune  a sostegno. Dovrò fare due domanda di mobilità e quali eventualmente? Cordiali saluti

Punteggio di ricongiungimento: si valuta solo per preferenze sull’ambito di ricongiungimento o su scuole del comune di ricongiungimento

Antonia – Intendo fare domanda di mobilità interprovinciale e, non essendo coniugata né avendo figli, selezionerò la voce del riavvicinamento al genitore per i sei punti aggiuntivi.
La mia domanda è: nella lista delle quindici preferenze da stilare, devo obbligatoriamente scegliere una scuola e/o un ambito nel comune di residenza del genitore per “giustificare” l’avvicinamento a quest’ultimo o è sufficiente che le preferenze e la residenza siano nella stessa provincia? In breve, devo, tra le mie quindici preferenze, scegliere anche il preciso comune di residenza del genitore o basta che sia la medesima provincia? Se sì, con che ordine prioritario? Grazie del vostro lavoro

Trasferimento provinciale e assegnazione provvisoria interprovinciale: non c’è incompatibilità tra le due domande

Annamaria – Sono un’ insegnante di scuola primaria titolare su scuola  posto comune, nella provincia di Palermo, ma residente in provincia di Catania.Vorrei chiedere il trasferimento su sostegno nella mia stessa scuola di titolarità. Nel caso venisse soddisfatta la mia domanda, potrei chiedere assegnazione provvisoria interprovinciale nella mia provincia di residenza per ricongiungimento al  coniuge, oppure essendo stata soddisfatta la mia richiesta di mobilità non avrei più diritto a presentare domanda di assegnazione? La prego di delucidarmi in quanto è imminente la scadenza per l’inoltro della domanda di mobilità. Distinti saluti

Trasferimento, richiesta posto comune e sostegno: diversa valutazione del punteggio di servizio per le due tipologie di posto

M.V. – Ho bisogno di  un chiarimento urgente in merito alla mobilità scuola secondaria da sostegno a sostegno/posto comune in altra provincia. Sono sul sostegno di ruolo dal 2012  con un pre-ruolo di 5 anni di cui 3 con il titolo di sostegno. Nella domanda di trasferimento come verrà calcolato il punteggio se metto sostegno come prima scelta e posto comune come seconda scelta, ovvero il calcolo del punteggio per il sostegno utilizzato nel trasferimento è diverso da quello che il Ministero utilizzerà per il posto comune? Se invece metto posto comune  come prima scelta e sostegno come seconda scelta il calcolo del punteggio viene valutato in altro modo. La ringrazio per la celerità della risposta! Distinti saluti

Docente titolare su COE può essere assorbito su cattedra interna nella scuola di titolarità: chiarimenti

Maria Cristina – Sono entrata in ruolo nel 2013 con la disponibilità anche una cattedra spezzata, e mi è stata data la terza sede scelta. Ma da allora, rispetto a colleghi senza questa opzione, anche a parità o con maggior punteggio sono io a dover completare la cattedra in altra sede. Essendoci quest’anno 2 pensionamenti posso fare la domanda di mobilità nella sola mia scuola dichiarando la disponibilità solamente alla cattedra intera, migliorando così la mia situazione? Vi ringrazio per l’aiuto.

Punteggio di continuità: non si può valutare l’anno di servizio in assegnazione provvisoria nella scuola diventata sede di titolarità

Maria Pia – Nell’anno scolastico 2016/2017 sono stata titolare presso la scuola X, ma ho ottenuto l’assegnazione provvisoria presso la scuola Y.  Per l’anno scolastico 2017/2018 ho ottenuto il trasferimento presso la scuola Y. Il servizio prestato nell’a.s. 2016/2017 vale ai fini della continuità nella graduatoria interna di istituto della scuola Y? Grazie