Il completamento orario può avvenire solo per lo stesso profilo

Scuola – Buongiorno ci occorrerebbe sapere se, un collaboratore scolastico di ruolo con part- time di 18 ore, possa completare l’orario di servizio accettando un incarico nel profilo professionale di Assistente Amministrativo, o addirittura come docente. Noi crediamo che non ci possa essere commistione fra i diversi profili, ma non abbiamo riferimenti normativi. Restiamo in attesa di una vostra cortese risposta. Cordiali saluti.

Congedo biennale per parenti e affini. Chiarimenti

Scuola – Una docente chiede alla nostra Direzione, in data 11/10/2017, un congedo biennale legge 104 per assistenza della nonna del marito. Dichiara che la signora è inserita nel proprio stato di famiglia. Chiediamo se ne ha diritto in quanto parente affine (di che tipo?) visto anche che la precedono il figlio della signora (suocero della docente) ed il nipote (marito della docente) e nessuno di essi ha preclusioni di sorta. Facciamo fede ai 60 giorni per fornire una risposta? Restiamo in attesa di un vostro riscontro. Cordiali saluti

Non si può lasciare un incarico di 4 ore al 30/6 per altro di 18 ore. Si ha titolo al solo completamento orario

Alessandro – Buona Sera, vorrei sapere se accettando uno spezzone di 4 ore al 30 giugno al Serale, Continuerei a ricevere convocazioni da altre scuole?  Potrei accettare 18 ore da altra scuola diurno fino a l’8 giugno? o posso solo completare al 30 giugno? Il quesito nasce dal fatto che,sarei destinatario di 4 ore al 30 giugno in un serale, ma sarei in posizione utile su un’altra scuola su 18 ore al diurno fino a l’8 giugno sulla materia strutturata nel seguente modo(4 ore sulle classe e 14 di potenziamento), altre 18 fino al 30 giungo (8 sulle classe e 10 di potenziamento),e destinatario di convocazione sul sostegno poichè da incrocio sono arrivati al mio punteggio, tutto ciò sempre dalla stessa scuola. Spero di ricevere risposta prima possibile ringraziandovi anticipatamente della cortese attenzione.

Incarico al 30/6 e aspettativa per motivi di studio

Renata – vorrei alcune delucidazioni in merito all’aspettativa per motivi di studio.ho una supplenza su sostegno al 30.6 in Regione diversa e lontana rispetto a quella dove sto frequentando il corso di abilitazione sul sostegno. Se il Dirigente scolastico dovesse concedermela, perché potrebbe negarmela, giusto? 1) il punteggio mi verrà riconosciuto? 2) avrò diritto alla retribuzione? 3) è possibile richiederla solo per un paio di mesi? E se rientro 90 giorni prima del termine del contratto avrò  diritto alla disoccupazione? Grazie. Cordiali saluti.

Gli incontri di carattere collegiale devono essere calendarizzati e la convocazione è effettuata in forma scritta

Marina– mi confermi che tutti gli impegni di carattere collegiali  (plessi, interplessi, ecc) ,devono essere calendarizzati dal dirigente in modo formale quindi, con comunicazione scritta nei termini dei 5 giorni di anticipo? Qualora ciò non accadesse, ma ci fosse solo il “passaparola” tra le colleghe è  un obbligo partecipare agli incontri oppure l’assenza è giustificata? Grazie per l’attenzione.

Maternità. Allattamento e congedo in anno di prova

Anna – Gentile redazione di orizzonte scuola,  sono una docente a tempo indeterminato di scuola secondaria superiore. Il 1 settembre 2017 sono entrata in ruolo. Sono in gravidanza:  dall’11 settembre al 4 ottobre, sono stata in maternità anticipata per via di un distacco placentare. Dal 4 ottobre in poi sono in maternità obbligatoria. Considerando che la data presunta del parto è il 4 dicembre, quando dovrei rientrare a scuola? Ho diritto a qualche altro mese per l’allattamento? L’anno di prova è rimandato? Grazie per ogni eventuale chiarimento in merito.

Congedo biennale. Punteggio di ruolo

Valerio – Gentilissimi, sono un insegnante di ruolo nella scuola secondaria e a Gennaio vorrei richiedere 2 mesi di congedo retribuito per assistere mia madre che dovrà operarsi. Mia madre è in situazione di gravità ed ha la 104 art.3 comma 3 ed io sono il suo unico figlio convivente (mia sorella risiede all’estero). Con quanto anticipo devo chiedere tale congedo retribuito? I due mesi incideranno sulla maturazione del punteggio di ruolo? Devo utilizzare un modulo particolare o basta la richiesta in carta semplice alla segreteria della mia scuola? Posso inviare una Pec?

Permesso per testimonianza

Elisa  – Come si esprime la normativa a proposito di permessi da chiedere per citazione testimoniale avanti Tribunale Penale se l’imputato è un privato cittadino e non l’Amministrazione? Devo prendere un permesso per motivi personali/familiari sottraendo il giorno ai 3+6? Ringrazio anticipatamente per la risposta e cordialmente saluto.

Congedo biennale per la suocera. Chiarimenti

Vincenzo  – Sono una collaboratrice scolastica con C.T.D. fino al 30/06/2018, vorrei chiederle se posso usufruire del congedo straordinario per mia suocera affetta da disabiltà grave (104 art. 3 com. 3) con la quale sono convivente. Voglio evidenziare che mio marito unico figlio convivente è affetto da patologie invalidanti a carico del rachide cervico-lombare per la presenza di discopatie multiple evidenziate da R.S.M e certificate da specialistici di strutture pubbliche e dunque impossibilitato ad un assistenza quotidiana della propria madre. Inoltre,  lo stesso, è in attesa di riconoscimento di invalidità civile. Grazie.

Riduzione oraria per allattamento e docente di sostegno. Chiarimenti

Silvia – Buongiorno sono un’insegnante di sostegno nella scuola secondaria di I grado e ho un bimbo di 5 mesi. Sono rientrata a lavoro già da settembre e ho richiesto la riduzione di orario per allattamento. Premetto che ho 18 ore su un caso di autismo. È arrivata la supplente pretendendo di poter accorpare le 5 ore di allattamento in 2 giorni. So che non si può fare ma lei insiste perché viene da lontano e per un’ora al giorno sarebbe troppo economicamente. Cosa posso fare? Grazie mille.

Recupero ore di programmazione scuola primaria

Barbara  – Vi contatto per sapere se il Dirigente Scolastico può richiedere ai docenti di effettuare un recupero orario delle due ore di progettazione non effettuate per chiusura della scuola. Nello specifico si tratta della sospensione delle attività a causa del referendum, in seguito alla quale è stata comunicata la necessità di posticipare le due ore di cui sopra ad altra giornata della settimana. Vi ringrazio per l’attenzione. Distinti saluti.

Aspettativa per assegno di ricerca per un supplente con contratto al 30/6

Francesca – vorrei una consulenza in merito alla possibilità di aspettativa per motivi di ricerca. Quest’anno ho fatto il primo inserimento in III fascia e sono stata convocata per una supplenza fino al 30 giugno (4 ore). Poichè lavoro all’università già da tempo, vorrei partecipare al bando per un assegno di ricerca annuale. Sono a conoscenza che l’assegno di ricerca è incompatibile con contratti dipendenti, per cui il mio dubbio è questo: se accetto la convocazione fino a 30 giugno, e poi risulto vincitrice di assegno di ricerca, posso chiedere l’aspettativa per motivi di ricerca? in tal caso, potrò conseguire almeno il punteggio previsto? oppure, poichè avrei un contratto a tempo determinato, l’aspettativa comporta sia la mancanza di retribuzione che di punteggio? Grazie mille.

Interruzione di gravidanza e calcolo della malattia. Chiarimenti

DarioMia moglie ha una supplenza come c.s “nomina su avente diritto” era in gravidanza ma una settimana fa si purtroppo ha dovuto avuto un aborto, con intervento chirurgico Quale è Il periodo che può usufruire di malattia? -va considerata malattia normale…quindi 30 GG ? -oppure come ha specificato  l’INAIL, nelle circolari n. 48/1993 e n. 51/2001, ha riconosciuto che le assenze per interruzione di gravidanza avvenuta entro il 180° giorno dall’inizio della gestazione, non si cumulano con precedenti o successivi periodi di malattia e che non sono quindi computabili nel periodo massimo previsto dalla normativa contrattuale per la conservazione del posto di lavoro (c.d. periodo di comporto).

I 30 giorni di malattia del bambino sono in riferimento a ciascun anno di età e non complessivi nel triennio. La segreteria deve applicare la normativa

Nicoletta  – spett.le Redazione di Orizzonte Scuola, sono una docente di scuola superiore di II grado. La scuola dove ero in servizio l’anno scorso mi contatta in data odierna dicendomi che i 30 giorni di permesso di malattia per il figlio, di età inferiore a 3 anni, sono da intendersi come triennali e non per anno d’età, come specificato nella vostra guida (https://www.orizzontescuola.it/guida/congedi-malattia-del-figlio-normativa-retribuzione-documentazione-no-visita-fiscale/). Faccio notare quanto scritto nella vostra guida e la segretaria mi risponde che la vostra fonte è errata e che di conseguenza mi decurteranno alcuni giorni di permesso di cui ho usufruito l’anno scorso. Dove sta la verità? Grazie per la vostra risposta,

Gravi patologie e computo della malattia. Chiarimenti

Angelo  – Salve sono collaboratore scolastico purtroppo con un tumore. Ho avuto riconosciuta per questa patologia un’invalidità dell’80% e la L.104 con la dicitura portatore di handicap grave e permanente . Mi sto sottoponendo a cicli di chemioterapia neoadiuvante per ridurre il tumore, poi dovrò sottopormi all’intervento chirurgico , alla radioterapia e poi ad un intervento ricostruttivo. Non so per quanto tempo mi dovrò assentare dal lavoro. Per adesso ho presentato i certificati medici telematici compilati dal mio dottore con barrato terapie salvavita ed ho fatto avere alla scuola i verbali di invalidità e di 104. Come devo procedere nelle varie fasi della malattia e quale documentazione devo presentare ? Chi mi deve certificare che la mia patologia invalidante necessita di terapia salvavita e come vengono conteggiati i giorni di assenza? Ringrazio anticipatamente.

Passaggio di cattedra sui Licei musicali. Chiarimenti

Docente – Gentile redazione, sono titolare come docente di musica di II grado e nello stesso tempo abilitata per l’insegnamento di strumento musicale. Ho svolto lo scorso anno servizio di ruolo (in cui sono titolare) di musica ma utilizzata dal dirigente scolastico per delle ore su strumento.  Potevo richiedere il passaggio di cattedra sui Licei musicali considerata come docente già in servizio per lo strumento?

Il completamento orario è possiblile solo se utilmente collocati nelle graduatorie

Lidia  – Salve! sono una docente iscritta nella seconda fascia per la scuola dell’infanzia, di recente ho accettato una supplenza su sostegno fino al 30/06 di 12,50 perché quasi certa di poter completare l’orario con un’altra mezza cattedra su posto comune rimasta vuota nella stessa scuola, invece informandomi più in là con la segreteria mi dicono che anche se ho diritto al completamento devono lo stesso riconvocare dalla prima fascia, quindi entro a questo punto in confusione perché non riesco a capire allora il diritto dove sta! in quali casi è possibile averlo o non averlo? Vi prego di darmi delle delucidazioni.

Il “cumulo” non è da confondersi con l’istituto del ricongiungimento dei servizi ai sensi della L. 29/1979

Assistente Amm.va – a seguito di domanda di ricongiunzione art. 2 L.29/79 (lavoro presso privati, disoccupazione,contributi volontari, maternità, supplenze) presentata nel 2002, mi è stata riconosciuta dall’INPS nel settembre 2014 la ricongiunzione di anni 11 ecc. ai fini del diritto e anni 11 ecc. ai fini della misura del trattamento di quiescenza, cui corrisponde un onere di €. 7.927, 86 per cui sto provvedendo ratealmente e terminerò nel 2023. Una collega ha sentito che ora la ricongiunzione è GRATUITA.  Anche lei ha lavorato sia presso privati che presso il Comune, la Pretura, con periodi di disoccupazione e supplenze varie. E’ vero quanto le hanno detto che ora  la ricongiunzione non è più onerosa? e per chi sta pagando? In attesa di cortese riscontro, la saluto cordialmente. grazie 1000.

Gli anni riscattati incidono sulla misura della pensione relativamente alla quota calcolata con il sistema retributivo

Docente  – Buongiorno. Sono una docente di scuola secondaria superiore che raggiungerà il requisito per il pensionamento il I settembre 2018. Ho 29 anni di servizio, tenendo conto anche del preruolo. Per il riscatto del periodo universitario (richiesto nel luglio del 1997),ora mi sono stati chiesti circa 27.000 euro. Se dovessi rinunciare a riscattare detti anni e raggiungere così i 33 anni di servizio,  sarei molto penalizzata? Grazie anticipatamente. Cordiali saluti.

Diritto alla pensione anticipata, secondo i requisiti ordinari previsti dalla L. 214/2011 – nel 2024

Docente  – Buongiorno, sono un insegnante della scuola secondaria di secondo grado nato nel 1958. Ho iniziato a lavorare ad ottobre del 1984. Dopo tre anni di servizio pre-ruolo,sono stato immesso in ruolo nella scuola secondaria di primo grado dove ho lavorato per sette anni. Nell’ a.s.1994/1995 sono stato immesso in ruolo nella scuola secondaria di secondo grado laddove insegno attualmente. Quando maturerò i requisiti per la pensione di anzianità considerato che riscatterò i quattro anni di università? Grazie.