Il “cumulo” non è da confondersi con l’istituto del ricongiungimento dei servizi ai sensi della L. 29/1979

Assistente Amm.va – a seguito di domanda di ricongiunzione art. 2 L.29/79 (lavoro presso privati, disoccupazione,contributi volontari, maternità, supplenze) presentata nel 2002, mi è stata riconosciuta dall’INPS nel settembre 2014 la ricongiunzione di anni 11 ecc. ai fini del diritto e anni 11 ecc. ai fini della misura del trattamento di quiescenza, cui corrisponde un onere di €. 7.927, 86 per cui sto provvedendo ratealmente e terminerò nel 2023. Una collega ha sentito che ora la ricongiunzione è GRATUITA.  Anche lei ha lavorato sia presso privati che presso il Comune, la Pretura, con periodi di disoccupazione e supplenze varie. E’ vero quanto le hanno detto che ora  la ricongiunzione non è più onerosa? e per chi sta pagando? In attesa di cortese riscontro, la saluto cordialmente. grazie 1000.

Gli anni riscattati incidono sulla misura della pensione relativamente alla quota calcolata con il sistema retributivo

Docente  – Buongiorno. Sono una docente di scuola secondaria superiore che raggiungerà il requisito per il pensionamento il I settembre 2018. Ho 29 anni di servizio, tenendo conto anche del preruolo. Per il riscatto del periodo universitario (richiesto nel luglio del 1997),ora mi sono stati chiesti circa 27.000 euro. Se dovessi rinunciare a riscattare detti anni e raggiungere così i 33 anni di servizio,  sarei molto penalizzata? Grazie anticipatamente. Cordiali saluti.

Diritto alla pensione anticipata, secondo i requisiti ordinari previsti dalla L. 214/2011 – nel 2024

Docente  – Buongiorno, sono un insegnante della scuola secondaria di secondo grado nato nel 1958. Ho iniziato a lavorare ad ottobre del 1984. Dopo tre anni di servizio pre-ruolo,sono stato immesso in ruolo nella scuola secondaria di primo grado dove ho lavorato per sette anni. Nell’ a.s.1994/1995 sono stato immesso in ruolo nella scuola secondaria di secondo grado laddove insegno attualmente. Quando maturerò i requisiti per la pensione di anzianità considerato che riscatterò i quattro anni di università? Grazie.

Pensione anticipata biennio 2023/2024

Angela  – Buongiorno! Sono un’insegnante della scuola primaria nata nel 1960: ho iniziato il servizio il 1° settembre 1980 nel ruolo della scuola dell’infanzia e poi nel 1983 sono entrata nel ruolo della scuola primaria. Quando avrò maturato i requisiti per la pensione di anzianità? Grazie!

Pensione di vecchiaia, secondo i requisiti ordinari previsti dalla L. 214/2011 – nel 2022

Gabriella – Gent.ma, Sono docente di ruolo, scuola secondaria secondo grado, dall’anno scolastico 1989/90, il pre ruolo , continuativo, dall’anno scolastico 1982/83. Non ho mai riscattato la laurea. A gennaio 2018 compio 63 anni. Quando potrò andare in pensione? Ovviamente non con l’opzione donna che è molto penalizzante. Grazie

Requisito per la pensione anticipata (requisito legato all’anzianità contributiva), nel 2018

Silvio – Sono un  insegnante statale di scuola media superiore nato il 29 novembre 1954. Sono in ruolo dal 10-9-1978. Ho riscattato  11 mesi e 24 giorni di supplenze effettuate negli anni 75/76 ed inoltre dal 1-10-76 al 9-9-78 anni, 1 anno 11 mesi e 9 giorni mi sono stati valutati come “utile ex-se”.  In base a quanto sopra, al 31 dicembre 2017, avrei 42 anni, 4 mesi  e 21 gg. di servizio. Se i miei calcoli sono esatti,i quando raggiungerò i requisiti per la pensione.  Grazie per l’attenzione.  Distinti saluti.

Requisiti ordinari previsti dalla L. 214/2011 – nel 2022

Marinella   –  Buongiorno, insegno alla scuola dell’infanzia di Ponte Lambro dal’anno scolastico 1982/83. Vincitrice di concorso nel 1980, ho insegnato i primi due anni a Barni, 1980/81 – 1981/82. Dopo aver conseguito la maturità nel luglio 1978 ho lavorato nel privato da maggio a novembre1979 e come educatrice da novembre 79 ad agosto 80. Visto che la situazione in casa inizia ad essere problematica x gestione mamma con Altzheimer, volevo sapere quando riuscirò a maturare la pensione. Grazie in anticipo

Requisito presunto, per le donne, 42 anni e 2 mesi di anzianità contributiva

RIta  – Sono nata il 26/03/55 e sono entrata in ruolo con nomina giuridica il 1 settembre1986 e con nomina economica il 1 ottobre 1986 come vincitrice di concorso a cattedra di lingua Inglese nella scuola media. Ho avuto riconosciuti e riscattato 8 anni di preruolo incluso il periodo universitario. Sono in attesa di ulteriore riconoscimento di 5 mesi di  astensione obbligatoria x maternità nel 1982. Quando potrò andare in pensione?

Modificare una ricostruzione di carriera

Raffaella  – Buongiorno, sono, una ex insegnante in pensione dal 01/09/ 2015 (ruolo dal 10/9/1984).   Vorrei sapere se un computo di 29 giorni, relativo all’anno 1997, chiesto nel 2007 e ottenuto nel 2009 ,ai fini del trattamento di quiescenza , può modificare una ricostruzione di carriera che nel 2006 ha avuto una interruzione di 27 giorni per motivi di famiglia. Ringrazio

Pensione a decorrere dal 2012

Licia  – sono una docente di scuola media e il prossimo anno dovrei andare in pensione. Mi è stato detto che il calcolo sarà con il sistema contributivo e retributivo. Sono stata immessa in ruolo nel 1984 con 5 anni di pre-ruolo ed ho richiesto il riscatto laurea nel 1991 pertanto nel dicembre del 1995 avevo già maturato i 18 anni. Mi chiedo come mai sarà applicato il sistema misto? Grazie

Requisiti pensionistici

Gabriella   – Sono nata nel 1960 e sono passata di ruolo nel 1983 nella scuola primaria, quindi quest”anno scolastico sarà il mio trentacinquesimo, non ho preruolo nel mondo della scuola ma sette mesi come dattilografa in uffici pubblici; in base alle nuove normative quando potrò andare in pensione considerando anche che godo della 104 per mamma disabile, il coniuge invalido e due figli a carico? La ringrazio per l’attenzione che vorrà accordarmi e la saluto cordialmente.

Trattenimento in servizio

Giuseppina  – Salve, sono un ex collaboratrice scolastica. Ad agosto 2016 la scuola mi ha collocato a riposo per raggiunti limiti di età (67 anni) pur senza aver raggiunto i 20 anni di contributi utili per ottenere una pensione. Ho fatto presente alla dirigente la cosa formulando per iscritto la domanda per poter rimanere fino ai 70 anni, ma mi ha risposto di non poterlo fare perchè anche trattenendomi non avrei raggiunto i 20anni necessari avendo poco più di 15 anni di contributi. Vorrei sapere se il suo è stato un comportamento regolare o meno. Tra l’altro tutti i patronati della mia città a cui mi sono rivolta, mi hanno detto che non mi spetta neanche la pensione sociale avendo mio marito che ha già la sua pensione. Sono veramente sconfortata perchè mi sembra di avere subito un’ingiustizia. Grazie se mi vorrà rispondere.

Diritto alla pensione anticipata, secondo i requisiti ordinari previsti dalla L. 214/2011 – nel 2030

Alessia  – Buonasera, sono insegnante primaria a tempo inderminato dal 1.9.1986 (nessuno servizio pre-ruolo). Ho usufruito di un giorno di aspettativa nel 1996 (gentile concessione del D.S. di allora) per motivi personali. Nata nel gennaio 1966, vorrei sapere quanti anni di lavoro mi aspettino, sia nella prospettiva di una pensione per età, sia per anzianità di servizio. Grazie per la cortese attenzione. Distinti saluti