L’annodi prova può essere rimandato più volte se si chiedono periodi di aspettativa

Tiziana – docente nelle scuola superiori di II grado, neoassunta in ruolo da concorso. Le scrivo in quanto ho superato un concorso per il conferimento di un assegno di ricerca al CNR, che avrà inizio a Gennaio 2018. Ho presentato dunque richiesta di aspettativa e sospensione dell’anno di prova. Il Preside sostiene però che questo sia l’unico e solo anno in cui possa rimandare l’anno di prova, perché -così mi ha detto- “se non lo fa l’anno prossimo, la licenziano”.  Vorrei chiederle se il Preside ha ragione o meno.  In caso negativo, poiché l’assegno prevede possibilità di rinnovo, le chiedo gentilmente di indicarmi i riferimenti normativi da impugnare per l’eventuale richiesta di proroga dell’aspettativa e se il Preside può rifiutare la mia richiesta.  La ringrazio infinitamente.

Aspettativa per altro lavoro. Chiarimenti

Cinzia – sono un collaboratore scolastico a tempo indeterminato e, a sorpresa, sono stata convocata per l’assunzione presso l’università per lo scorrimento degli idonei della graduatoria di un concorso a cui ho partecipato 10 anni fa. Ho deciso di accettare ma sono indecisa se chiedere aspettativa in base all’art 18 c.3 oppure in base all’art. 59 del CCNL scuola.

Posto disponibile prima del 31/12. Chiarimenti

Docente – Salve, vorrei una delucidazione che riguarda il caso mio.  – Sto sostituendo il collega per malattia dal 2 ottobre ad oggi. Il giorno immediatamente successivo al primo periodo di supplenza ne segue un altro, causa aspettative. Dovrebbe valere la continuità didattica a mio parere. Ma secondo la segretaria, bisogna riscorrere la graduatoria . Ma a questo punto non dovrebbe tutelarmi la continuità didattica? Secondo i sindacati è giusto riscorrere la graduatoria perché si mette in aspettativa  è una supplenza fino alla fine della scuola/esami ; fosse stata una seconda supplenza breve avrei avuto il diritto di continuare.  Voglio solo capire se ho interpretato male la legge. A me sembra di aver capito bene, ma probabilmente c’è qualche particolare che mi sfugge. La segretaria da un lato dice di riscorrere, dall’altro ha nominato la continuità didattica e io non ho ben capito cosa succederà quando sarà il momento.

Aspettativa per ricongiungimento al coniuge che presta lavoro all’estero. Chiarimenti

Valeria –  Buonasera, il mio coniuge, di nazionalità straniera, lavora all’estero per un ente privato. Essendo passata di ruolo, ho chiesto aspettativa per esperienza lavorativa all’estero ma non quella per l’avvicinamento al coniuge, in quanto l’unione è di fatto avvenuta dopo il passaggio di ruolo. Avrei due quesiti. É possibile cambiare l’aspettativa non retribuita della quale usufruisco attualmente con quella prevista dalla legge Signorello nel caso di coniuge che lavora all’estero. E ancora: quale documentazione è necessario presentarsi e con che tempistica?  Cordialmente.

Permesso per un’ora e obbligo di sostituzione.

Elena – Gentilissimi, desidererei sapere se la richiesta del permesso breve di un’ora, finalizzata ad effettuare una medicazione in ospedale, sia da equiparare alla richiesta di ferie e quindi ci sia bisogno che nella richiesta io indichi il collega che mi sostituirà. Ringraziandovi fin d’ora per la consulenza, esprimo la piena soddisfazione per la vostra assistenza e i vostri servizi.  Cordiali saluti.

Permesso per congedo matrimoniale: è un diritto, non una concessione del Preside

Sono una supplente di terza fascia nella scuola secondaria superiore con contratto fino al 30/06, se mi sposo a giugno, possi richiedere il congedo matrimoniale anche se ci sono gli scrutini di fine anno? Il preside può negarmelo? E per quanto riguarda gli esami di stato? Quest’anno ho una quinta, se quando iniziano gli scritti sono ancora in congedo vengo sostituita per tutta la durata degli esami o rientro in commissione d’esame appena finisce il congedo?
Grazie mille Una supplente di terza fascia

Permesso per concorsi o esami: non vi è alcuna condizione o vincolo in merito alla tipologia di concorsi o esami

Giusy  – Salve, sabato 25 novembre dovrei sostenere l’esame per il conseguimento della certificazione b1 d’inglese (il corso non è stato organizzato dalla mia scuola ma l’ho seguito io privatamente). Oggi ho presentato a scuola la richiesta per poter usufruire di un giorno di permesso per concorsi ed esami ma mi è stato detto che devo usufruire di un giorno di permesso per motivi personali o di ferie. È così?  Grazie in anticipo per la risposta.

Il congedo biennale spetta anche ai supplenti

Scuola – Gentilissimi, un’insegnante nominata per una supplenza breve e saltuaria dal 08/11/2017 al 07/12/2017 ci ha presentato una domanda per usufruire del congedo straordinario per accompagnatore portatore di handicap (congedo biennale) dal 27/11/2017 e fino al termine della supplenza. Si chiede se i supplenti temporanei hanno diritto ad usufruire di questo tipo di congedo. In attesa di Vostro riscontro si porgono cordiali saluti.

L’art 59 non permette di mantenere delle ore nel proprio profilo di appartenenza

Collaboratore – La mia è una domanda alla quale non ho trovato risposta tra le varie da voi trattate. Può un collaboratore scolastico di ruolo accettare un posto al 30 giugno per solo 18 ore come Assistente amministrativo? come è possibile conciliare 18 ore da A.A. con contratto a T.D. e 18 ore da C.S. di ruolo e soprattutto nella stessa scuola? Personalmente non ho trovato alcun riferimento normativo che mi possa chiarire questo dilemma o almeno questa casistica non si è mai verificata durante la mia carriera. Credo che solo voi potete farmi……luce. Vi ringrazio e vi stimo per tutte le soluzioni che ho trovato leggendo le vostre faq.

Assegno di ricerca e punteggio in graduatoria

ViolaBuongiorno, sono un’insegnante di terza fascia e ho un contratto al 30 giugno. Ho vinto, però, un assegno di ricerca di un anno. E’ vero che, beneficiando dell’aspettativa, avrò comunque diritto ai punti per la graduatoria, come se lavorassi fino al 30 giugno, pur non ricevendo più lo stipendio? Mi risulta questo dai documenti che ho trovato in rete. Qualcuno, invece, sostiene che l’accumulo dei punti in periodi di aspettativa sia un diritto dei soli insegnanti di ruolo.  Vi sarei grata se poteste darmi una risposta in merito. Saluti.

Permessi 104/92 e ricovero del disabile. Chiarimenti

Vanessa   – Buongiorno sono una docente di scuola primaria. Mia suocera ha ottenuto la 104 ma è in una casa di riposo. Almeno 1 o 2 volte al mese deve recarsi all ausl per effettuare controlli psichiatrici e ha bisogno di essere accompagnata. Posso prendere in questo caso i permessi x la 104 e quale documentazione devo presentare alla segreteria? Grazie

Aspettativa per altro lavoro. Concessione e periodo di tempo

Mariabeatrice – Salve, il CCNL scuola all’art. 18 comma 3 prevede la possibilità per i docenti di chiedere un aspettativa per “realizzare l’esperienza di una diversa attività lavorativa” . Trovandomi in questa situazione vi chiederei un parere su due questioni:il CCNL, sempre all’art. 18, dice che l’aspettativa è “erogata dal dirigente scolastico”, quale è il grado di discrezionalità del dirigente?Il comma 3 individua il tempo dell’aspettativa per diversa attività in un anno scolastico. A vostro parere si può richiedere un’aspettativa che parta da gennaio 2018 e termini a gennaio 2019? Oppure per anno scolastico s’intende 1 settembre/31 agosto?

Assegno di ricerca e anno di prova

Francesca  – scrivo con molta preoccupazione per avere un’informazione. Sono stata immessa in ruolo lo scorso settembre, ma in questi anni ho sempre collaborato con l’università. Inaspettatamente mi è stato chiesto di provare a partecipare ad un concorso per assegno di ricerca biennale cui tengo moltissimo e che inizierebbe il 1° gennaio 2018 (il bando uscirà la settimana prossima! Sono molto preoccupata di perdere l’occasione). Nel caso vincessi il concorso, potrei chiedere l’aspettativa a scuola per il tempo dell’assegno e nonostante l’anno di prova iniziato? Vi sono infinitamente grata della vostra risposta, un saluto cordiale.

Part time verticale e permessi 104/92. Il CCNL/2007 non prevede il riproporzionamento

Maria Rita – Buongiorno, sono Assistente Amministrativo in un Istituto di Scuola Superiore 2° Grado e ho da richiedervi gentilmente un chiarimento relativo alla nuova sentenza riferita alla Legge 104 (giorni consentiti in part time verticale con orario superiore 50%). Io lavoro 3 gg. (18 h) su 5 (la mia scuola effettua orario settimana corta) ed usufruisco dei permessi per mio papà con Legge 104 (invalido 100% con gravità). Posso richiedere anch’io i 3 gg. o mi spetta sempre un solo giorno come sin’ora consentito ? Cordiali saluti.

Permesso per motivi personali e autocertificazione. Chiarimenti

Liliana – Ho inviato alla mia Dirigente regolare domanda per usufruire di due giorni  dei tre che mi spettano di permesso retribuito, motivando la richiesta con: “necessità di assistere un famigliare per intervento chirurgico”. Mi sono sentita dire che la motivazione non è completa: in un primo tempo la Dirigente mi ha chiesto di allegare gli estremi della prenotazione e comunicare il nome dell’ospedale;  le ho fatto presente che questo potrebbe violare la privacy e che, a mio avviso,  la mia autocertificazione dovrebbe bastare. Ho avuto il suo diniego e vuole comunque una dichiarazione rilasciata dalla struttura sanitaria che attesti la mia presenza nei due giorni, in quanto, dal 1° settembre sarebbe cambiata la normativa. Vorrei sapere come mi devo comportare e se realmente sono state introdotte norme restrittive riguardo all’autocertificazione. Ringrazio per l’attenzione e in attesa di un cortese riscontro saluto cordialmente.

Permesso per matrimonio: il docente deve garantire comunque la sua presenza l’ultimo giorno di scuola?

Sonia –  Ho letto i vostri articoli inerenti ai 15 giorni di permesso fruibili per il matrimonio. La mia domanda è : io mi sposo il 14 giugno, la scuola dell’infanzia statale in cui lavoro finisce il 23 giugno.
Io il 23 (ultimo giorno di scuola) devo essere in servizio per chiudere l’anno scolastico o posso tranquillamente continuare a usufruire dei miei giorni? Grazie in anticipo

Congedo biennale per parenti e affini. Chiarimenti

Scuola – Una docente chiede alla nostra Direzione, in data 11/10/2017, un congedo biennale legge 104 per assistenza della nonna del marito. Dichiara che la signora è inserita nel proprio stato di famiglia. Chiediamo se ne ha diritto in quanto parente affine (di che tipo?) visto anche che la precedono il figlio della signora (suocero della docente) ed il nipote (marito della docente) e nessuno di essi ha preclusioni di sorta. Facciamo fede ai 60 giorni per fornire una risposta? Restiamo in attesa di un vostro riscontro. Cordiali saluti

Incarico al 30/6 e aspettativa per motivi di studio

Renata – vorrei alcune delucidazioni in merito all’aspettativa per motivi di studio.ho una supplenza su sostegno al 30.6 in Regione diversa e lontana rispetto a quella dove sto frequentando il corso di abilitazione sul sostegno. Se il Dirigente scolastico dovesse concedermela, perché potrebbe negarmela, giusto? 1) il punteggio mi verrà riconosciuto? 2) avrò diritto alla retribuzione? 3) è possibile richiederla solo per un paio di mesi? E se rientro 90 giorni prima del termine del contratto avrò  diritto alla disoccupazione? Grazie. Cordiali saluti.

Congedo biennale. Punteggio di ruolo

Valerio – Gentilissimi, sono un insegnante di ruolo nella scuola secondaria e a Gennaio vorrei richiedere 2 mesi di congedo retribuito per assistere mia madre che dovrà operarsi. Mia madre è in situazione di gravità ed ha la 104 art.3 comma 3 ed io sono il suo unico figlio convivente (mia sorella risiede all’estero). Con quanto anticipo devo chiedere tale congedo retribuito? I due mesi incideranno sulla maturazione del punteggio di ruolo? Devo utilizzare un modulo particolare o basta la richiesta in carta semplice alla segreteria della mia scuola? Posso inviare una Pec?

Permesso per testimonianza

Elisa  – Come si esprime la normativa a proposito di permessi da chiedere per citazione testimoniale avanti Tribunale Penale se l’imputato è un privato cittadino e non l’Amministrazione? Devo prendere un permesso per motivi personali/familiari sottraendo il giorno ai 3+6? Ringrazio anticipatamente per la risposta e cordialmente saluto.

Congedo biennale per la suocera. Chiarimenti

Vincenzo  – Sono una collaboratrice scolastica con C.T.D. fino al 30/06/2018, vorrei chiederle se posso usufruire del congedo straordinario per mia suocera affetta da disabiltà grave (104 art. 3 com. 3) con la quale sono convivente. Voglio evidenziare che mio marito unico figlio convivente è affetto da patologie invalidanti a carico del rachide cervico-lombare per la presenza di discopatie multiple evidenziate da R.S.M e certificate da specialistici di strutture pubbliche e dunque impossibilitato ad un assistenza quotidiana della propria madre. Inoltre,  lo stesso, è in attesa di riconoscimento di invalidità civile. Grazie.

Aspettativa per assegno di ricerca per un supplente con contratto al 30/6

Francesca – vorrei una consulenza in merito alla possibilità di aspettativa per motivi di ricerca. Quest’anno ho fatto il primo inserimento in III fascia e sono stata convocata per una supplenza fino al 30 giugno (4 ore). Poichè lavoro all’università già da tempo, vorrei partecipare al bando per un assegno di ricerca annuale. Sono a conoscenza che l’assegno di ricerca è incompatibile con contratti dipendenti, per cui il mio dubbio è questo: se accetto la convocazione fino a 30 giugno, e poi risulto vincitrice di assegno di ricerca, posso chiedere l’aspettativa per motivi di ricerca? in tal caso, potrò conseguire almeno il punteggio previsto? oppure, poichè avrei un contratto a tempo determinato, l’aspettativa comporta sia la mancanza di retribuzione che di punteggio? Grazie mille.