Supplenze e rifiuto nomina conferita dalle graduatorie di istituto. Quali sanzioni

Riccardo  – vi scrivo per un dubbio che non mi da pace. Mi sono arrivate delle proposte di supplenza al 30 giugno, una di 2 ore in un paesino lontano 40 km da dove abito, e una a 25 km di 6 ore sempre fino al 30 giugno. Poiché sono spezzoni, ed economicamente svantaggiosi, come posso declinare queste supplenze senza sanzioni? Grazie, Riccardo.

Rientro anticipato del titolare. Si rispetta la scadenza del contratto al supplente in servizio

Scuola – Gentilissimi, un’insegnante ha chiesto congedo biennale fino al 31/05/2019. Viene stipulato il contratto con il supplente dal 17/09/2018 al 31/05/2019. Se durante l’anno scolastico dovessero venire meno le condizioni per usufruire del congedo (decesso dell’assistito) il supplente dovrà essere revocato o rimarrà in servizio fino alla scadenza del contratto? Si ringrazia per la consulenza e si porgono distinti saluti.

Neo imesso in ruolo e art 36. Si può da qualsiasi graduatoria

Francesca  – Buongiorno, sono una docente neo immessa in ruolo da GAE cl. conc. A011. Posso avvalermi dell’art.36, aspettativa per motivi di lavoro nel comparto scuola, per incarico conferito da GAE cl. conc. A022 oppure A012 stessa provincia? Posso dunque recarmi alle prossime convocazioni del provveditorato e ambire ad una supplenza al 30/06 o al 31/08? Ovvero il conferimento dell’incarico deve avvenire esclusivamente da graduatoria di istituto? In questo secondo caso, posso accettare convocazione da prima fascia graduatoria d’istituto su classe comune ( chiaramente diversa da quella in cui ho preso il ruolo) o devo aspettare una chiamata, per esempio, da graduatoria incrociata di terza fascia su sostegno senza titolo? In definitiva, il conferimento di supplenza deve obbligatoriamente avvenire da seconda e terza fascia di graduatoria d’istituto?  Grazie.

Indennità di maternità dopo il termine del contratto. Chiarimenti

Cristina  – Buongiorno, sono un’insegnante con scadenza contratto il 30 giugno scorso e  da marzo sono in maternità a rischio per complicanze. Ora che il contratto è terminato , vorrei sapere se dovrò fare domanda naspi oppure continuare a trasmettere all’asl di competenza il certificato di maternità a rischio. Bisogna inoltre comunicare qualcosa all’inps?  Grazie. Buon lavoro.

Contratto per gli esami al supplente che ha partecipato agli scrutini. Chiarimenti per il Dirigente

Dirigente – approfittiamo della Sua disponibilità per chiedere un consiglio. Il nostro docente di Lingua Inglese della scuola secondaria di I grado si è assentato per malattia dal 14 maggio al 13 giugno 2018 per cui abbiamo provveduto a nominare il supplente il quale ha prestato servizio fino al termine delle lezioni il 12 giugno ed ha anche partecipato agli scrutini della classe terza in giorno 13 giugno. Il consiglio che Le chiediamo è questo: – a chi tocca partecipare agli esami che iniziano con la riunione preliminare il giorno 15 giugno al supplente o al titolare che nel frattempo è rientrato in servizio il 14 giugno? – nel caso toccasse al supplente il contratto va stipulato dal 15 fino al termine degli esami o solo per i giorni di effettivo servizio? Vista l’urgenza Le chiediamo, se possibile, una sollecita risposta. Si ringrazia e si porgono cordiali saluti.

Rientro dopo il 30 aprile: il titolare che rientra a disposizione può essere impiegato per gli scrutini se il supplente è assente

Scuola – Spettabile Redazione, la presente per un’informazione in merito alla seguente situazione: – abbiamo nominato un supplente fino all’8 giugno in quanto il docente titolare si è assentato tutto l’anno ed è rientrato dopo il 30 aprile. Il docente supplente ha presentato un certificato di malattia fino all’8 giugno. Gli scrutini delle classi in cui presta servizio il docente verranno fatti il 13 giugno e pertanto al docente supplente spetta la proroga del contratto. Si chiede cortesemente di sapere se, nel caso in cui il docente  supplente rimanesse ulteriormente assente per malattia, gli scrutini possano essere fatti dal docente titolare. Cordiali saluti, Segreteria Amministrativa,

Rientro dopo il 30 aprile: il caso del titolare che rientra nelle classi intermedie ma non in quelle terminali. Chiarimenti per la scuola

Scuola – La titolare rientra dopo il 30 aprile, con assenza inferiore a 150 gg ma superiore a 90. per cui non va nella classe terminale, ma va nelle classi intermedie. alla supplente che continua il servizio nella classe terminale, spetta la proroga per l’intero orario o solo per le ore svolte nella classe terminale?

Indennità di maternità fuori nomina. E’ garantito l’80% dell’ultimo stipendio ricevuto

Paola –  Sono insegnante di terza fascia con contratto fino al 30 giugno.  La data presunta del parto è il 30 settembre. Quindi l’ottavo mese ha inizio il 31 luglio. Posso stipulare con la scuola lo stesso il contratto senza nomina e percepire l’indennità di maternità al 80% anche per il mese da 1 a 31 luglio?  Non mi è chiaro.  Grazie.

Il contratto per gli scrutini deve ricomprendere il sabato e la domenica. Chiarimenti

Danilo – Salve,  Sono un supplente con incarico dal 9/10/2017 fino al termine delle lezioni (con contratto fatto ogni tre mesi) su maternità (N15) per 14h in un istituto superiore, (gli scrutini saranno durante le lezioni), dal 12/04/2018 ho avuto il completamento  orario di 4h in un altro istituito superiore sempre su maternità, ma il termine del contratto è il 07/06/2018 perché è il mio ultimo giorno di lezione, e mi hanno detto che mi faranno un contratto di due giorni per gli scrutini cioè 11/06/18 al 12/06/18 escludendo quindi i giorni che vanno dal 08/06/18 al 10/06/18. È corretto che non mi vengano pagati il sabato e la Domenica? E corretto che il contratto non termini al termine delle lezioni?  Volevo sapere se la segreteria ha torto, e i riferimenti  normativi.  Grazie mille.

Proroga al solo supplente in effettivo servizio. Chiarimenti per la scuola

Assistente Amministrativa – Buongiorno, sono un’A.A. e, non avendo trovato risposta nelle Faq al mio problema, scrivo per richiedere una consulenza in merito a  RDL da instaurare con  docenti di religione con supplenza breve e saltuaria per il periodo riferito a svolgimento di scrutini ed esami nella scuola secondaria di 1°. Descrizione della situazione: -Docente titolare assente dall’inizio dell’anno scolastico – la prima  supplente che è stata individuata  risulta assente anch’ella dall’inizio dell’anno scolastico e , al momento, sino al 12 giugno p.v.  (suppl. A) – il supplente individuato sulla supplente A è  in servizio  dall’inizio dell’anno scolastico ed è stato nominato come facente parte della commissione d’esame (suppl. B) DOMANDA: –  Il  contratto per gli   esami  spetta ad entrambi i supplenti? – Qualora il supplente A dovesse rientrare dopo il 12 giugno  chi è tenuto a fare parte della commissione d’esame e quindi ad ottenere l’instaurazione  RDL, il supplente A o il supplente B? Resto  in attesa di risposta e ringrazio anticipatamente.

Proroga per scrutini ed esame al supplente in effettivo servizio. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Una docente di ruolo della scuola secondaria di I grado in part-time per n. 12 ore con servizio dal lunedì al mercoledì, è assente per malattia dal 23/05/2018 al 13/06/2018.  Le lezioni terminano sabato 09/06/2018 e gli scrutini sono programmati per il giorno 6 e 8 giugno. Dal lunedì 11/06/2018 al 27/06/2018 la docente titolare sarebbe impegnata per gli esami di conclusione del primo ciclo di istruzione avendo classi terminali. Si chiede se il supplente nominato in sostituzione dal 23/05/2018 al 06/06/2018 (ultimo giorno servizio mercoledì) e per gli scrutini del giorno 08/06/2018 abbia diritto anche ad effettuare la supplenza anche per il periodo di esami dal 11/06/2018 al 27/06/2018 o se la nomina debba essere data ad altro docente della stessa materia già in servizio nella scuola fino al 30/06/2018. Distinti saluti. La Segreteria.

Dopo il 30 aprile la titolare non può più rientrare nelle classi. Chiarimenti per la scuola

Scuola –  avremmo bisogno di una informazione in merito al rientro in servizio di una docente dopo il 30 aprile. La docente, insegnante in classe 5^ scuola primaria  e’ in aspettativa da dicembre 2017. Inizialmente l’aspettativa era richiesta fino al 27 aprile 2018. Abbiamo nominato il supplente dall’08/01/2018 al 27/04/2018. Successivamente la docente ha prorogato l’aspettativa dal 28/04/2018 al 11/05/2018. Il supplente però non ha accettato la proroga. Abbiamo quindi nominato dal 02 maggio 2018 un nuovo supplente. Al nuovo supplente il contratto va fatto fino al 11.05.2018 oppure, considerata l’assenza del titolare superiore ai 90/150 giorni, fino al termine delle lezioni?  Grazie e cordiali saluti, Segreteria Amministrativa

Rientro dopo il 30 aprile: la proroga spetta alla docente in effettivo servizio

Caterina – Buonasera, sono una docente di seconda fascia d’istituto; il 05 ott.2017 ho stipulato un contratto di 6 ore con una scuola fino al 29 aprile 2018 (astensione per allattamento); ho preso regolarmente servizio e dopo circa 10 giorni in seguito a gravi problemi di salute ho presentato certificato di malattia (stato a tutt’oggi in vigore). Premesso che la titolare avendo raggiunto i 150gg. di assenza rientrerà in servizio con messa a disposizione il 02Maggio; La domanda che vi pongo è la seguente: ho diritto alla proroga sul contratto fino a fine anno? La dirigente sostiene che in base all’art.37 del CCNL per continuità didattica ne avrebbe diritto solo la mia supplente, nominata all’occorrenza poiché è stata fisicamente in classe per tutto il periodo. Resto in attesa di un vostro riscontro…

Rientro dopo il 30 aprile: i giorni di sospensione delle lezioni o di chiusura della scuola rientrano nei 150/90 giorni di assenza

Scuola- Spettabile Orizzonte Scuole, avremmo bisogno di una informazione in merito al rientro in servizio di una docente dopo il 30 aprile. La docente, insegnante in classe 5^ scuola primaria è in aspettativa da dicembre 2017 fino al 27 aprile 2018. Abbiamo nominato il supplente dall’08/01/2018 al 27/04/2018. Il giorno 30 aprile la scuola è chiusa e la docente titolare ha comunicato di rientrare in servizio il giorno 2 maggio 2018. Si può mantenere in servizio il docente  supplente fino al termine delle lezioni? Grazie e cordiali saluti, Segreteria Amministrativa.

Indennità di maternità fuori nomina purché non sono passati 60 gg. dal termine dell’ultimo contratto

Francesca  – Salve sono una docente di religione di scuola superiore il 22.03.2018 mi è scaduto il contratto e nel frattempo mi sono accorta di essere incinta, posso richiedere l’indennità di maternità fuori nomina? quali sono i requisiti? da varie fonti ho appreso che si puo’ richiedere solo in caso di maternità a rischio. Grazie mille. Saluti.

Quando i periodi di sospensione delle lezioni vanno inclusi nel contratto

Scuola – Buongiorno,si pone questo quesito relativo ad una supplenza. Docente assente per malattia fino al giorno 27/03 che presenta nuovo certificato di malattia, senza interruzione, dal giorno 28/03 fino al giorno 20/05. Al supplente, in carica fino al 27/03, andrà prorogato il contratto (per continuità didattica) fino al giorno 20/05. Tuttavia il dubbio è: siccome il giorno 28/03 è l’ultimo giorno di scuola prima delle festività, ma il docente ha il giorno libero, il nuovo contratto del supplente partirà comunque dal giorno 28/03 o dal primo giorno di rientro a scuola? Un grazie se vorrete fornire chiarimenti.

Art 59 e perdita della titolarità. Dopo quanti anni? Chiarimenti per la scuola

Scuola – Gentile Redazione, una collaboratrice scolastica ha usufruito di aspettativa ex art. 59 per accettare contratti a tempo determinato da ass. amm.va  fino al termine delle attività didattiche nei seguenti periodi dal 15.12.2015 al 30.6.2016 dal 5.9.2016 al 31.7.2017 dal 6.9.2017 al 30.6.2018 Alla luce di quanto scritto all-art. 59 del CCNL  IL PERSONALE ATA PUO ACCETTARE…….. CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO…….MANTENENDO SENZA ASSEGNI COMPLESSIVAMENTE PER TRE ANNI LA TITOLARITA DELLA SEDE si chiede  se quest’anno la collaboratrice  in questione  dovrà presentare domanda di mobilità per il 2018/19  per riacquisire la titolarità su una sede. Grazie per l-attenzione e la disponibilità. UFF. PERSONALE

Supplenza su posto disponibile dopo il 31/12 con due supplenti in servizio. Chiarimenti per il Dirigente

Dirigente  – Gentile staff, scrivo per proporre un quesito, grazie per la collaborazione. Docente di scuola primaria  a tempo indeterminato: assente per 104 e per salute da settembre 2017, in attesa di visita collegiale Su di lei, docente A, si nomina docente B, prende servizio per 1 (uno) giorno e dal secondo giorno in congedo per maternità , su B si nomina la docente C. Docente A: Esito visita collegiale seduta successiva al 31 dicembre 2017: temporaneamente non-idonea al servizio, collocamento fuori ruolo sino al 10 luglio 2018. Il posto occupato da Docente A cambia qualifica? Docente B: interdizione dal lavoro per gravi complicanze della gestazione sino al 15 aprile 2018 con certificazione dell’Ispettorato. docente C: proroga supplenza. Docente B?

Rientro dopo il 30 aprile. E’ il supplente che partecipa agli scrutini ed eventuali esami

Anna  – Salve, Vi contatto per avere un chiarimento in merito alla mia situazione. Sono una docente di inglese di scuola sec di 1’ grado con contratto fino al 30/06; quest’anno però non ho mai preso servizio effettivo perché in maternità. Per motivi personali ho deciso di  sfruttare tutti i sei mesi di maternità facoltativa. Dopo il 30 aprile quindi tornerò a disposizione non essendo mai rientrata in classe fisicamente. Ora chiedo: – quale sarà il mio ruolo (se ne avrò uno) durante gli esami finali? Immagino che sia la supplente a dover presiedere. – Dovrò partecipare alle operazioni di scrutinio e consiglio? – la mia bimba è nata l’11.06.17. Dal 12.06.18 l’orario ridotto per allattamento tornerà ad essere orario “normale” fino al termine del contratto? Ringrazio in anticipo per la vs risposta, Saluto cordialmente.

Dopo il 31/12 tutte le supplenze sono “temporanee”. Errore della scuola. Chiarimenti

Denise – Buongiorno, mi chiamo Denise, sono una supplente della scuola primaria.Le spiego il mio problema. – il 26 ho preso servizio con un contratto di proroga dal 26 febbraio al 24 maggio; – Dal 27 febbraio al 2 marzo chiedo permesso nn retribuito per motivi familiari; – il 28 febbraio muore la docente che sostituivo, la scuola nn mi chiama , io lo vengo a sapere dai colleghi; – sino a martedì 6 marzo la scuola è chiusa perché sede elettorale e io mercoledì 7 mi presento a lavoro; – vado in segreteria perché ho il dubbio riguardo al contratto firmato sino al 24 maggio e mi dicono che nn dovevo essere a lavoro perché loro mi hanno mandato una mail, mai ricevuta, dove dicevano che il contratto era revocato dal 1 marzo è che ora avrebbero, appena possibile, mandato le mail per la riconvocazione dei candidati perché c’è stata interruzione del servizio il 2 marzo e io nn ho diritto alla continuità. È così, ho perso il diritto alla continuità? Nel frattempo nn è stato nominato nessuno per sostituirmi. Grazie per l’attenzione.

Proroga della supplenza e scuola che adotta la settimana corta. Chiarimenti

Dirigente scolastico   – Buongiorno, vorrei un chiarimento in merito ad una supplenza temporanea conferita per le giornate di giovedì, venerdì e lunedì successivo. La scuola ha la settimana corta con conseguente sospensione delle lezioni il sabato. Come considerare sabato e domenica nel caso in specie? Dal momento che la supplente non completa l’orario settimanale, ha comunque diritto al pagamento del sabato e della domenica? Grazie per il prezioso servizio che garantite alle scuole.