Proroga per scrutini ed esame al supplente in effettivo servizio. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Una docente di ruolo della scuola secondaria di I grado in part-time per n. 12 ore con servizio dal lunedì al mercoledì, è assente per malattia dal 23/05/2018 al 13/06/2018.  Le lezioni terminano sabato 09/06/2018 e gli scrutini sono programmati per il giorno 6 e 8 giugno. Dal lunedì 11/06/2018 al 27/06/2018 la docente titolare sarebbe impegnata per gli esami di conclusione del primo ciclo di istruzione avendo classi terminali. Si chiede se il supplente nominato in sostituzione dal 23/05/2018 al 06/06/2018 (ultimo giorno servizio mercoledì) e per gli scrutini del giorno 08/06/2018 abbia diritto anche ad effettuare la supplenza anche per il periodo di esami dal 11/06/2018 al 27/06/2018 o se la nomina debba essere data ad altro docente della stessa materia già in servizio nella scuola fino al 30/06/2018. Distinti saluti. La Segreteria.

Dopo il 30 aprile la titolare non può più rientrare nelle classi. Chiarimenti per la scuola

Scuola –  avremmo bisogno di una informazione in merito al rientro in servizio di una docente dopo il 30 aprile. La docente, insegnante in classe 5^ scuola primaria  e’ in aspettativa da dicembre 2017. Inizialmente l’aspettativa era richiesta fino al 27 aprile 2018. Abbiamo nominato il supplente dall’08/01/2018 al 27/04/2018. Successivamente la docente ha prorogato l’aspettativa dal 28/04/2018 al 11/05/2018. Il supplente però non ha accettato la proroga. Abbiamo quindi nominato dal 02 maggio 2018 un nuovo supplente. Al nuovo supplente il contratto va fatto fino al 11.05.2018 oppure, considerata l’assenza del titolare superiore ai 90/150 giorni, fino al termine delle lezioni?  Grazie e cordiali saluti, Segreteria Amministrativa

Rientro dopo il 30 aprile: la proroga spetta alla docente in effettivo servizio

Caterina – Buonasera, sono una docente di seconda fascia d’istituto; il 05 ott.2017 ho stipulato un contratto di 6 ore con una scuola fino al 29 aprile 2018 (astensione per allattamento); ho preso regolarmente servizio e dopo circa 10 giorni in seguito a gravi problemi di salute ho presentato certificato di malattia (stato a tutt’oggi in vigore). Premesso che la titolare avendo raggiunto i 150gg. di assenza rientrerà in servizio con messa a disposizione il 02Maggio; La domanda che vi pongo è la seguente: ho diritto alla proroga sul contratto fino a fine anno? La dirigente sostiene che in base all’art.37 del CCNL per continuità didattica ne avrebbe diritto solo la mia supplente, nominata all’occorrenza poiché è stata fisicamente in classe per tutto il periodo. Resto in attesa di un vostro riscontro…

Rientro dopo il 30 aprile: i giorni di sospensione delle lezioni o di chiusura della scuola rientrano nei 150/90 giorni di assenza

Scuola- Spettabile Orizzonte Scuole, avremmo bisogno di una informazione in merito al rientro in servizio di una docente dopo il 30 aprile. La docente, insegnante in classe 5^ scuola primaria è in aspettativa da dicembre 2017 fino al 27 aprile 2018. Abbiamo nominato il supplente dall’08/01/2018 al 27/04/2018. Il giorno 30 aprile la scuola è chiusa e la docente titolare ha comunicato di rientrare in servizio il giorno 2 maggio 2018. Si può mantenere in servizio il docente  supplente fino al termine delle lezioni? Grazie e cordiali saluti, Segreteria Amministrativa.

Indennità di maternità fuori nomina purché non sono passati 60 gg. dal termine dell’ultimo contratto

Francesca  – Salve sono una docente di religione di scuola superiore il 22.03.2018 mi è scaduto il contratto e nel frattempo mi sono accorta di essere incinta, posso richiedere l’indennità di maternità fuori nomina? quali sono i requisiti? da varie fonti ho appreso che si puo’ richiedere solo in caso di maternità a rischio. Grazie mille. Saluti.

Quando i periodi di sospensione delle lezioni vanno inclusi nel contratto

Scuola – Buongiorno,si pone questo quesito relativo ad una supplenza. Docente assente per malattia fino al giorno 27/03 che presenta nuovo certificato di malattia, senza interruzione, dal giorno 28/03 fino al giorno 20/05. Al supplente, in carica fino al 27/03, andrà prorogato il contratto (per continuità didattica) fino al giorno 20/05. Tuttavia il dubbio è: siccome il giorno 28/03 è l’ultimo giorno di scuola prima delle festività, ma il docente ha il giorno libero, il nuovo contratto del supplente partirà comunque dal giorno 28/03 o dal primo giorno di rientro a scuola? Un grazie se vorrete fornire chiarimenti.

Art 59 e perdita della titolarità. Dopo quanti anni? Chiarimenti per la scuola

Scuola – Gentile Redazione, una collaboratrice scolastica ha usufruito di aspettativa ex art. 59 per accettare contratti a tempo determinato da ass. amm.va  fino al termine delle attività didattiche nei seguenti periodi dal 15.12.2015 al 30.6.2016 dal 5.9.2016 al 31.7.2017 dal 6.9.2017 al 30.6.2018 Alla luce di quanto scritto all-art. 59 del CCNL  IL PERSONALE ATA PUO ACCETTARE…….. CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO…….MANTENENDO SENZA ASSEGNI COMPLESSIVAMENTE PER TRE ANNI LA TITOLARITA DELLA SEDE si chiede  se quest’anno la collaboratrice  in questione  dovrà presentare domanda di mobilità per il 2018/19  per riacquisire la titolarità su una sede. Grazie per l-attenzione e la disponibilità. UFF. PERSONALE

Supplenza su posto disponibile dopo il 31/12 con due supplenti in servizio. Chiarimenti per il Dirigente

Dirigente  – Gentile staff, scrivo per proporre un quesito, grazie per la collaborazione. Docente di scuola primaria  a tempo indeterminato: assente per 104 e per salute da settembre 2017, in attesa di visita collegiale Su di lei, docente A, si nomina docente B, prende servizio per 1 (uno) giorno e dal secondo giorno in congedo per maternità , su B si nomina la docente C. Docente A: Esito visita collegiale seduta successiva al 31 dicembre 2017: temporaneamente non-idonea al servizio, collocamento fuori ruolo sino al 10 luglio 2018. Il posto occupato da Docente A cambia qualifica? Docente B: interdizione dal lavoro per gravi complicanze della gestazione sino al 15 aprile 2018 con certificazione dell’Ispettorato. docente C: proroga supplenza. Docente B?

Rientro dopo il 30 aprile. E’ il supplente che partecipa agli scrutini ed eventuali esami

Anna  – Salve, Vi contatto per avere un chiarimento in merito alla mia situazione. Sono una docente di inglese di scuola sec di 1’ grado con contratto fino al 30/06; quest’anno però non ho mai preso servizio effettivo perché in maternità. Per motivi personali ho deciso di  sfruttare tutti i sei mesi di maternità facoltativa. Dopo il 30 aprile quindi tornerò a disposizione non essendo mai rientrata in classe fisicamente. Ora chiedo: – quale sarà il mio ruolo (se ne avrò uno) durante gli esami finali? Immagino che sia la supplente a dover presiedere. – Dovrò partecipare alle operazioni di scrutinio e consiglio? – la mia bimba è nata l’11.06.17. Dal 12.06.18 l’orario ridotto per allattamento tornerà ad essere orario “normale” fino al termine del contratto? Ringrazio in anticipo per la vs risposta, Saluto cordialmente.

Dopo il 31/12 tutte le supplenze sono “temporanee”. Errore della scuola. Chiarimenti

Denise – Buongiorno, mi chiamo Denise, sono una supplente della scuola primaria.Le spiego il mio problema. – il 26 ho preso servizio con un contratto di proroga dal 26 febbraio al 24 maggio; – Dal 27 febbraio al 2 marzo chiedo permesso nn retribuito per motivi familiari; – il 28 febbraio muore la docente che sostituivo, la scuola nn mi chiama , io lo vengo a sapere dai colleghi; – sino a martedì 6 marzo la scuola è chiusa perché sede elettorale e io mercoledì 7 mi presento a lavoro; – vado in segreteria perché ho il dubbio riguardo al contratto firmato sino al 24 maggio e mi dicono che nn dovevo essere a lavoro perché loro mi hanno mandato una mail, mai ricevuta, dove dicevano che il contratto era revocato dal 1 marzo è che ora avrebbero, appena possibile, mandato le mail per la riconvocazione dei candidati perché c’è stata interruzione del servizio il 2 marzo e io nn ho diritto alla continuità. È così, ho perso il diritto alla continuità? Nel frattempo nn è stato nominato nessuno per sostituirmi. Grazie per l’attenzione.

Proroga della supplenza e scuola che adotta la settimana corta. Chiarimenti

Dirigente scolastico   – Buongiorno, vorrei un chiarimento in merito ad una supplenza temporanea conferita per le giornate di giovedì, venerdì e lunedì successivo. La scuola ha la settimana corta con conseguente sospensione delle lezioni il sabato. Come considerare sabato e domenica nel caso in specie? Dal momento che la supplente non completa l’orario settimanale, ha comunque diritto al pagamento del sabato e della domenica? Grazie per il prezioso servizio che garantite alle scuole.

La supplenza deve essere disposta per l’intero orario del titolare sostituito

Docente – Sono stata convocata per una supplenza breve di 5 giorni, dal lunedì al venerdì presso un istituto comprensivo in provincia di Caserta.La collega assente ha un orario completo di 24 ore settimanali. Nella stipula del contratto mi hanno invece conteggiato 19 ore settimanali essendo non richiesta la mia presenza nell’orario di compresenza e non conteggiando l’ora “buca”. Inoltre mi hanno conteggiato un’unica ora di programmazione pomeridiana indipendentemente dal fatto che sono rimasta le 2 ore per compilare la stessa come tutte le altre colleghe. Sinceramente, è la prima volta che mi capita una cosa simile e sinceramente vorrei sapere come è orientata la normativa vigente in materia.Grazie mille per la certamente esauriente risposta.

Supplente in infortunio sul lavoro e accettazione di un nuovo contratto o di una proroga contrattuale

Scuola – Un collaboratore scolastico, con contratto di supplenza breve, è caduto mentre veniva a scuola. Il pronto soccorso lo ha considerato Infortunio INAIL e procederemo con la denuncia infortunio sul lavoro “in itinere”. Nel frattempo, considerata il termine del contratto della supplente il 07/02/2018 e la continuazione dell’assenza del titolare, alla luce dell’art. 20 comma 3 del CCNL, chiediamo un confronto riguardo ai seguenti punti: 1)  Il supplente infortunato ha diritto alla proposta di proroga del contratto sebbene non possa sicuramente assumere effettivo servizio? 2)      Come si configura l’eventuale contratto di proroga: varrà ai soli fini giuridici o anche ai fini economici? Cordiali saluti

Rifiuto proroga contrattuale e sanzioni

Martina  – Buongiorno a tutti, faccio supplenza in una scuola media in cui mi fanno fare supplenze spezzettate e nei periodi di festa quindi ho l’interruzione senza stipendio. Vorrei non accettare più la proroga perché nella scuola mi trovo male e spero in una chiamata continua fino a giugno. Le domande sono due: È possibile farlo o devo aspettare per forza un’altra chiamata, o magari si va incontro a qualche sanzione tipo la cancellazione dalle graduatorie di istituto?  Nel caso si potesse fare devo dare qualche spiegazione scritta o motivazione valida?  Grazie.

Malattia del bambino non retribuita e punteggio. Chiarimenti

Alessandra – Salve. Ho letto che se vengono superati i 30 giorni di malattia del bambino nei primi tre anni,  in qualita’ di personale ata terza fascia, gli eccedenti non vengono retribuiti ma vengono conteggiati come anzianità di servizio. Cosa vuol dire che si acquisisce lo stesso il punteggio? Grazie mille.

Proroga supplenza personale ATA. Chiarimenti

Scuola – Si sottopone il seguente quesito. Un collaboratore scolastico risulta assente dal 22/09/2017 (dal 22/09 al 31/10, dal 08/10 al 08/11, dal 09/11 al 10/12, dal 11/12 al 12/01, dal 13/01 al 11/02). E’ stato nominato un supplente fino al 12/01/18. Con ordinanza del Comune di ubicazione del  plesso di servizio ha disposto la chiusura del plesso dal 13/01/18 fino al 21/01/2018 per lavori strutturali sull’edificio. Si chiede se è possibile fare: 1)       conferma del contratto al supplente (contratto chiuso al 12/01/18) dal 13/01 al 11/02/2018 contestualmente al certificato di malattia del titolare 2)      Conferma del contratto dal 22/01 al 11/02/18 Oppure se bisogna fare una nuova convocazione (supplenza dal 22/01 al 11/02/18) scorrendo di nuovo le graduatorie di Istituto. Si ringrazia.

Supplenze: Pagamento delle vacanze e proroga della supplenza

Paola – sono una supplente di terza fascia. Sto sostituendo una docente di sostegno che è in malattia dal 20 novembre 2017. La mia supplenza è cominciata il 5 dicembre. Inizialmente mi è stato fatto un contratto dal 5 al 23 dicembre, anche se il certificato di malattia della docente da me sostituita scadeva il 28 dicembre. In seguito la docente ha prodotto un certificato di malattia dal 29 dicembre al 10 gennaio, e poi un altro dall’11 al 14 gennaio, e quindi un terzo dal 15 gennaio al 22 febbraio. La mia supplenza è stata prorogata all’inizio fino al 10 e poi fino al 14 gennaio. Il giorno 13 gennaio ho contattato la segreteria per avere notizie, e mi è stato detto che la supplenza sarebbe stata prorogata fino al 22 febbraio. A quel punto ho chiesto alla segretaria se, dato che la mia supplenza era iniziata più di sette giorni prima dell’inizio delle vacanze natalizie e di certo sarebbe durata oltre sette giorni dopo la ripresa, io non avessi diritto anche al pagamento delle vacanze. Lei ha tentennato, mi ha risposto che i certificati di malattia erano più d’uno e quindi secondo lei il mio caso non rientrava nella normativa; ma avrebbe consultato la dirigente. In serata sono andata a controllare i miei contratti sul sito Istanze on line, e ho visto che le vacanze natalizie sono state inserite, ma la mia supplenza è stata prorogata solo fino al 22 gennaio anziché fino al 22 febbraio. Un mese in meno rispetto all’assenza della docente che sostituisco e rispetto a quello che mi era stato comunicato per telefono. E’ regolare un’operazione di questo tipo? Mi sa tanto di ritorsione per la mia richiesta, anche se non ho chiesto altro se non il riconoscimento di un diritto sancito da una legge. In attesa di una Sua risposta, porgo cordiali saluti.

Supplente e indennità di maternità fuori nomina: spetta anche per i periodi di interdizione per gravi complicanze della gestazione

Marilenasono una supplente in seconda fascia, vi scrivo per avere dei chiarimenti riguardo alla mia situazione. Sono stata convocata per una supplenza con contratto fino al 7 Dicembre 2017 ma essendo che sn in gravidanza ho accettato senza prendere servizio e ho usufruito dell’ interdizione per gravidanza a rischio; il certificato medico e quindi tutta la pratica x l ‘interdizione aveva scadenza il 28 Dicembre 2017, quindi dopo la scadenza del contratto ero coperta dall’indennità fuori nomina. Giorno 29 Dicembre ho continuato a mandare l ‘interdizone xchè il mio sindacato mi ha detto che fino a 3 mesi dopo il parto posso usufruire dell’ indennità fuori nomina anche se non sono più coperta dal contratto. Oggi invece ho ricevuto una chiamata dalla scuola e mi viene detto che non avevo motivo di mandare il certificato in quanto il nostro rapporto si è interrotto il 28 Dicembre! Mi rivolgo a voi facendovi questa domanda: ha ragione la scuola dicendo che l ‘indennità fuori nomina si è interrotta xchè il certificato era valido fino al 28 Dicembre e non prendono in considerazione quello che continua l ‘interdizione?… o ha ragione il mio sindacato dicendo che ho diritto a percepire ancora l ‘indennità e che deve essere la scuola a girare la pratica all ‘ispettorato? Vi prego di aiutarmi e Vi ringrazio anticipatamente. Distinti saluti

Pagamento sospensione delle lezioni. Chiarimenti

Antonella – Buongiorno , sono un’insegnante supplente di scuola primaria , posto comune. Sto sostituendo dall’inizio dell’anno (settembre 2017) una docente con un contratto part-time. 12 ore a settimana così distribuito : mercoledi mattina , giovedì e venerdì pomeriggio, 2 ore di programmazione a lunedì alterni. Il contratto a volte si interrompe , come è successo per le passate festività di Natale, interrotto venerdì 22 dicembre per riprendere regolarmente lunedì 8 gennaio. Chiedo se questa sospensione che comporta ovviamente una perdita in busta paga, sia regolare. Mi risulta che se il docente non si presenta un giorno prima della festività o il giorno del rientro, il mio contratto deve comprendere anche i giorni delle festività natalizie. Come posso documentarmi in merito ?Ringrazio anticipatamente e porgo distinti saluti.

La proroga contrattuale spetta anche al personale ATA

Antonio – Salve sono una collaboratrice scolastica nominata su una supplenza per malattia fino al 7/12/2010,il 11/12/2017 sono stata richiamata perchè la titolare ha continuato la malattia,la DSGA mi vuol far firmare due contratti uno fino al 7/12 e l’altro dal 11/12 perchè secondo lei i tre giorni festivi (8/9/10) non corrispondono alla continuità della malattia. in attesa ringrazio.