Docente titolare su ambito: ha un contratto a tempo indeterminato e un incarico triennale su una scuola dell’ambito

Mirella – Sono appena stata immessa in ruolo da GM Primaria. Il documento rilasciatomi dallo USR segnala che la mia posizione in GM è utile per la proposta di assunzione a tempo indeterminato e successivamente decreta che sono assunto secondo l’ordine di graduatoria ed assegnato ad un certo ambito territoriale.
Poi dice testualmente che ai sensi dell’art. 10 c. 2 del DDG 105/2016, i docenti assunti ricevono le proposte di incarico di durata triennale, di cui all’art. 1 commi 79, 80, 81, 82 della legge 107/2015.
Per cortesia mi spiega se il contratto che andrò a firmare sarà a tempo indeterminato? O se terminato l’incarico triennale e per qualsiasi motivo (contrazione posti, sovrannumero, ecc.) il contratto decade? Grazie

Trasferimento su ambito: il docente che chiede solo COI può essere assegnato in una scuola con COE?

Armando –  Ho ottenuto il trasferimento interprovinciale su ambito (posto comune) in una provincia vicino la mia, ieri mi hanno comunicato che la cattedra è costituita da 3 spezzoni orario su ben 3 comuni all’interno dell’ambito, così composta:

10 ore scuola di titolarità Comune X

5 ore scuola Comune Y

4 ore scuola Comune Z

La mia domanda è: possono assegnare una cattedra all’interno dell’ambito di trasferimento divisa  su 3 Comuni? Premetto inoltre che nella mia domanda di trasferimento avevo indicato espressamente la volontà di trasferimento solo su cattedre interne, per non incorrere nei problemi che le COE potrebbero presentare. Potrei fare ricorso per ottenere l’annullamento del trasferimento o chiedere all’ambito territoriale di competenza un miglioramento della cattedra?

Fiducioso in un Vostro positivo riscontro porgo cordiali saluti.

Anno di prova: per svolgerlo bisogna essere titolari nel grado di istruzione per il quale si effettua prova e formazione

Marco – Sono un insegnante entrato in ruolo lo scorso anno su secondaria II grado (ho ottenuto la conferma in ruolo). Nel caso in cui ottenga l’assegnazione provvisoria su secondaria di I grado (per la quale sono abilitato) per il prossimo A.S. , vorrei sapere se sia possibile svolgere contestualmente l’anno di prova, in modo da non doverlo svolgere in futuro nel caso volessi effettuare il passaggio. Grazie

Istituto di Istruzione Superiore e assegnazione dei docenti ai diversi indirizzi: è competenza del Dirigente scolastico

Arturo – Insegno scienze motorie in un istituto superiore della provincia di Benevento che accorpa vari indirizzi come il liceo classico, il liceo scientifico, un istituto tecnico economico. Attualmente sono titolare al liceo classico. La mia domanda è può il dirigente assegnarmi ad un altro indirizzo, per esempio allo scientifico? Cordiali saluti

Costituzione cattedre in Istituti con plessi in diversi comuni: sia tratta comunque di cattedre orario interne

Teresa – Ho ottenuto il passaggio di ruolo in un grande istituto professionale, situato a 10 km da casa mia (tra l’altro in provincia diversa). Questo istituto ha una sede principale e due sedi staccate, nello stesso comune, e due sedi associate, una in un comune a 25 Km, una in un comune a 20 (Km). Tra loro, le sedi associate distano tra i 23 e i 28 km, a seconda della strada che si percorre. Partendo dalla mia residenza, per giungere in ognuna delle sedi associate, dobbiamo aggiungere i 10 km, essendo in direzioni opposte.

Vincolo quinquennale sul sostegno: può essere ripetuto più volte in base alla mobilità del docente

Antonella – Sono  un’insegnante  di sostegno di ruolo dal 2010 nella scuola superiore  di secondo  grado.
Avendo superato il vincolo quinquennale sul sostegno, quest’anno sono riuscita ad avere il trasferimento  nella  provincia di  Crotone  in scienze matematiche applicate  (A47).
Se il prossimo  anno  scolastico, a livello  provinciale, chiedo di essere trasferita su sostegno,  io sarò  soggetta di nuovo al vincolo quinquennale  sul sostegno? Grazie

Cattedra Orario Esterna: dovrò lavorare su 3 comuni, posso chiedere ottimizzazione?

Letizia – Ho saputo che questo anno la mia cattedra che era di 15+ 3 a disposizione diventerà una COE.  Il mio istituto ha due sedi staccate, su due comuni, ed io lavoro con 12 su uno e 3 nell’altro. Dandomi tre ore in altro istituto mi troverei a lavorare su tre comuni, l’ultimo sarebbe lontano.  Nel comune dove lavoro con 12 ore ci sono tre ore in altro istituto rimaste da un part-time. Posso chiedere eventualmente ottimizzazione cattedra? Anche perché se dovesse essere su tre comuni diventerebbe impossibile fare un orario, insegnando lingue ho tre ore per classe e quindi nella stessa mattina dovrei spostarmi di continuo. Grazie

Docente immessa in ruolo sul sostegno: quando potrà chiedere mobilità su materia?

Emanuela – Vorrei sapere quando è possibile il passaggio di cattedra da sostegno primo grado (di cui posseggo il titolo) a classe di concorso francese primo o secondo grado di cui posseggo abilitazione. Attualmente sono in attesa di ruolo su sostegno e non ho ancora effettuato anno di prova. La ringrazio anticipatamente.

Giovanna Onnis – Gentilissima Emanuela,

il docente immesso in ruolo sul sostegno è tenuto a rispettare il vincolo quinquennale su questa tipologia di posto.

Potrai, quindi chiedere mobilità su materia soltanto dopo essere rimasta sul sostegno per cinque anni.

Il computo del quinquennio decorre dall’anno scolastico di immissione in ruolo e nel calcolo si prende in considerazione anche l’anno in corso nel momento in cui si presenta domanda di mobilità.

I movimenti che ti interessano sono due differenti:  trasferimento da sostegno a francese nella secondaria I grado dove sei titolare  e passaggio di cattedra da sostegno secondaria  I grado a francese secondaria  II grado.

Ti ricordo che per la domanda di passaggio di cattedra, oltre al vincolo quinquennale sul sostegno,dovrai aver superato l’anno di prova nel ruolo di appartenenza

Caricare gli allegati su Istanze online: nella sezione “Gestione allegati” non compare la scuola di titolarità del docente, ma solo i dati anagrafici

Edoardo –  Ho visto che è possibile caricare gli allegati della domanda di utilizzazione e vi chiedo se la sede oggi indicata su istanze online è quella di titolarità dell’anno in corso o se invece è già la sede che risulta dai trasferimenti per il prossimo anno scolastico. La domanda sorge poiché mi è stato riferito che gli uffici provinciali hanno già provveduto a caricare sul sistema i dati sulle domande di trasferimento ma non so se lo stesso sistema li ha già elaborati rendendoli disponibili in forma ufficiosa o se invece per la secondaria superiore, saranno visibili esclusivamente il 13 p.v. Grazie

Trasferimento da sostegno a posto comune: il docente che ottiene il movimento non deve svolgere l’anno di prova

Roberta  – Sono in attesa degli esiti dei trasferimenti. Qualora ottenessi il trasferimento da sostegno a posto comune nella scuola superiore di II grado, essendo titolare su posto di sostegno dello stesso grado,dovrò comunque sostenere nuovamente l’anno di prova con la relativa formazione? Esiste una normativa di riferimento in merito? Il D.M  850 del 2015 parla di passaggio di ruolo, ma non accenna ai trasferimenti. Cosa potrei esibire nel caso in cui in segreteria mi dicessero che devo svolgerlo nuovamente? Grazie, distinti saluti

Esubero in organico di fatto: cosa comporta per il docente in coda nella graduatoria interna di istituto?

Antonella –  In organico di diritto nella mia scuola secondaria sono state assegnate 10 prime, 10 seconde, 8 terze, 7 quarte e quinte. Il tasso di non ammessi in seconda per ora sfiora il 30 % e difficilmente faremo 10 seconde. Vorrei sapere cosa comporterebbe nei miei riguardi una contrazione delle classi a settembre, visto che sono ultima in graduatoria d’istituto per trasferimento ottenuto. Grazie

Passaggio da ambito a scuola: la procedura su istanze online interessa solo i docenti trasferiti o neo-immessi in ruolo su ambito per 2018/19

Diego – Sono un docente titolare di ambito, con incarico triennale presso un I.C.  Ho provato per curiosità a compilare su Istanze Online la Finestra relativa al passaggio da Ambito a scuola e mi viene fuori la dicitura “non è possibile procedere alla gestione della domanda”.  Mi sembra di capire che il discorso, quindi, non riguardi noi che siamo già in possesso di un incarico triennale con una scuola? Ho ben capito? Riguarda chi è passato di ruolo su ambito solo ed esclusivamente per l’anno scolastico 2018/2019. Grazie per la disponibilità

Docenti titolari su ambito: l’abolizione della chiamata diretta non equivale all’abolizione della titolarità su ambito

Valeria – Sono una docente di scuola superiore entrata di ruolo nell’anno scolastico 16/17 su ambito territoriale. Ho letto che la chiamata diretta sarà abolita e verrà abilitata apposita procedura su istanze online. Volevo chiedere se e come potrò ottenere la titolarità sulla scuola in cui sto prestando servizio. Avverrà in maniera diretta? Grazie Cordiali saluti

Docente titolare su cattedra orario esterna: può essere assegnato su cattedra interna presente in organico, se priva di titolare

Clara – Ho presentato domanda di mobilità su COI presso la mia città di residenza dove so che si libererà una COI per il trasferimento di un docente della mia disciplina. In tale Istituto ci sono due cattedre: una COI occupata dal docente con 104 che andrà via e una COE non ex novo. Il mio dubbio è il seguente: avrò il diritto di occupare la COI o il docente interno potrebbe avere la precedenza nell’occuparla? Grazie per l’attenzione, confido in una vostra risposta

Cattedra Orario esterna ex-novo: criteri per la sua attribuzione, possono essere coinvolti anche i docenti con precedenza 104

Giovanna – Sono docente di educazione fisica in una scuola secondaria di primo grado. L’anno prossimo nella mia scuola verrà formata una classe in meno, quindi si prospetta il seguente quadro: 1 cattedra di 18 ore ed una di 16 con completamento in altra scuola dello stesso comune. Nella mia scuola c’è una collega con la 104 con meno punti di me e più giovane di età. La collega ha comunque la precedenza e quindi sono io che devo spostarmi oppure, visto che il completamento sarebbe nello stesso comune, la precedenza dovuta alla L. 104 non ha validità? Vorrei delucidazioni. Grazie

Organico e spezzone residuo nella secondaria II grado: è possibile salvaguardare titolarità docente con orario non inferiore alle 15 ore

Virgilio – Sono un insegnante tecnico-pratico nella secondaria dall’87, sono stato dichiarato soprannumerario con 14h. Ho sempre saputo che la titolarità si perde sotto 9h.
Vorrei sapere se è ancora così o no. In caso affermativo potrebbe indicarmi la normativa e l’art. corrispondente? Grazie infinite

Docente soprannumerario: la sua titolarità non può essere salvaguardata utilizzando le ore liberate da altro docente in part-time

Antonio –  Insegno Lettere in una Scuola Secondaria I Grado, oggi ho ricevuto la chiamata del DS che mi ha comunicato che sono perdente posto e che entro giovedì dovrò produrre domanda di trasferimento. Nella mia  scuola però quest’anno si è formata una classe in più per cui ci sono 10 h di lettere in organico di diritto + 8 ore in organico di fatto che derivano da un part-time. Data la situazione  è legittimo che l’ufficio Scolastico mi dichiari  perdente posto preferendo assegnare le ore ad un insegnante di ruolo di un’altra scuola che deve completare la cattedra? Ho chiamato l’Ufficio Scolastico regionale, ma mi hanno detto che loro si attengono a quanto risulta dal sistema informatico. Cosa posso fare per evitare il trasferimento? Chi decide le COE? Spero che qualcuno possa darmi una mano. Grazie infinite

Vincolo quinquennale sul sostegno: se non superato niente mobilità su posto comune, fatta eccezione per i trasferiti sul sostegno da posto comune con domanda condizionata

Martina – Una docente entrato di ruolo sul sostegno diversi anni fa , in altra provincia, che chiede trasferimento su posto di lingua inglese e lo ottiene nella provincia di residenza, poi chiede assegnazione provvisoria , per avvicinarsi a casa ulteriormente , sempre su sostegno, l’anno successivo ottiene un secondo trasferimento sul sostegno, infine…quest’anno fa il passaggio su posto comune (e lo ottiene) poiché nel frattempo ha la 104 personale.

Presidente commissione esame I grado: il docente che sostituisce il DS non deve essere membro della commissione come docente di classe terza

Simone – A proposito di un articolo apparso oggi sul vostro sito con oggetto Presidente Esame di Stato terza media…la presidenza per il collaboratore del DS dice che deve appartenere all’ordine della secondaria ma non che non deve essere membro del consiglio di classe. Nelle fonti che avete citato non c’è nessun richiamo a questo, d’altra parte il vicepresidente della commissione e della sottocommissione (che assume in caso di impossibilità la presidenza) non è un membro del consiglio di classe? Cordiali saluti

Punteggio di continuità in un IIS: come si calcola? Chiarimenti

Maria – Io e una mia collega abbiamo spulciato tutte le risposte che avete fornito in relazione alla continuità didattica, ma manca un tassello che due colleghe vogliono far valere: dal 2013/14 siamo un Polo con ITC IPS IPSIA E ITI; la graduatoria unica l’abbiamo dall’anno 16/17. Prima di diventare polo unico ITC e IPS per alcuni anni sono stati un unico istituto, ma con codici meccanografici diversi e per trasferirci (siamo in tre in questa situazione) da una scuola all’altra abbiamo dovuto fare regolare domanda di trasferimento. Ora due colleghe pretendono la continuità all’interno di quel plesso, anche se si sono spostate dall’IPS all’ITC con due codici diversi, e quindi vogliono la continuità all’interno dell’intero Polo. Io riterrei di no. Chi ha ragione? Grazie se vorrete rispondere

Strumento musicale nella secondaria I grado: si può insegnare solo nei corsi ad indirizzo musicale

Giuseppe – Sono  insegnante di chitarra presso un Istituto Comprensivo  comprendente diversi plessi ubicati in comuni differenti. Il corso di strumento musicale è effettuato presso il plesso A, scuola che alcuni anni fa è stata accorpata all’Istituto Comprensivo. La mia domanda è la seguente: è possibile insegnare strumento musicale anche negli altri plessi dell’ Istituto Comprensivo o possiamo farlo solo nel plesso dove è sempre stato presente? Grazie